Connect with us

Musica

Pearl Jam, ecco il nuovo singolo, ma “che fine ha fatto il grunge?”

Fabio Iuliano

Published

on

Sperimentale, straniante – anche alla luce degli standard dei Pearl Jam – elettronico. Ecco Dance of the Clairvoyants, il primo singolo del nuovo album dei lo estratto dal nuovo album dei Pearl Jam, “Gigaton“. Il disco arriverà sui mercati il prossimo 27 marzo. Ad accompagnare l’uscita sui social – alla mezzanotte statunitense “Eastern time” (all’alba in Italia) – una dichiarazione del bassista Jeff Ament (che in questa canzone suona le tastiere).

“‘Dance’ è stata una perfetta tempesta di sperimentazione e una vera collaborazione… Abbiamo aperto nuove porte creativamente ed è emozionante.”

“Non riesco a dire quanto sono orgoglioso di questo gruppo di canzoni”, ha detto ancora Ament. “Come sapete, ci siamo presi il nostro tempo e questo ci ha dato la forza di rischiare di più. Ed ha scritto dei versi tra i miei preferiti in assoluto, il tutto costruito attorno alla batteria killer di
Matt. Per non parlare del folle assolo di chitarra di Mike (McCready) e del basso di Stone (Gossard). Abbiamo aperto alcune nuove porte verso la creatività ed è stato entusiasmante”.

MyZona

Alcuni passaggi, anticipati su Facebook e Instagram ricordano scelte stilistiche dei Gang of Four, band britannica formata nel 1976. Tuttavia, la canzone nel complesso, prende direzioni ben distinte ricordando un po’ i Talkin heads e, più in generale, atmosfere che sembrano quasi strizzare un occhio agli anni Ottanta. Non è un caso che tra i fan uno dei commenti più ricorrenti sia: “Che fine ha fatto il grunge?”. Comunque, i Pearl jam non avevano nascosto l’intenzione di presentarsi con un sound rinnovato sei anni e mezzo dopo l’ultimo lavoro in studio. Lavori sperimentali come “You are” in Riot Act (del 2002). Proprio la composizione del testo ricorda quel periodo, in cui trovarono forma canzoni come “I am mine” e “Love boat captain”.

Consapevole di aver contribuito a un arrangiamento che presenta al grande pubblico qualcosa di molto originale, Stone Gossard ha comunque assicurato la presenza di brani rock, così come di ballate in una forma compositiva in cui Eddie Vedder e compagni hanno abituato per anni. Dal punto di vista dei testi – e Dance of the Clairvoyants non fa eccezione – la lettura sarà molto meno diretta. Una sorta di scrittura che rivela, strato dopo strato, una visione “mistica” della realtà complessa del tempo che stiamo vivendo. Ancora una prova della capacità di trascendere delle parole di Vedder.

È stato pubblicato anche il video del brano su YouTube, che vede immagini con protagonista assoluta la Natura, dalle vedute della Terra dallo spazio alle forme di vita più piccole come insetti fino alle cellule, a definire quello che è un quadro completo del nostro universo per come lo conosciamo.

IL TESTO: DANCE OF THE CLAIRVOYANTS

Confusing it is to commotion
What love is to our devotion
Imperceptibly big
As big as the ocean
And equally hard to control

So save your predictions
And burn your assumptions
Love is friction
Ripe for comfort
Endless equations
And tugging persuasions
Doors open up
To interpretation

[Chorus]
Expecting perfection
Leaves a lot to ignore
When the past is the present
And the future’s no more
When every tomorrow
Is the same as before

The looser things get
The harder you become
The looser things get
Tighter

Not one man can be greater than the sun
It’s not a negative thought
But positive, positive, positive
Falling down, not fading down
Coulda help me up, rather than tearing me down

Numbers keep falling off the calendar’s floor
We’re stuck in the boxes
When it’s open no more
Could’ve lifted up they’re forgetting us
Not recalling what they’re for
I’m in love with clairvoyants
‘Cause they’re out of this world

I know the girls wanna dance
Fall away their circumstance
I know the boys wanna grow
Their dicks, and fix and file things
I know the girls wanna dance
Clairvoyants in a trance
I know the boys wanna grow
Their dicks and fix and file things

[Outro]
Stand back when the spirit comes…

Qui la traduzione da Pearljamonline.it

Tutti i titoli delle tracce di gigaton sono stati svelati qualche giorno fa attraverso i social.

1. Who Ever Said
2. Superblood Wolfmoon
3. Dance of the Clairvoyants
4. Quick Escape
5. Alright
6. Seven O’clock
7. Never Destination
8. Take The Long Way
9. Buckle Up
10. Comes Then Goes
11. Retrograde
12. River Cross

Nel 2020 la band celebra 30 anni di esibizioni live. Dopo oltre undici album in studio e centinaia di esibizioni dal vivo, i Pearl Jam continuano a essere acclamati dalla critica e a ottenere successo di pubblico – vantando oltre 85 milioni di dischi venduti in tutto il mondo e l’inserimento nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2017. 

In primavera i Pearl Jam partiranno per un tour in Nord America, che arriverà, nell’estate, anche in Europa. In particolare, il 5 luglio 2020, la band si esibirà per l’unica data italiana all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Musica

“Verticale”: un percorso musicale nel tempo e del tempo del maestro Roberto Lobbe Procaccini

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

Il 22 febbraio 2021 Roberto Lobbe Procaccini ha debuttato per FM Records con il suo primo album, Verticale. Un percorso musicale nel tempo e del tempo, registrato lungo tutta la penisola, tra Roma, Catania, Lucca e Perugia, in un anno che ha cambiato il tempo stesso e la nostra percezione di esso.

Definito “algoritmo emotivo di intelligenza musicale” da Max Gazzè, “un ambiente sonoro confortevole con il desiderio di sorprendere” da Peppe Vessicchio e “un lavoro che ti fa entrare in un mondo di fantasia in punta di piedi” da Massimiliano Bruno. Verticale è un percorso in 7 brani per scandire le tappe di un viaggio in profondità alla ricerca di se stessi, cercando risposte al rapporto che ognuno di noi ha col tempo, vissuto e da vivere.

MyZona

L’esigenza di guardarmi allo specchio e di definirmi è stato l’impulso principale che mi ha spinto a scrivere“, afferma Roberto. “Il bisogno di fermarsi, guardarsi indietro per poter capire meglio in che direzione guardare in avanti. Avevo il bisogno di raccontarmi, e l’ho fatto con lo strumento più potente che avessi a disposizione, ossia la musica. Mai come in questo percorso è stata per me così viva, intensa e alla fine terapeutica. Avevo bisogno di confrontarmi e uscire dalle abituali zone di conforto”

Leggi anche: “Temere il fondo”, il nuovo singolo di No Lodo in bilico tra paure e speranze

Ad accompagnare Verticale è il videoclip di Closer To Your Heart, diretto da Andrea Centrella e prodotto da Fingerframe. Il video racconta il percorso parallelo di un uomo e di una giovane donna uniti a distanza dal filo rosso del tempo. Mentre quello dell’uomo volge al termine, quello della donna offre una nuova opportunità per riscattare la propria identità.

Roberto Lobbe Procaccini cerca di far convivere differenti anime all’interno della propria musica, contaminando la sua scrittura con elementi apparentemente distanti. La melodia minimale all’interno di un suono poderoso, la tessitura orchestrale legata ad elementi post-rock e la solitudine pianistica attraversata da un’elettronica cupa

Continue Reading

Musica

Vulgar Display of Power: 29 anni di groove metal con il capolavoro dei Pantera

Una musica inconfondibile che ha segnato un’era

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

Feroce, brutale, senza fronzoli e micidiale come un pugno in faccia, proprio come mostra la sua irriverente copertina. Questo, forse, il miglior modo per descrivere il sesto album dei leggendari Pantera, Vulgar Display of Power, uscito il 25 febbraio 1992. Oggi l’iconico capolavoro della band compie ben 29 anni, ed è nostro dovere ricordare una delle pietre miliari del groove metal e del metal in generale.

Parlare oggi dei Pantera e del loro album per eccellenza è compito assai arduo. I motivi sono molteplici. Il primo è di natura storica: su di loro è stato praticamente già detto tutto. Una musica inconfondibile che ha segnato un’era. La ribellione di 4 ragazzi texani incazzati che a suon di birra e metal grezzo urlavano al mondo la loro furia. Il secondo è certamente più emotivo: l’anniversario di Vulgar Display of Power ci riporta subito alla mente la tragica scomparsa di Dimebag Darrell e Vinnie Paul, i due iconici fratelli, uno chitarrista, l’altro batterista della band, che diedero vita al quartetto. Ci lasciarono rispettivamente nel 2004 e nel 2018. Insomma, è un colpo al cuore ogni volta.

