Connect with us

Musica

Il grande cuore di Bruce Springsteen e Jon Bon Jovi: un concerto per raccogliere fondi contro il Coronavirus

Combattere il Coronavirus a colpi di rock: questa è la missione che il prossimo 22 aprile vedrà impegnati Bruce Springsteen, Jon Bon Jovi e altri musicisti nati nel New Jersey in occasione del “Jersey 4 Jersey”

Federico Falcone

Published

on

Combattere il Coronavirus a colpi di rock: questa è la missione che il prossimo 22 aprile vedrà impegnati Bruce Springsteen, Jon Bon Jovi e altri musicisti nati nel New Jersey in occasione del “Jersey 4 Jersey“, evento benefico mirato a raccogliere fondi da destinare all’assistenza dei cittadini dello Stato a stelle e strisce colpiti dal Coronavirus. I proventi raccolti saranno donati al New Jersey Pandemic Refief Fund.

Leggi anche: Il miracolo rock di Jon Bon Jovi: Moscow Music Peace Festival, l’atto di pace tra Stati Uniti e Unione Sovietica

Leggi anche: Il Boss a Sanremo, quando Springsteen portò in paradiso la classe operaia del rock

Il concerto, ovviamente, non potrà che essere a distanza, cioè in remoto. “Il New Jersey è stato colpito in modo particolarmente duro dal contagio da Covid-19. La gente del New Jersey si è sempre data da fare durante i periodi difficili. Quindi è con piacere che vi presento questa iniziativa. Spero che vorrete unirvi a me, a Bon Jovi, Tony Bennet, SZA e molti altri per questo evento speciale“, ha dichiarato Bruce Springsteen nel corso di Good Morning America, talk show televisivo.

Leggi anche: Il grande cuore di Jon Bon Jovi: regala 77 case ai veterani di guerra

Leggi anche: Alle nostre “City of Ruins”

Degli artisti fin’ora confermati, oltre ai sopra citati, ci saranno anche: Danny DeVito, Whoopi Goldberg, Charlie Puth, Chelsea Handler, Kelly Ripa, Jon Stewart e Saquon Barkley. L’evento sarà trasmetto in diretta all’una di notte (ora italiana) del 23 aprile da Apple Music e AppleTV, dalla E Street Radio oltre che da emittenti locali e nazionali.

Leggi anche: La Los Angeles dannata degli Hollywood Vampires: storia della band nata nell’oscurità della città degli angeli

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Lucca Summer Festival, l’edizione 2021 prende forma

Fabio Iuliano

Published

on

Prende forma l’edizione 2021 del Lucca Summer Festival che già può contare sulla riprogrammazione dei concerti di Celine Dion, Liam Gallagher, Nick Mason, Beck, Paolo Conte, Ben Harper e Brunori Sas. Tutti gli artisti avevano dovuto posticipare il concerto a causa dell’emergenza epidemiologica.

Per quanto riguarda gli spettacoli di Yusuf Cat Stevens, John Legend, Lynyrd Skynyrd, Liam Payne, Anderson Paak e Patti Smith, gli accordi verranno chiusi nell’arco delle prossime settimane. L’annuncio è previsto per settembre.

Infine, alla luce dei chiarimenti ottenuti dal legislatore in merito alle modifiche apportate all’Art. 88 del Dl Cura Italia dalla legge di conversione del Dl Rilancio, in ossequio alla normativa vigente, gli organizzatori procederanno al rimborso monetario per il concerto di Paul McCartney.

Continue Reading

Musica

Quel pianoforte ricco di speranza tra le macerie di Beirut

Antonella Valente

Published

on

Abbiamo ancora tutti negli occhi le catastrofiche immagini di Beirut. L’esplosione, avvenuta due giorni fa nel porto della capitale del Libano, ha fin’ora provocato 157 morti, 4mila feriti e circa 350mila sfollati. La deflagrazione, così come l’onda d’urto avvertita fino a Cipro (circa 250 km di distanza), è stata impressionante.

La conseguente nuvola di fumo che si è alzata nel cielo ha richiamato alla memoria scenari atomici che, neanche a farlo apposta, vedono nella giornata di oggi una tragica ricorrenza. Parliamo, ovviamente, della bomba atomica sganciata su Hiroshima il 6 agosto del 1945.

E’ di queste ore un video che vede protagonista una signora anziana della capitale libanese. May Abboud Melki, 79 anni, suona il pianoforte nella sua casa ferita dallo scoppio dell’hangar. Ci sono vetri ovunque, polvere e la tenda di una finestra penzoloni e i mobili in disordine dall’impatto dell’onda d’urto. La signora esegue, con intensità e trasporto, con passione e sentimento, “Aud Lung Syne“, anche conosciuta come il “Valzer delle Candele“, una nota composizione popolare scozzese.

A riprenderla è la nipote, May-Lee Melki, che ha condiviso il video su Facebook, spiegando di voler “Esprimere un simbolo di speranza e pace nel mezzo della disperazione. Quella casa – ha detto la ragazza – ha superato anche gli anni della guerra civile, quando veniva sfiorata dai proiettili“. Come racconta, inoltre, la nipote della pianista, la nonna ha ricevuto il pianoforte come regalo di matrimonio. Un video che sa di speranza, di forza e di coraggio per un popolo che sta attraversando una fase delicatissima della propria esistenza.

Continue Reading

Musica

Neil Young denuncia Trump: non usi i miei brani per promuovere odio e ignoranza

Fabio Iuliano

Published

on

“Questa denuncia non intende mancare di rispetto ai diritti e alle opinioni di cittadini americani che sono liberi di scegliere il loro candidato preferito. Tuttavia il querelante in buona coscienza non può tollerare che la sua musica sia usata come tema per una campagna di ignoranza e odio, che mira a dividere e che non riflette i valori dell’America”.

Non è la prima volta che a Donald Trump viene intimato di non utilizzare determinati brani e, dopo Rolling Stones e Linkin Park, giusto per citarne alcuni, adesso è anche Neil Young a diffidare il presidente degli Stati Uniti dall’utilizzare la sua musica durante la campagna elettorale. Il cantautore canadese, classe 1945, ha apertamente parlato di “odio” e “ignoranza” per descrivere i valori espressi da Trump. Da qui la diffida.

Un’azione che è in linea con la recente lettera aperta di artisti e band statunitensi con tanto di invito a non usare i brani senza consenso. Già alle presidenziali del 2016, quando il rocker canadese sosteva apertamente Bernie Sanders ci fu una controversia per l’uso di Trump della sua “Rockin’ in the Free World”. Per non parlare della reazione furiosa del leader dei Rem dopo che il presidente decise di usare “It’s the End of the World as We Know It (And I Feel Fine)” durante la campagna del 2015: oltre alla reazione scomposta, comunque, non venne presa alcuna azione legale.

Continue Reading

In evidenza