Connect with us

Cinema

Mia Farrow compie 76 anni e rilancia la sua battaglia contro Woody Allen

Federico Falcone

Published

on

Il nome di Mia Farrow è legato a doppio filo a quello di Woody Allen. Da una parte perché i momenti più esaltanti della sua carriera li ha avuti proprio con l’ex marito e regista nei film da lui diretti, dall’altro perché da quell’amore tanto fantasticato quanto ben presto rilevatosi irreale è nata una tra le dispute hollywoodiane più discusse degli ultimi cinquanta anni. L’idillio, tra i due, vi fu prima del matrimonio, per ammissione di entrambi. Il grande sì all’altare, invece, cambiò totalmente il loro rapporto e la percezioni che entrambi avevano della coppia.

L’attrice, che oggi compie 76 anni, ha recitato in tredici pellicole del regista newyorkese, tutte tra il 1982 e il 1992. “Una commedia sexy in una notte di mezza estate” (1982), “Zelig” (1983), “Broadway Danny Rose” (1984), “La rosa purpurea del Cairo” (1985), “Hannah e le sue sorelle” (1986), “Radio Days” (1987), “Settembre” (1987), “New York Stories“, (1989), “Crimini e misfatti” (1989), “Alice” (1990), “Ombra e nebbia” (1991), “Mariti e mogli” (1992).

MyZona

Prima del sodalizio artistico una lunga gavetta e diversi film che, comunque, le hanno permesso di mettersi in luce mediante alcune sceneggiature drammatiche, indubbiamente più adatte alla sua espressività cinematografica e perfettamente aderenti con un lato umano turbolento, a tratti instabile ed estremamente fragile.

Leggi anche: Manhattan, nevrosi e amori di Woody Allen sullo sfondo di una New York onirica

I due iniziarono a frequentarsi nel 1980, anche se continuarono a vivere in appartamenti separati per molto tempo, entrambi a Central Park. Quando si conobbero la Farrow aveva alle spalle già due matrimoni andati a male, uno con Frank Sinatra (di 30 anni più grande) che durò poco meno di tre anni, e uno con il direttore d’orchestra André Previn (di sedici anni più grande) che durò invece quasi un decennio e che le diede tre figli. Oltre a loro, anche quattro figli adottivi. Tra loro Soon Yi (che portava il cognome Previn) e Moses (dal cognome Farrow). Cinque anni dopo l’inizio della relazione con Allen, Mia Farrow adottò un altro bimbo, Dylan. Nel 1987, dalla relazione tra i due, nacque Ronan, che venti anni dopo, in qualità di giornalista del New Yorker, ebbe un ruolo cruciale nello svelare lo scandalo delle molestie sessuali a Hollywood perpetrate dal produttore cinematografico Harvey Weinstein. Nel 1991 Allen adottò sia Moses Farrow che Dylan.

Ma non tutto andò liscio come l’olio. Anzi. La miscela chimica si rivelò essere esplosiva e quando all’inizio del 1992 la Farrow suppose di aver scoperto il marito in una relazione clandestina e incestuosa con sua figlia Soon Yi (all’epoca presunta ventenne, anche se non è mai stata resa nota la data di nascita ufficiale) la bomba scoppiò in tutta la sua potenza. La presunta relazione si rivelò tale e Allen venne messo con le spalle al muro, soprattutto dalla stampa che riversò accuse infinite e spesso infondate sul regista. Infondate perché, all’epoca dei fatti, il clamore prevalse sulla fondamentale attività d’inchiesta (se così vogliamo chiamarla) nel ricercare la verità. Fu detto di tutto. Da quel momento nacque una disputa violentissima tra i due che proseguì tra reciproci attacchi con al centro, purtroppo, proprio i figli.

Woody Allen e Soon Yi Previn si sposarono nel 1997, benché lui avesse trentacinque anni di meno. Ora hanno due figlie adottive, sono felici, e lei ha chiuso con il suo passato, con Mia Farrow e André Previn. Ma lo scontro tra gli ex coniugi non si chiuse così. La disputa legale per l’affido di Dyan, Moses e Ronan Farrow proseguì. Nel 1992, proprio durante il periodo precedente al matrimonio tra Woody e Soon Yi, il pediatra dei bambini denunciò alla polizia presunti abusi che l’autore di Zelig e La rosa purpurea del Cairo avrebbe fatto su Dylan. Lo raccontò la stessa bambina al medico che decise quindi di agire. Questo è uno stralcio della testimonianza che Dylan, riportata in una lettera pubblica del 2014.

Leggi anche: Woody Allen torna in Spagna con il nuovo film: Rifkin’s Festival

“Qual è il vostro film preferito di Woody Allen? Prima di rispondere dovreste sapere che quando avevo sette anni, Woody Allen mi prese per mano e mi portò in una piccola soffitta al primo piano di casa nostra, mi disse di stendermi e di giocare con il trenino di mio fratello. Quindi abusò sessualmente di me, e mi parlò mentre lo faceva, sussurrandomi che ero una brava bambina, che questo sarebbe stato il nostro segreto, e mi promise che saremmo andati insieme a Parigi e io sarei stata una grande attrice nei suoi film. Ricordo che fissai quel trenino girare in tondo lì in soffitta, e ancora oggi mi viene difficile guardare i trenini”.

“Da quando ho memoria mio padre fece sempre con me cose che non mi piacevano. Non mi piaceva che mi portasse spesso via da mia madre, dai miei fratelli e amici per stare solo con me. Non mi piaceva quando mi metteva il suo pollice in bocca. Non mi piaceva quando dovevo andare a letto con lui sotto le coperte quando indossava solo le mutande. Non mi piaceva quando metteva la sua testa sulla mia pancia e ci respirava contro. Mi sarebbe piaciuto nascondermi sotto i letti o chiudermi in bagno per evitare questi contatti, ma lui mi trovava sempre. Queste cose succedevano così spesso, così normalmente, in modo così abilmente nascosto da una madre che mi avrebbe protetta se avesse saputo, che pensavo che fosse normale. Pensavo che fosse quello il modo in cui i padri si comportavano con le proprie figlie. Ma quello che mi fece in soffitta fu diverso. Non potevo più tenere il segreto”.

Sulla vicenda indagarono la Clinica per gli abusi sessuali sui minori dell’Ospedale di Yale-New Haven e i servizi sociali infantili dello Stato di New York. Emerse che le molestie non erano mai avvenute e che le dichiarazioni della bambina furono indotte o circuite dalla madre. “Emotivamente vulnerabile”, si legge nel rapporto in merito allo stesso psicologico di Dylan. Viene di fatto ritratta come in balia delle emozioni e della volontà della madre che, mediante essa, voleva rifarsi su Allen. Il regista, dal canto suo, ha sempre negato ogni forma di molestia, rimbalzando la tesi secondo la quale Dylan era stata influenzata al tal punto dalla Farrow da esserne soggiogata alla sua volontà. In suo sostegno venne Moses Farrow che dopo la lettera pubblica da Dylan, prese le difese dell’ex padre adottivo.

Leggi anche: Woody Allen, 85 anni del genio più discusso d’America

È ovvio che Woody non ha molestato mia sorella. Lei gli voleva bene e non vedeva l’ora di vederlo, quando lui veniva a trovarla. Non si è mai nascosta da lui finché nostra madre non è riuscita a creargli attorno un’atmosfera di paura e odio. Il giorno di cui parla Dylan, in casa eravamo in sei o sette. Eravamo tutti in camere aperte e nessuno, né mio padre né mia sorella, era chiuso in una stanza. Mia madre era uscita a fare shopping. Io non so se mia sorella davvero creda di esser stata molestata o se stia cercando di compiacere mia madre. Avere nostra madre dalla propria parte era una motivazione molto potente, dato che averla contro era terribile“.

Lo scorso anno è uscito “A proposito di niente“, autobiografia di Woody Allen. All’interno della stessa sono riportati numerosi stralci di queste vicende, in maniera molto dettagliata. Nel gennaio del 2020, a causa del clamore che il libro ha suscitato, perché in molti volevano che non uscisse, movimenti femminili in primis, l’autore dichiarò quanto segue.

“Quando questa accusa fu fatta per la prima volta più di 25 anni fa fu investigata minuziosamente sia dalla Clinica per gli abusi sessuali sui minori dell’Ospedale di Yale-New Haven sia dai servizi sociali infantili dello Stato di New York. Entrambe le istituzioni ci lavorarono per mesi e indipendentemente l’una dall’altra conclusero che non c’era stata nessuna molestia. Al contrario, ritennero probabile che una bambina vulnerabile fosse stata istruita a raccontare una storia da sua madre, arrabbiata per una difficile separazione“.

“Il fratello maggiore di Dylan, Moses, ha detto di aver assistito proprio a questa cosa: a momenti in cui sua madre istruiva costantemente Dylan cercando di passarle l’idea che suo padre fosse un pericoloso predatore sessuale. Sembra che abbia funzionato e, tristemente, sono sicuro che Dylan creda davvero in quello che dice. Ma nonostante la famiglia Farrow stia usando cinicamente l’opportunità presentatale dal movimento Time’s Up per rinnovare questa accusa screditata, essa non è più vera che in passato. Non ho mai molestato mia figlia, come tutte le indagini conclusero un quarto di secolo fa“.

Leggi anche: Kate Winslet rivela: “Lavorare con Allen e Polanski… chi me l’ha fatto fare?”

Non è finita qui. In realtà, nonostante le accuse fossero state tutte respinte al mittente e nonostante fossero state archiviate, l’uscita dell’autobiografia (pubblicata in Italia dalla Nave di Teseo) ha rinverdito le polemiche e dato nuovi appigli alla Farrow per portare avanti la sua personale battaglia contro l’ex marito.

Il prossimo 21 febbraio su Hbo uscirà “Allen vs Farrow“, docuserie di quattro puntate che, guarda un po’, avrà ad oggetto le presunte molestie del regista nei confronti di Dylan Farrow. La miniserie contiene elementi inediti di una battaglia legale e di immagine durata decenni. Al centro della sceneggiatura audio e filmini mai apparsi prima che inchioderebbero Allen alle sue responsabilità. Dietro la cabina di regia ci saranno Kirby Dick e Amy Ziering che ha pubblicamente dichiarato: “La storia completa non è mai stata raccontata. E’ un caso di cui si è parlato tanto, ma andando avanti abbiamo scoperto molto di più”. Inutile specificare che Woody e Soon Yi non hanno voluto partecipare.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Cinema

Oscar 2021: c’è la lista dei titoli eleggibili come il Miglior Film

Riccardo Colella

Published

on

Nella giornata di ieri, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha diramato la lista dei film che entreranno nel quintetto finale, per aggiudicarsi la statuetta del Miglior Film agli Oscar del 2021.

Mai come quest’anno la lista dei titoli eleggibili è stata così corposa. Se nella passata edizione la lista iniziale contava 344 candidati, sono ben 366 i film che quest’anno si daranno battaglia per accedere alla 93esima edizione degli Academy Awards.

MyZona

Leggi anche: Oscar 2021: cambia il regolamento per la categoria Miglior Film Straniero

Le nomination agli Oscar saranno annunciati il prossimo 15 marzo, mentre la cerimonia di premiazione avrà luogo il 25 aprile 2021.    

Ecco la lista dei film candidati, in ordine alfabetico:

  • Absent Now the Dead
  • Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus
  • Alberto and the Concrete Jungle
  • All I Can Say
  • All In: The Fight for Democracy
  • All My Life
  • All Together Now
  • Alone
  • American Skin
  • Ammonite
  • And Then We Danced
  • Another Round
  • Antebellum
  • Anton
  • Apocalypse ’45
  • Apples
  • The Artist’s Wife
  • Assassins
  • The Assistant
  • Athlete A
  • Atlantis
  • Babyteeth
  • Bacurau
  • Bad Boys For Life
  • Bad Hair
  • The Banker
  • Barb & Star Go To Vista Del Mar
  • Be Water
  • Beastie Boys Story
  • Becoming
  • Belly Of The Beast
  • Belushi
  • Big Time Adolescence
  • The Big Ugly
  • Bill & Ted Face The Music
  • Billie
  • The Billionaire
  • Birds Of Prey
  • Black Bear
  • Blackbird
  • Blizzard Of Souls
  • Bloodshot
  • Bloody Nose, Empty Pockets
  • Blue Story
  • Blumhouse’s Fantasy Island
  • Bombay Rose
  • The Booksellers
  • Borat Subsequent Moviefilm
  • The Boys In The Band
  • Boys State
  • Brahms: The Boy Ii
  • Broken Keys
  • Buddy Games
  • Burden
  • The Burnt Orange Heresy
  • Calamity Jane
  • The Call Of The Wild
  • Canaan Land
  • Capone
  • Charm City Kings
  • Cherry
  • The Christmas Chronicles 2
  • Circus Of Books
  • Clementine
  • The Climb
  • Collective
  • Color Out Of Space
  • Come Away
  • Come Play
  • Coming Clean
  • Coronation
  • Coup 53
  • Creem: America’s Only Rock ‘N’ Roll Magazine Crip Camp
  • Crisis
  • The Croods: A New Age
  • The Cuban
  • Cut Throat City
  • Da 5 Bloods
  • Dads
  • Dara Of Jasenovac
  • The Dark And The Wicked
  • The Dark Divide
  • David Attenborough: A Life On Our Planet
  • Dear Comrades!
  • Death Protocol
  • Demon Slayer -Kimetsu No Yaiba- The Movie: Mugen Train
  • Desert One
  • The Devil All The Time
  • Diana Kennedy: Nothing Fancy
  • Dick Johnson Is Dead
  • The Dig
  • Disclosure
  • The Dissident
  • Dolittle
  • The Donut King
  • Downhill
  • Dreambuilders
  • Driveways
  • Earwig And The Witch
  • Echo Boomers
  • Effigy – Poison And The City
  • Emma
  • Emperor
  • The Empty Man
  • Eurovision Song Contest: The Story Of Fire Saga
  • Extraction
  • Faith Based
  • Falling
  • The Family Tree
  • Fandango At The Wall
  • Farewell Amor
  • Fatale
  • The Father
  • Father Soldier Son
  • Fatima
  • Feels Good Man
  • The Fight
  • Finding Hannah
  • Fireball: Visitors From Darker Worlds
  • First Cow
  • First Vote
  • Flannery
  • The Forty-Year-Old Version
  • Foster Boy
  • Freak Power: The Ballot Or The Bomb
  • Freaky
  • French Exit
  • Funny Boy
  • The Gentlemen
  • The Ghost Of Peter Sellers
  • Giving Voice
  • The Glorias
  • Gordon Lightfoot: If You Could Read My Mind
  • Greed
  • Greyhound
  • The Grizzlies
  • Gunda
  • Guns Akimbo
  • Half Brothers
  • The Half Of It
  • Happiest Season
  • Harry Chapin: When In Doubt, Do Something
  • Herself
  • The High Note
  • Hillbilly Elegy
  • His House
  • Hope Gap
  • Horse Girl
  • How To Build A Girl
  • The Human Factor
  • The Hunt
  • I Am Greta
  • I Care A Lot
  • I Carry You With Me (Te Llevo Conmigo)
  • I Hate New Year’s
  • I Still Believe
  • I Will Make You Mine
  • The Illegal
  • I’m No Longer Here (Ya No Estoy Aquí)
  • I’m Thinking Of Ending Things
  • I’m Your Woman
  • The Infiltrators
  • The Invisible Man
  • Irresistible
  • Jimmy Carter: Rock & Roll President
  • Jingle Jangle: A Christmas Journey
  • John Lewis: Good Trouble
  • Journey To Royal: A Wwii Rescue Mission
  • Judas And The Black Messiah
  • Jungle Beat: The Movie
  • Juvenile Delinquents
  • Kajillionaire
  • Kalira Atita
  • A Kid From Coney Island
  • Kill It And Leave This Town
  • Killer Raccoons! 2! Dark Christmas In The Dark
  • Killian & The Comeback Kids
  • The King Of Staten Island
  • Kingdom Of Silence
  • Kiss The Ground
  • La Llorona
  • Lance
  • Land
  • The Last Blockbuster
  • Last Call
  • The Last Full Measure
  • The Last Shift
  • The Last Thing He Wanted
  • The Last Vermeer
  • Let Him Go
  • Let Them All Talk
  • The Life Ahead (La Vita Davanti A Se)
  • Like A Boss
  • Lingua Franca
  • The Little Things
  • Locked Down
  • The Lodge
  • Lost Girls
  • Love And Monsters
  • Lupin Iii: The First
  • Luxor
  • Mlk/Fbi
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Malcolm & Marie
  • Mank
  • Marjoun And The Flying
  • Headscarf
  • The Marksman
  • Martin Eden
  • Martin Margiela: In His Own Words
  • The Mauritanian
  • Max Winslow And The House Of Secrets
  • The Midnight Sky
  • Mighty Oak
  • Military Wives
  • Minari
  • Miss Americana
  • Miss Juneteenth
  • Mr. Jones
  • Mr. Soul!
  • Mmmmm (Sound Of Pain)
  • The Mole Agent
  • Monster Hunter
  • Mosley
  • Mosul
  • Mucho Mucho Amor: The
  • Legend Of Walter Mercado
  • Mulan
  • Music
  • My Favorite War
  • My Octopus Teacher
  • My Psychedelic Love Story
  • Nasrin
  • The Nest
  • Never Rarely Sometimes Always
  • News Of The World
  • Night Of The Kings
  • Nomadland
  • The Nose Or The Conspiracy Of Mavericks Notturno
  • No. 7 Cherry Lane
  • The Old Guard
  • Oliver Sacks: His Own Life
  • Olympia
  • On-Gaku: Our Sound
  • On The Record
  • On The Rocks
  • The One And Only Ivan
  • One Night In Miami…
  • Onward
  • Ordinary Love
  • The Other Lamb
  • Our Friend
  • Our Time Machine
  • The Outpost
  • Over The Moon
  • The Painter And The Thief
  • Palm Springs
  • Palmer
  • Pearl
  • Penguin Bloom
  • The Personal History Of David Copperfield
  • The Phenomenon
  • The Photograph
  • Pieces Of A Woman
  • Pinocchio
  • Possessor
  • Pray: The Story Of Patrick Peyton
  • Premature
  • Princess Of The Row
  • Project Power
  • The Prom
  • Promising Young Woman
  • Radioactive
  • The Real Exorcist
  • Rebecca
  • Rebuilding Paradise
  • Red Shoes And The Seven Dwarfs
  • Relic
  • The Rental
  • Resistance
  • The Rhythm Section
  • The Ride
  • Ride Your Wave
  • Rising Phoenix
  • River Tales
  • The Roads Not Taken
  • Roald Dahl’s The Witches Run
  • Saint Frances
  • Saint Maud
  • Save Yourselves!
  • Scoob!
  • Searching For Mr. Rugoff
  • The Secret Garden
  • The Secrets We Keep
  • 76 Days
  • A Shaun The Sheep Movie: Farmageddon
  • She Dies Tomorrow
  • Shirley
  • Show Me What You Got
  • Sky Blossom
  • Snake White: Love Endures
  • The Social Dilemma
  • Son Of The South
  • Songs Of Solomon
  • Sonic The Hedgehog
  • Soorarai Pottru
  • Soul
  • Sound Of Metal
  • Spaceship Earth
  • Spell
  • Stand!
  • Standing Up, Falling Down
  • Stars And Strife
  • Supernova
  • Swallow
  • System K
  • Tenet
  • Terra Willy
  • This Is Not A Movie
  • A Thousand Cuts
  • Tiger Within
  • Tigertail
  • Time
  • Tom And Jerry
  • Tommaso
  • Totally Under Control
  • The Traitor
  • The Trial Of The Chicago 7
  • The Trip To Greece
  • Trolls World Tour
  • True History Of The Kelly Gang
  • The Truffle Hunters
  • The Truth
  • Tulsa
  • The Turning
  • Tuscaloosa
  • The Twentieth Century
  • Twiceborn
  • 2 Hearts
  • Underneath The Same Moon
  • Underwater
  • The United States Vs. Billie Holiday
  • Used And Borrowed Time
  • Valley Girl
  • Wonder Woman 1984
  • Waiting For The Barbarians
  • Wander Darkly
  • The Way Back
  • The Way I See It
  • We Are Little Zombies
  • Welcome To Chechnya
  • Wendy
  • A Whisker Away
  • The White Tiger
  • Who Is Gatsby Randolph
  • Wild Daze
  • Wild Mountain Thyme
  • The Willoughbys
  • Wolfwalkers
  • Words On Bathroom Walls
  • Working Man
  • The World To Come
  • The Wretched
  • Yellow Rose
  • You Cannot Kill David Arquette

Continue Reading

Cinema

25 anni di Strange Days: il noir distopico visto dagli occhi di Kathryn Bigelow

Riccardo Colella

Published

on

Los Angeles, 1999. La città californiana è nel caos. Strange Days si svolge, dunque, in un’ambientazione molto simile a quella di un altro film cult: Fuga da Los Angeles, di John Carpenter con Kurt Russel nei panni di Jena Plissken.

Il 30 dicembre, alla vigilia del nuovo millennio, in tutto il mondo si evidenzia un’ escalation” di tensione. Le strade brulicano di manifestanti, mentre la gente si è ribellata alla polizia dopo che un rapper molto popolare è stato giustiziato da un paio di poliziotti corrotti. La città è sempre più violenta e caotica e la più recente ed illecita forma di divertimento si basa sulla possibilità di rivivere l’esperienza altrui acquistando dei “clips” contenenti, registrati con tecnica digitale, frammenti di particolari momenti di vita.

MyZona

Leggi anche: J.J. Abrams produrrà il reboot di Costantine, uscirà su HBO Max

Lenny Nero (Ralph Fiennes), ex poliziotto e ricettatore di “sogni” rubati, come spacciatore vende questi “clips” divenuti, ormai, la più richiesta droga capace com’è di penetrare nei meandri della natura umana (sesso, emozioni e violenza). Quando un anonimo fa pervenire a Nero la registrazione della morte di Iris (una giovane adibita ad un lavoro di collegamento per Lenny registrando “clips”) questi ne diviene, suo malgrado, emotivamente complice.

Soggetto e sceneggiatura del film furono di James Cameron con l’ausilio di Jay Cocks, la regia, invece, di Kathryn Bigelow. A comporre il cast, oltre Fiennes, anche Angela Bassett, Juliette Lewis, Michael Wincott, Vincent D’Onofrio.

Leggi anche: Wednesday, svelati i primi dettagli della serie diretta di Tim Burton

Il film uscì nel 1995 (in Italia il 23 febbraio del 1996) ma, nonostante le grandi aspettative generatesi attorno a esso, non riuscì a soddisfare le attese. Parlare di flop è probabilmente ingeneroso o, comunque, eccessivo. Il pubblico a cavallo della metà degli anni Novanta guardava alla fantascienza con una rinnovata curiosità, arricchito da nozioni scientifiche e tecnologiche in grado di sviluppare una maggiore conoscenza del genere grazie a una maggiore esposizione mediatica. Certo è che non venne accolto con i clamori che la produzione auspicava. Il film, però, si rivelò essere cupo, inquieto, forse anche eccessivamente violento.

Leggi anche: “Strappare lungo i bordi”, cosa sappiamo della serie Netflix firmata da Zerocalcare

Costò circa 42 milioni di dollari. Ne incassò sei volte di meno. Le “colpe” dell’insuccesso, se così vogliamo chiamarle, ricaddero sulla Bigelow, accusata di aver tradito gli accordi preliminari circa la realizzazione della sceneggiatura. Fu per lei, di fatto, una sonora stroncatura che minò definitivamente il suo percorso con la 20th Century Fox. Mancavano pochi anni agli anni Duemila. Tutti che avevano in mente il famigerato Millennium Bug, la paura dell’interruzione delle macchine e dei servizi digitali e il futuro spaventava poiché il cambio di millennio era, più che altro, un’incognita. Insomma, nessuno poteva raccontarlo.

Logico pensare a una fantascienza distopica, quindi, tipica di un certo tipo di letteratura come quella di Dick o Asimov, fonti d’indiscutibile ispirazione. Il Duemila avrebbe azzerato la società umana per portarla verso una direzione più estrema? Non potevamo saperlo, ma la Bigelow voleva immaginarlo. Il film, benché sottovalutato e, commercialmente parlando, un disastro, è stata una fondamentale fonte d’ispirazione per le pellicole venute dopo.

Leggi anche: RetroGaming: Prince Of Persia, il viaggio nel tempo che ha rivoluzionato il mondo del gaming

Continue Reading

Cinema

Cinema e teatri potrebbero riaprire il 27 marzo, data al vaglio del Cts

Fabio Iuliano

Published

on

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, il 27 marzo sarebbe la data indicata dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini per la riapertura di cinema e teatri. La proposta presentata al Comitato tecnico scientifico ha ottenuto l’appoggio della titolare degli Affari Regionali Mariastella Gelmini. Perché proprio quel giorno?

Perché il 27 marzo è la festa del teatro, per il governo potrebbe diventare una data simbolica specie se la morsa dei contagi consentirà un allentamento. I protocolli saranno molto stringenti e si prevede l’obbligo in sala delle mascherine FFP2 per tutta la durata dello spettacolo.

MyZona

SCREENDAILY: Questa pagina monitora l’andamento delle riaperture di teatri e cinema nel mondo

Continue Reading

In evidenza