MyZona

Pubblicato per East West Records, il disco uscì a distanza di due anni dal precedente Cowboys From Hell, considerato l’album della svolta per la maturazione stilistica del gruppo. Dall’heavy/hair metal iniziale al cosiddetto groove metal. Fu proprio con i Pantera che il genere divenne famoso ed iconico; ed è con Vulgar Display of Power che la band giungse all’apice del successo.

L’ album permise a Phil Anselmo, Dimebag Darrell, Rex Brown e Vinnie Paul di varcare la soglia della fama mondiale, con milioni di copie vendute. Il tutto consacrato poi con un leggendario tour che toccò perfino l’Italia. In quell’afosissimo Monster Of Rock del 1992 a Reggio Emilia, i Pantera devastarono ogni cosa non lasciando superstiti nel pubblico. L’energia del quartetto texano all’epoca non conosceva rivali, anche dopo la pubblicazione del successivo Far Beyond Driven.

Tutto merito delle tracce che resero il disco leggendario. Tra queste ricordiamo: Fucking Hostile, Walk (descritta da molti come la canzone simbolo del gruppo), This Love e Mouth for War. Tutte trasmesse sotto forma di video su MTV. Evento più unico che raro per un canale televisivo che ancora non dava grande spazio alle band metal. Ma i Pantera erano così inarrestabili che non si poté restare indifferenti di fronte alla loro inesorabile scalata sull’Olimpo della leggenda.

Curiosità: il titolo venne ripreso dal celebre film del 1973 L’esorcista, di William Friedkin. In una scena tra tra padre Damien Karras e Regan MacNeil, il prete chiede alla ragazza posseduta di liberarsi dalle catene, e lei risponde: “That’s much too vulgar a display of power” (“Sarebbe solamente un volgare sfoggio di potere”). Nel giugno del 2017, poi, la rivista Rolling Stone ha inserito il disco alla decima posizione dei 100 migliori album metal di tutti i tempi.

Continue Reading

Musica

#senzafestival, contest musicali e culturali online per chiedere la ripartenza

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

A distanza di un anno dalle prime chiusure causa Covid e dopo il Festival Day del 30 aprile 2020 con oltre 100 festival aderenti, arriva #senzafestival. Un evento in diretta online domenica 28 Febbraio, alle ore 18:00, con oltre 50 Festival e Contest che hanno già aderito da oltre metà delle province in tutta Italia. L’obiettivo è quello di sottolineare l’importanza e il valore della musica popolare italiana contemporanea per la tutela, la crescita e lo sviluppo dei nuovi artisti.

#senzafestival è un evento a cura del circuito della Rete dei Festival con It Folk, Musica Jazz, Circuito Ska e tante altre reti, che vuole tornare a porre l’attenzione sull’assoluta incertezza e instabilità in cui versano attualmente queste realtà e sul loro futuro. I festival musicali indipendenti e i contest per emergenti, così come i premi dedicati alla musica, sono fondamentali per la crescita di tutti gli artisti. Inoltre si tratta di elementi imprescindibili per la diffusione culturale, sostenendo processi di importantissima coesione sociale. 

MyZona

Nella diretta #senzafestival interverranno Mauro Ermanno Giovanardi e Tommaso Cerasuolo (voce dei Perturbazione). Ci sarà anche un momento dedicato al ricordo di Omar Rizzato , professionista dello spettacolo della provincia di Padova, mancato lo scorso sabato.

Alle ore 18 partirà uno zoom sulla pagina Facebook della Rete dei festival che durerà circa 15 minuti in cui si illustreranno questi punti:

1) rivendicare la necessità di garantire la sopravvivenza dei festival attraverso apposite forme di sostegno 

2) la loro fondamentale importanza, per la funzione di scouting, di aggregazione culturale, sociale e di comunità

3) la loro funzione di trampolino di lancio per i giovani talenti

4) appello a Mibact, alla Siae, al Nuovo Imaie e altri soggetti per piccoli finanziamenti straordinari al fine di tenere in vita questa realtà che stanno scomparendo

Leggi anche: “Carlo V e l’impero su cui non tramontava mai il sole

Continue Reading

In evidenza