“I’ll see you in my dreams”, il nuovo singolo di Bruce Springsteen per l’amico scomparso

The Boss is back! Esce oggi, venerdì 26 marzo, “I’ll See You In My Dreams“, il nuovo singolo di Bruce Springsteen estratto dall’album in studio realizzato insieme alla The Street Band, “Letter to you”. Il brano è dedicato alla memoria di Michael Gudinski, amico e promoter australiano di lunga data dell’artista.

Leggi anche: Motörhead: le ceneri di Lemmy diventano proiettili per gli amici storici

MyZona

“Il mio amico Michael Gudinski è stato prima di tutto, e lo sarà per sempre, un uomo di musica. Ho girato il mondo in tour negli ultimi 50 anni e non ho mai incontrato un promoter migliore. Michael parlava sempre con una voce profonda, quasi come un brontolio, e le parole gli uscivano così velocemente che la metà delle volte mi serviva un interprete. Ma lo sentivo forte e chiaro quando diceva, “Bruce, ti copro io”. E l’ha sempre fatto. Era rumoroso, sempre in movimento, intenzionalmente (e non) divertentissimo, e profondamente appassionato. Sarà ricordato dagli artisti da tutto il mondo, incluso me stesso, ogni volta che metteranno piede in Australia. Le mie più profonde condoglianze a sua moglie e partner Sue e a tutta la famiglia Gudinski, di cui andava così orgoglioso”, ha spiegato Bruce Springsteen.

Leggi anche: Road to Oscars 2021: Se succede qualcosa, vi voglio bene

“Letter to you” (certificato oro da FIMI/GfK Italia )è il ventesimo album in studio dell’artista, un disco rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound de The E Street Band, e registrato nella casa di Bruce Springsteen in New Jersey. L’album è anche la prima performance di Bruce Springsteen insieme a The E Street Band dal tour di “The River” del 2016, nominato tour mondiale dell’anno da Billboard e Pollstar. Contiene 9 brani scritti nell’ultimo periodo da Springsteen, e 3 leggendarie composizioni degli anni ‘70 finora inedite: “Janey Needs a Shooter,” “If I Was the Priest,” e “Song for Orphans”.  Ogni brano è un tributo a The E Street Band, alla musica rock e al ruolo che quest’ultima ha avuto nella vita dell’artista.

“Amo l’essenza quasi commovente di Letter to You”, dichiara Springsteen, “E amo il sound della E Street Band che suona completamente live in studio, in un modo che non avevamo quasi mai fatto prima, senza nessuna sovraincisione. Abbiamo realizzato l’album in soli cinque giorni, e quella che ne è venuta fuori è una delle più belle esperienze di registrazione che io abbia mai vissuto”. “Letter to you” cattura la potenza incomparabile dell’esibirsi in una rock band, segnando al tempo stesso la prima sessione live di registrazione con i componenti di The E Street Band in decenni, un legame indissolubile formato da una vita trascorsa in musica.

Leggi anche: Banksy, asta record per una sua opera

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli