Palmaroli e “Le più belle frasi di Osho”, confronto sulla comunicazione

Per iniziativa del Lions Club, Federico Palmaroli sarà all’Aquila, sabato 19 febbraio alle 17, alla libreria Colacchi (sul corso principale) per un incontro sulla comunicazione ironica al tempo dei social. Palmaroli è conosciuto per “Le più belle frasi di Osho”, la pagina che impazza sui social e che in breve tempo è diventata un vero fenomeno della comunicazione satirica.

Leggi anche: Palmaroli ospite dei Giardini Letterari

All’incontro, moderato dal giornalista Alessandro De Angelis, vicedirettore di Huffington Post Italia, parteciperà Marianna Boero, docente di Semiotica all’Università di Teramo.

“Sarà un’occasione”, valuta il presidente del Lions Club Massimiliano Laurini, “per ragionare su come fare comunicazione social in maniera leggera. Palmaroli, infatti, è riuscito a creare un modello di satira e ironia pungente, attraverso le sue vignette, che ha cambiato il modo di intendere la critica”.

Leggi anche: Gassmann e Pasotti a confronto su Kafka

“Un boom da milioni di contatti giornalieri che ha valicato i confini nazionali”, prosegue Laurini. “Un talento, quello di Palmaroli, che ha tratto origine dalla Rete ma che addirittura è diventato oggetto di studi sociologici. L’incontro sarà un’occasione per riflettere sulla cronaca semiseria dell’attualità, in un momento di grande tensione e difficoltà sociale in cui alleggerire i messaggi può rappresentare una chiave di volta importante per diffonderne i giusti significati”.

Articolo precedenteVeronica Perseo e il sogno di doppiare un film Disney. La nostra intervista
Articolo successivoPer partecipare all’Eurovision Song Contest, Mahmood annulla alcune date del tour
Giornalista e docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e la testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale, il Centro. In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz”, l’anno successivo "Lithium 48", entrambi per "Aurora edizioni".