Mascherine: via l’obbligo all’aperto dal 28 giugno

Il Comitato Tecnico Scientifico, dopo la consultazione di ieri pomeriggio, si è espresso favorevolmente riguardo la possibilità di rimuovere l’obbligatorietà di portare le mascherine all’aperto. Tuttavia non ha fornito date precise su quando entrerebbe in vigore tale decisione. La scelta è stata delegata, infatti, al Governo.

Il Cts ritiene comunque opportuno che il distanziamento sociale venga mantenuto e che i dispositivi sanitari di sicurezza siano sempre a portata di mano dei cittadini qualora si trovassero in situazioni di affollamento seppur all’aperto.

MyZona

L’Italia è dunque alla prova del nove. In attesa che la Valle d’Aosta il 28 giugno raggiunga il resto delle regioni in zona bianca. Il sottosegretario Andrea Costa ha riferito a RaiNews24 come “Non ho problemi a prendere una posizione netta sulla questione dello stop alla mascherina all’aperto. Se oggi nel nostro paese ci sono le condizioni per toglierle, la politica deve assumersi la responsabilità per dare un segnale ai cittadini. Penso che la data migliore sia quella del 28, quando tutta l’italia sarà bianca: prima si dà questo segnale al paese e meglio è” .

Riguardo la scelta della data arriva un tweet del ministro Speranza: “Dal 28 giugno superiamo l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto in zona bianca, ma sempre nel rispetto delle indicazioni precauzionali stabilite dal Cts”.

La decisione, che certo fa sorridere gli italiani, è dovuta al calo dei contagi in contemporanea all’aumento dei vaccinati. Difatti al momento già oltre il 53% della popolazione ha almeno una dose e circa il 27% ha completato il ciclo. Intanto la provincia autonoma di Bolzano ha emanato un’ordinanza che permette, già da ieri, di poter circolare all’aperto senza l’uso delle mascherine.

Leggi anche “Concerto punk a 18 dollari per i vaccinati, a 1000 per tutti gli altri. La polemica: è discriminazione”

L’Italia va dunque nella direzione presa già da altri paesi europei. Francia, Germania, Grecia, Polonia e Belgio hanno già abolito (chi da metà maggio chi dalla scorsa settimana) l’obbligatorietà dell’uso delle mascherine all’aperto.

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, a tal proposito, ha dichiarato che “di fronte al calo dei casi dovremmo procedere per gradi. Un primo passo può essere la fine dell’obbligo della mascherina protettiva nei luoghi aperti. Nelle regioni in cui l’incidenza è particolarmente bassa questo può avvenire anche all’interno. L’indicazione rimane comunque questa: in caso di dubbio meglio indossare la mascherina. Soprattutto quando si viaggia e negli incontri negli spazi interni”.

Il governo italiano dovrà sciogliere anche altri nodi. Come quelli relativi alle riaperture delle discoteche. Ma anche al numero di spettatori ad eventi sportivi, musicali e di spettacoli vari all’aperto.

Il presidente del Silb, il sindacato dei gestori di sale da ballo, ci va giù pesante. “Se non avremo una data di riapertura entro l’inizio di luglio, consegneremo le licenze e saremo costretti a comportarci da abusivi anche noi pur di lavorare. Se ritardano la nostra apertura togliendoci altri dieci giorni di lavoro da luglio, ci costringono a non ripartire”.

Se l’Olimpico di Roma, in questi giorni sede delle partite della nazionale di calcio italiana, ha ospitato solo 16mila spettatori, in Ungheria si è assistito all’apertura completa dello stadio. Erano infatto circa 60mila i tifosi in tribuna.

Leggi anche “Rockin’1000, nuovo rinvio allo Stade de France: concerto a maggio 2022”

In Italia, invece, si è ancora fermi al palo. La decisione è ancora rimandata e molti grandi eventi e festival sono stati annullati. D’altronde è impensabile che un evento come il Firenze Rocks, che per il 2022 ha già annunciato i Green Day e i Metallica, possa ospitare solo un migliaio di fans. Lo stesso Rock in Roma a maggio ha annunciato di aver rinunciato all’organizzazione per questa estate rimandando tutto all’anno prossimo.

Enzo Mazza, CEO della Federazione dell’Industria Musicale Italiana, ha espresso all’Adnkronos diverse perplessità in merito. Al punto da dichiarare che:

«È evidente che siamo di fronte ad una farsa. Si dibatte su protocolli stringenti sui quali dovrebbe esprimersi il CTS, per consentire quest’estate eventi musicali con mille o poco più persone all’aperto, e nello stesso momento si approva un piano per l’accesso di oltre 16mila persone all’Olimpico in occasione degli europei di calcio?». Ha poi aggiunto: «Penso che artisti e addetti ai lavori non debbano accettare una discriminazione di tale portata. Deve essere immediatamente aperto un tavolo di confronto per ottenere quanto meno un trattamento equivalente».

Bisognerà capire se i test fatti in questi mesi, come i concerti a Liverpool o a Barcellona saranno presi in considerazione. L’estate è ormai alle porte e il settore turistico, come quello del mondo dello spettacolo, sono a un passo dal collasso.

C’è bisogno di risposte chiare e in tempi celeri.

Photo by Matteo Jorjoson on Unsplash

Da leggere anche

Federico Rapini
Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli