Principe Filippo: la storia di Sua Altezza attraverso il cinema

Ormai la notizia ha fatto il giro del mondo, ed ha certamente segnato un’importante tappa nella storia del Regno Unito. Il principe Filippo, nato principe Filippo di Grecia e Danimarca e divenuto Philip Mountbattenduca di Edimburgo, è deceduto ieri all’età di 99 anni.

Il marito della regina Elisabetta II si è spento in ospedale a Londra a causa di una non meglio precisata infezione. Tuttavia quello che faremo in questo articolo non sarà tanto ripercorrere le tappe fondamentali della sua vita, tra cui le storiche gaffe che lo hanno reso simpatico e celebre. Né, tantomeno, fare un resoconto delle vicende riguardo la Royal Family. O almeno, non a livello storico ma da un punto di vista cinematografico.

MyZona

Il Principe Filippo, così come l’intera famiglia reale, compresa la regina Elisabetta II, è stato protagonista di diverse produzioni, tra film e serie tv. Tra le opere cinematografiche che sicuramente sono degne di nota c’è sicuramente la serie The Crown del 2016. Creata e principalmente scritta da Peter Morgan e prodotta dalla Left Bank Pictures e dalla Sony Pictures Television per Netflix, la serie, tutt’ora in corso, è stata molto acclamata. Gli attori Matt SmithTobias Menzies hanno interpretato Filippo rispettivamente nelle stagioni 1-2 e 3-4. Per quanto riguarda le stagioni 6-7, non ancora andate in onda, sarà Jonathan Pryce, candidato all’Oscar nel 2020 come miglior attore protagonista per The Two Popes, a prendere i panni del principe.

Leggi anche: “La Patente” di Pirandello: umorismo e pessimismo dal sapore agrodolce

Nel corso degli anni diversi attori e registi hanno fornito una loro particolare descrizione ed interpretazione della figura di Filippo. Questo perché Sua Altezza era noto per essere stato un personaggio particolare, a tratti anticonformista. Uno senza peli sulla lingua -fin troppo a volte- e che ha sempre fatto parlare di sé. Tra le diverse opere cinematografiche, e non, in cui egli appare:

  • Our Queen (2013) – il documentario diretto da Michael Waldman che offre un accurato ritratto della regina Elisabetta II. Con lei, ovviamente, l’immancabile figura dell’amato marito.
  • A Queen Is Crowned (1953) – un altro storico ed importantissimo documentario scritto da Christopher Fry. Il film ebbe perfino una nomination all’Oscar per il miglior documentario e mostra il periodo dell’incoronazione della regina. Nelle immagini appare anche il principe Filippo, che all’epoca aveva sposato Elisabetta da circa 10 anni.
  •  Royal Journey (1951) – anche questo un documentario prodotto dalla National Film Board of Canada. La pellicola ci offre un interessante spaccato della visita reale di cinque settimane attraverso Canada e Stati Uniti svoltasi nell’autunno del 1951. Come per il precedente, si tratta di immagini reali.
  • The Royal House of Windsor (2017) – docuserie che approfondisce gli ultimi 100 anni della dinastia Windsor. Una sorta di dietro le quinte, grazie ad informazioni inedite, di almeno quattro generazioni, tra crisi e segreti.

Tuttavia, tra le opere più celebri, e che di fatto hanno portato la Royal Family sul grande schermo, e anche agli Oscar, c’è The Queen – La regina. La pellicola del 2006 e diretta da Stephen Frears vede Helen Mirren (vincitrice di un Oscar) nei panni di Elisabetta II e James Cromwell in quelli del principe Filippo. Ambientato nello UK del 1997, il film drammatico racconta della svolta nel governo inglese che, dopo 18 anni di amministrazione da parte dei Conservatori, cede il posto al primo ministro Tony Blair. L’importanza di The Queen sta nel fatto che la storia narrata riprende gli eventi della morte di Lady Diana, moglie del principe Carlo, il primogenito di Elisabetta e Filippo ed erede al trono. All’epoca la Royal Family dovette subire un drastico crollo di popolarità causato dall’essere rimasta in vacanza in Scozia e di aver fatto ritorno a Buckingham Palace senza rilasciare dichiarazioni.

Leggi anche: Il Piccolo Principe, 78 anni dell’opera di Saint-Exupéry

Se volete avere un’immagine chiara e fedele della figura del principe Filippo, vi consigliamo la visione dei titoli sopracitati. Anche e soprattutto per la particolarità che lo ha sempre contraddistinto: la sobrietà e la discrezione. Già, perché all’interno di una delle famiglie più importanti e discusse al mondo, nel bene e nel male, Filippo è sempre stato una figura marginale -in senso buono-. Anche nelle sue gaffe o battute (a volte) poco opportune, trapelava sempre un’educazione e portamento tipici da (vero) lord inglese. Le pellicole che abbiamo riportato ve ne daranno un importante esempio.

Leggi anche: Elena Arvigo: Atlantide, fucina di talento e libertà artistica, nato per creare il futuro

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli