Connect with us

Musica

Sanremo, il festival senza pubblico e senza contenuti: prima serata sotto le aspettative

Federico Falcone

Published

on

Ieri sera ha preso il via la 71esima edizione del Festival di Sanremo. Qualora abbiate perduto la prima serata non disperate, potete recuperarne la cronaca sui principali social network, ideale cassa di risonanza per il tradizionale appuntamento con la musica italiana. Mai come in precedenza, però, la kermesse si è presentata ai nastri di partenza contornata da più ombre che luci, oltre che da un impareggiabile (almeno per ora) ventaglio di polemiche che farebbe impallidire perfino Diego Fusaro.

Le polemiche non sono mai mancate in realtà, neanche negli anni in cui il palco dell’Ariston aveva perduto il suo storico fascino e non era in grado di esprimere la qualità che, invece, avrebbe dovuto garantire prima ancora che esibire, proprio perché punto di riferimento della scena musicale tricolore. La musica italiana, che piaccia oppure no, non può e non deve prescindere dal festival della canzone italiana.

MyZona

Le politiche di rinnovamento del festival, mirate principalmente a ringiovanire l’audience e a “svecchiare” la proposta artistica sul palco, hanno invertito il trend e, grazie anche all’avvento di Facebook prima, Instagram, Twitter e tutti gli altri poi, hanno potuto contare su un’esposizione mediatica che in passato era riservata esclusivamente alla televisione e alla carta stampata. Sanremo, dunque, è cresciuto in termini di mainstream parallelamente all’innovazione tecnologica nel campo della comunicazione digitale. Ma i social network sono croce e delizia, possono essere “piuma o fero” per parafrasare l’immortale Mario Brega.

E gli stessi social network che in questi anni hanno contributo al rilancio della manifestazione ieri sera sono stati impietosi e spietati nei giudizi. Potremmo sostenere che sono stati più “fero” che piuma, ecco. Minuto per minuto, a colpi di tweet o post, la rassegna è stata commentata da coloro che si trovavano di fronte a uno schermo. Dapprima è stata la volta dell’Ariston vuoto, privato del suo pubblico, come normativa vuole. “L’Ariston è un teatro, ed è chiuso come tutti gli altri“, aveva dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza. Coerentemente con quanto affermato, ieri sera la sala era vuota.

La lettera di Amadeus, pubblicata da una testata nazionale, per quanto spendibile non è stata però credibile. In più passaggi è sembrata un’arrampicata sugli specchi e se davvero si è voluto individuare il Festival di Sanremo come la voce di un intero movimento artistico, allora la sua organizzazione avrebbe dovuto accettare, rispettare e portare avanti le regole valevoli per tutti con fermezza e convinzione. Non basta una missiva per dimenticare tutte le pressioni delle scorse settimane quando si tentava in tutti i modi di determinare uno strappo alla regola. Dalla folle idea della nave da crociera fino ai test antigenici, ai tamponi molecolari e ai macchinari per processarli sul momento. No, Sanremo è uno dei tanti eventi che in Italia si tengono. Quindi, come tutti, segue le regole. Gli italiani lo sanno e infatti non sono mancate critiche per alcune dichiarazioni avventate.

Così come non sono mancate critiche per degli sketch, delle battutine che hanno giocato con le ristrettezze delle normative. A un pubblico disattento potevano far ridere, ma a un pubblico leggermente più sul pezzo no. La continua rincorsa alla battuta o al siparietto è indicativa. Quanto è importante, per tenere alta l’attenzione su un festival musicale, andare avanti a colpi di varietà televisivo? Quanto è indispensabile far leva sul pur inossidabile Fiorello, chiamato a riempire i vuoti di una platea che non esiste attingendo a tutte le sue doti di showman? L’assenza di pubblico (e di risate e di applausi veri) comunque non lo aiuta.   Fatica un po’ a ingranare. Del resto, Il problema degli ascolti uno come Zlatan Ibrahimovic non può risolvertelo come se fosse una mischia dentro l’area di rigore.

Bene, anzi benissimo, l’appello per Patrick Zaki, in ogni caso.

Già due anni fa, dopo l’era Baglioni, l’arrivo di un direttore artistico come Amadeus ha fatto virare la produzione verso scelte più televisive che musicali. Ma lo scorso anno la formula ha in qualche modo ha tenuto. Ieri sera, non si è visto (o meglio non si è sentito granché), fatta eccezione per i Maneskin, Max Gazzè e il duo rivelazione Colapesce – Di Martino. Magari hanno pagato un po’ di timore reverenziale nei confronti del festival, sono apparsi un po’ tesi, ma la canzone, vagamente vintage con tanto di pattinatrice anni Ottanta in body fluo, tra Alan Sorrenti, Battisti e Battiato, funziona e il ritornello è di quelle che ti si pianta nella mente.

Niente di nuovo Achille Lauro, nella sua (non) trasgressione che (non) prescinde da cliché e che alla fine finisce per diventare qualcosa di tragicomico. Niente di particolarmente diverso da quello che avevamo visto lo scorso anno. Di fatto, fare trasgressione a Sanremo equivale a sparare sulla Croce Rossa. Se lo fai senza neanche apparire genuino lasci il tempo che trovi.

“La vittoria di Diodato nell’edizione 2020 ha rappresentato l’ultimo momento del Paese”, ha detto Amadeus prima di presentare il vincitore dell’anno scorso. Ora, però, dovrebbe anche rendere conto di una frase così ardita, ambiziosa, vanagloriosa ma sinora non ancora smentita dalle vicende.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Bad Coburns, l’esordio della band piemontese: Ep dal sound classic rock e rock anni Settanta

Redazione

Published

on

Killer In Disguise è titolo dell’EP d’esordio dei Bad Coburns in uscita il prossimo 16 luglio 2021.
Il disco racchiude un’anima irrequieta e sincera, esattamente come il concept western che lo ispira. Cinque tracce che identificano un carattere forte e sfrontato, ben definito da uno stile composito, eclettico ed energico, con cui la band piemontese si presenta al pubblico. 

Killer In Disguise  propone un sound coinvolgente che getta le sue radici nel rock classico e nell’hard rock degli anni Settanta, arricchito da sperimentazioni moderne, sfumature blues ed elementi southern, stoner e metal.

«Il nostro sound è una perfetta sintesi di ciò che ci ha fatto maturare come musicisti, come band e che ci rappresenta ad oggi: la forza di quelle influenze con cui siamo musicalmente cresciuti, che ci hanno arricchito e  che ci ricordano da dove veniamo.» commenta la band. Ritmi incalzanti, assoli prepotenti e compatti, un groove cadenzato e aggressivo sono i protagonisti indiscussi di questi cinque brani: «I pezzi nascono dalla semplicità dell’improvvisazione in sala prove, convogliando e plasmando quell’energia e quella musicalità primordiale che si genera dall’unione dei nostri differenti stili musicali, senza troppi schemi o giochi a tavolino, proprio come quando eravamo ragazzini»
 
Killer In Disguise è frutto della forte armonia tra Amedeo Taffi (batteria e voce), Matteo Minacapilli (basso), Adalberto Bellini e Umberto Zigiotti (chitarre). I testi sono a cura di Umberto Zigiotti, la musica è dei Bad Corburns. Il disco è stato registrato, mixato e masterizzato ad Arona da Giulio Capone. L’artwork dell’album è opera dell’artista Sam Mayle ed è ispirato al nome della band: «Abbiamo scelto il nome Bad Coburns  in omaggio all’attore James Coburn, il “cattivo” di tantissimi famosi film western. Dopo tutto esprime bene quel concetto, che proviene proprio dal western, del “brutto ,sporco e cattivo” che ci piace parecchio. Grezzo, ma efficace: un po’ come il buon vecchio rock, fatto di alcol e sudore, che amiamo». 

MyZona

Leggi anche: “A tu per tu con John Steinbeck: l’intervista impossibile sulle radici del rock

 
Tracklist

  1. The Needle
  2. Killer In Disguise
  3. Devil May Come
  4. Long Time Gone
  5. Be The One

Formazione:
Amedeo Taffi – voce
Umberto Zigiotti – chitarra
Adalberto Bellini – chitarra
Matteo Minacapilli – basso
Massimo Di Rocco – batteria

Continue Reading

Musica

Moriel, pubblicato il nuovo EP “Segni Opposti”

Federico Rapini

Published

on

Moriel nuovo EP Segni Opposti

Moriel, artista modenese , pubblica il nuovo EP Segni Opposti. Un lavoro eterogeneo in cui l’autore sorprende variando fra diversi registri, generi, mood. Estremi polarizzati, lontani e a prima vista incompatibili ma che in realtà convivono armoniosamente in questi brani perché presenti nella ricerca artistica come nelle personalità stessa dell’autore.

Le due costellazioni presenti all’interno dell’artwork, toro e scorpione, rappresentano graficamente questo dualismo. Segno e ascendente, letteralmente i due Segni Opposti che danno il nome all’EP e al brano omonimo. Le due costellazioni e il loro principio di attrazione incarnano così alla perfezione il concetto di equilibrio e complementarietà tra due mondi diversi. Le scelte dei colori rosa e blu sottolineano ulteriormente questa complementarietà.

MyZona

Un concetto intimo quanto basilare con cui Moriel tenta di riappropriarsi delle infinite sfumature del proprio carattere. Queste sono simboleggiate e semplificate da 5 brani che esplorano varie declinazioni di un personale Pop contemporaneo con cui l’autore lascia dietro di sé ogni timore per accettare la propria contraddizione che altro non è se non la propria umanità

Continue Reading

Musica

“Negli occhi del mondo-I nuovi poveri”: il cortometraggio di Francesco Marzio uscito oggi

Federico Rapini

Published

on

Francesco Marzio cortometraggio

“Negli occhi del mondo- i nuovi poveri”, il nuovo cortometraggio del cantautore brindisino Francesco Marzio, è uscito alle 14 su Youtube Première, dopo essere stato  pubblicato in anteprima su Sky Tg24 il 21 aprile.

Contestualmente per Beat Factory, esce in radio e nei negozi digitali l’omonimo brano, anche colonna sonora del cortometraggio.

MyZona

Si tratta di una produzione audace per i drammi narrati e denunciati. Da un lato la perdita del lavoro, con particolare riferimento al mondo artistico/musicale causa la crisi economica generata dall’ emergenza epidemiologica da SARS-COV-2. Dall’altro lato la violenza sulla donna fra le mura domestiche, amplificata dall’emergenza sanitaria che costringe a stare in casa.

I due drammi si consumano silenziosi, indisturbati, annullando volontà e sogni, azzerando vite. Si incontrano sullo sfondo della musica che nel cortometraggio torna prorompente a risuonare nella vita dei protagonisti. Tramite loro arriva in una casa, per le vie delle città, vincendo l’ostinata sordità  e cecità  di chi non vuole sentire e vedere i nuovi poveri. I figli di una crisi sanitaria ed economica, ma anche sociale e culturale.

“Negli occhi del Mondo: Credo molto in questo brano in cui mi ci rivedo tantissimo, è sincero e racconta quello che tutti noi nella vita almeno per una volta abbiamo provato.Nel cortometraggio abbiamo unito le due realtà raccontando una storia d’amore tra una ragazza che ha subito violenza e un giovane artista che a causa del Covid è costretto a diventare un senza tetto: i due si legano per sempre in una situazione difficilissima dove lui le salva la vita”.

Nel cortometraggio, girato tra Torino, Lecce ed Ostuni, il difficile ruolo di Anita, la protagonista,  è stato affidato a Vittoria Castagnotto (conduttrice, attrice e influencer). I ruoli maschili sono interpretati da Luca Spada e Jacopo Andreoli, giovani attori e registi promettenti nel campo del cinema.

“La vera magia di questo cortometraggio è che tutti i protagonisti, dagli attori ai tecnici hanno lavorato senza percepire alcun tipo di guadagno, ma semplicemente per lo scopo di raccontare in questo momento storico mai vissuto storie vere che spesso vengono sottovalutate, non solo da noi giovani. Approfitto per ringraziare anche chi ha lavorato dietro le quinte: Omar Abdel (regia), Erfano Morelli (Operatore di camera), Francesco Fortina (Fonico), Claudio Francioso (Tecnico del suono). Abbiamo voluto in questo momento difficile ringraziare l’arte e la musica nonostante tutto creando questo “Corto-Musicale” perché la musica e l’arte non devono fermarsi mai”.

Il cantautore Francesco Marzio nasce nel 1990 ad Ostuni (BR).G ià dall’età di 12 anni inizia il percorso di cantautore che lo porterà a pubblicare tre album e dieci singoli. Compone brani che spaziano dal Jazz, passando per il Rock – Neo Melodico ed in particolare per la musica leggera italiana. Negli ultimi tempi ha adottato un nuovo stile, che unisce la trap alla melodia pop italiana. Questo gli ha permesso di guadagnarsi numerosi fan con centinaia di migliaia di visualizzazioni su YouTube, ascolti sui servizi di streaming musicale e nelle radio nazionali, spopolando particolarmente tra i giovani. Francesco Marzio ha avuto modo di aprire i concerti di Franco Califano, Marco Masini, Luca Barbarossa, Anna Tatangelo. Inoltre ha partecipato al tour nelle maggiori piazze del sud Italia di Radio CiccioRiccio in cui erano previsti anche artisti come Noemi, Le Vibrazioni, Alessandra Amoroso, Valerio Scanu. Collabora inoltre da anni con l’UNICEF e TELETHON, organizzando eventi e concerti di beneficenza, coinvolgendo grandi artisti della musica italiana.

Continue Reading

In evidenza