Tra shegaze e psichedelia, i Kids With The Crown all’esordio con “Nothing is lost”

In bilico fra lo shoegaze dei My Bloody Valentine e i deliri psichedelici di Captain Beefheart e Velvet Underground, “Nothing is lost” è l’EP d’esordio di Kids With The Crown.

“‘Nothing is lost’ è nato da una chitarra classica. Successivamente, ho sviluppato un’idea di suono più ampio, aperto, immaginando galassie, costellazioni e pianeti: volevo che il suono fosse proiettato verso l’universo, e quindi anche verso l’essere umano, visto che in “Nothing is lost” racconto dell’uomo e del suo ruolo in tutto questo scenario”. Il tema portante al centro di questo lavoro, il suo leitmotiv, è sottolineato dal titolo dell’EP, “Nothing is lost”: “Nulla è perduto”.

MyZona

Leggi anche. “Un concerto ti fa capire il mondo che c’è là fuori”: Manuel Agnelli e la speranza di tornare presto sul palco

“‘Nulla è perduto’ è il tema centrale del disco. Ogni canzone ne racconta e ne approfondisce un aspetto, di questo monito o principio, che dir si voglia. Ogni secondo della nostra vita è un momento giusto che può essere usato per dirigere le cose ed il presente verso ciò che ci fa stare bene, soprattutto con noi stessi, verso l’integrità e una realtà più vicina a tutto quello che pensiamo sia giusto per noi”. “Nothing is lost” è accompagnato dal singolo/video “Sam”.

Leggi anche: Jamrock Records e Pakkia Crew uniscono le forze e danno vita al Kingdom Riddim

“Volevo girare il video di “Sam” rispettando quelli che sono alcuni dei punti fondamentali della canzone, cercando di tradurli in immagini: alla fine, se ci si pensa, quando si scrive una canzone si hanno (almeno io) delle immagini vivide di ciò che si vuole raccontare, e magari dove ambientare la storia che si racconta”.

“Quindi trovai questa vecchia cava di allume abbandonata, ed ho pensato che fosse perfetta come non luogo per raccontare questa storia: proprio come il carcere è un posto di questo tipo, anche la cava, circondata da pareti rocciose, sembrava perfetta per descrivere simbolicamente questo concetto. Il video è stato girato e montato con il prezioso aiuto di Luca Laudi, bravissimo videomaker. Il protagonista, infine, è l’attore Fabio Trunfio, che ha la faccia esatta di come immagino sia quella di Sam”.

Uscito per Aventino Music, “Nothing is lost” dei Kids With The Crown è registrato presso l’R’n’B studio di Civitavecchia di Max Rosati ed è mixato e masterizzato da Dario Giuffrida.

Leggi anche: “Woman”, sonorità blues a stelle e strisce nel nuovo brano di Aristide Garofalo

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli