“J.K. Rowling antisemita”: nuova polemica sulla scrittrice inglese

Una nuova polemica investe J.K.Rowling, la scrittrice inglese creatrice della saga di Harry Potter. Dopo le accuse di transfobia dell’anno scorso che l’hanno proiettata in un calderone di boicottaggi e offese, tanto da parte di colleghi e addetti ai lavori, quanto da parte del web, un nuovo affondo arriva dal comico americano Jon Stewart.

Questi, durante l’ultima puntata del suo podcast “The problem with Jon Stewart“, l’ha apertamente definita antisemita. Nel mirino del conduttore radiofonico sono finiti i goblin presenti nei libri della saga, ritratti come “parodistici e caricaturali della cultura ebraica”.

MyZona

Secondo Stewart, infatti, la loro descrizione e il loro ruolo sarebbero ispirati ai Protocolli dei Savi di Sion, opera letteraria d’inizio Novecento firmata dall’Ochrana, cioè la polizia segreta zarista, il cui intento era propagandare e diffondere l’odio verso gli ebrei all’interno dei confini dell’allora Impero russo.

Appurato come falso storico, lo scritto attribuiva alla comunità ebraica l’intento di impadronirsi del mondo. Un atto di accusa insolito ma indiscutibilmente grave, quello del comico statunitense che, per rimando, fa anche riferimento alla Banca dei Maghi di Gringott, innescando il parallelismo tra ebrei e potere economico.

Leggi anche: Quella strana somiglianza tra il Portogallo e il mondo fantastico di Harry Potter (fotogallery)

“Gli ebrei sono ancora dove sono. Voglio solo mostrarvi una caricatura. E loro dicono: ‘Oh, guarda, è di Harry Potter!’, e a te viene da dire: ‘No, quella è una caricatura di un ebreo proveniente da un libro antisemita’. E J.K. Rowling dice: ‘Perché non mettere questi tizi a gestire la nostra banca?’”, ha affermato Stewart che ha poi aggiunto:

“Nel mondo di Harry Potter la gente può cavalcare i draghi, e qualche volta può anche possedere un gufo domestico. Ma chi è che deve gestire le banche? Ovviamente gli ebrei. È una di quelle cose che ho visto subito nei film, e mi sarei aspettato che la gente dicesse: ‘Oh, merda, la Rowling non solo ha messo gli ebrei nel suo mondo magico, ma gli ha fatto anche gestire la sua fottuta banca sotterranea'”

Leggi anche: Dieci anni fa l’arresto di Jamie Waylett, il bullo di Harry Potter

Nel frattempo, a vent’anni dall’uscita nelle sale cinematografiche di Harry Potter e La Pietra Filosofale, siamo stati di nuovo trasportati nel mondo magico creato da J.K. Rowling grazie a Harry Potter 20th Anniversary: Return to Hogwarts, l’evento cinematografico (su Sky e NOW) andato in onda per la prima volta il primo gennaio 2022.

Continua a leggere qui “Harry Potter: Ritorno a Hogwarts, la reunion dopo vent’anni

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli