Connect with us

Musica

“All alone on Christmas”, l’incontro natalizio tra Macaulay Culkin, la E-Street Band e Darlene Love

Federico Falcone

Published

on

Prendi parte dei componenti della E-Street Band, la leggendaria formazione che accompagna da sempre i dischi in studio e i concerti di Bruce Springsteen, affiancagli un’artista talentuosa e dalla voce straordinaria come Darlene Love e, se non bastasse, aggiungi un pizzico di quel sorrisetto malizioso e beffardo che contraddistingue il piccolo Kevin McAllister, al secolo Macalauy Culkin, e avrai “All alone on Christmas“.

Il brano natalizio, prodotto da Steve “Little Steven” Van Zandt, storico chitarrista del Boss nonché autore, fra le altre cose, di diversi progetti musicali, vede anche la collaborazione dei Miami Horns, sezione di fiati con base negli Stati Uniti, attiva fin dalla fine degli anni Settanta grazie alle collaborazione con numerosi artisti e band.

Giusto per citare i più noti: Bruce Springsteen, Diana Ross, Joe Cocker, Bon Jovi, The Allman Brothers Band, Eric Clapton, Ricky Martin, oltre ai più duraturi sodalizi con Little Steven e The Weinberg 7. Legame indissolubile con la E-Street Band, quindi.

A completare la line up di un brano che nel corso degli anni è diventato punto di riferimento per tutti gli amanti delle sonorità natalizie, Darlene Love. La cantante losangelina è infatti la voce del pezzo. Un’interpretazione travolgente, passionale e dall’impronta ben riconoscibile. Una timbrica inconfondibile, resa ulteriormente immortale da un videoclip festaiolo e spassoso dove si alternano immagini dagli studi di registrazione a spezzoni del film “Home Alone 2: Lost in New York“.

Inutile negarlo, Kevin McCallister è il simbolo dell’era Millennials. “Home Alone”, questo il titolo originale, ha conquistato intere generazioni di adolescenti. Ancora oggi, a distanza di 30 anni dalla sua uscita sul grande schermo, è in grado di rapirci e tenerci incollati alla televisione. Lo sappiamo tutti che anche voi, almeno una volta nella vita, avreste voluto essere Kevin McCallister. In alternativa, c’è sempre il film che non passa mai di moda e che in questi giorni è ritornato in auge grazie alle festività natalizie.

All alone on Christmas” è un singolo contenuto all’interno della colonna sonora di “Home Alone 2: Lost in New York” ed è tra i più dinamici e coinvolgenti. Uscì nel dicembre del 1992 per la 20th Century Fox/Arista Records/BMG, parallelamente alla pubblicazione del film e, come scritto in precedenza, fu scritto e prodotto da Steve Van Zandt. Il lato B del 45 giri e la seconda traccia del cd singolo includono la versione strumentale della canzone che tratta il tema della mancanza della persona amata durante il periodo delle festività natalizie. A questa persona, la/il protagonista sta scrivendo una lettera.

Il brano si apre con le classiche campanelle di Natale, prima che il sax dell’indimenticabile Clarence Clemons irrompa sulla panoramica del ponte di Brooklyn visto dall’alto.

Emozionarsi di fronte alle Twin Towers è, anche a distanza di diciannove anni da quel terribile attentato, impossibile. Così come non si possono che spalancare gli occhi dinanzi il gigantesco albero di Natale che si presenta agli occhi di Kevin, esattamente come il famoso negozio di giocattoli del signor Duncan cui il terribile bambino ama perdersi.

Anche a noi piace perderci nelle atmosfere natalizie. Anche se quest’anno sono diverse dal solito, nessuno può toglierci la voglia di sognare a occhi aperti. Proprio come il piccolo Macaulay sulle spalle del compianto Clarence, il gigante buono, il fratello acquisito del Boss. Il suo sax, però, è eterno. Un brano immancabile sotto Natale. E allora riascoltiamolo con piacere perché il rock è più forte di qualsiasi virus.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Il ministro Speranza gela Amadeus: no alla presenza del pubblico

Federico Falcone

Published

on

No al pubblico presente in sala all’Ariston in occasione del prossimo Festival di Sanremo.

Lo stop arriva direttamente dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che dopo aver interloquito con gli esperti del Comitato Tecnico Scientifico, chiedendo indicazioni ben precise sul “protocollo di sicurezza per artisti e maestranze“, ha ribadito che no, la prestigiosa kermesse ligure non sarà lo strappo alla regola. L’ipotesi che ventilava in questi giorni, circa la presenza di un ristretto numero di presenti in sala, esclusivamente a seguito di rigidi controlli, ha scatenato non poche polemiche.

Leggi anche: Luigi Tenco, storia dell’intervista poche ore prima della morte

Ad alzare la voce sono stati soprattutto le professionalità del settore. Cinema e teatri sono chiusi, dei concerti neanche a parlarne, live club fermi al palo o, come nel caso dell’Orion di Roma, impegnati in iniziative benefiche, e l’ipotesi che al festival della canzone italiana fosse concesso ripartire, laddove tutti gli altri sono invece bloccati, ha mandato in subbuglio l’intero settore.

Speranza ha inoltre chiesto al Cts di pronunciarsi con estrema rapidità circa le norme che gli artisti e i tecnici di sala devo rispettare. La volontà della Rai sarebbe quella di aprire ad almeno 400 presenze, anche contrattualizzate, che vadano a essere parte integrante della manifestazione. Ma il pubblico in sala resta tale, a prescindere che sia contrattualizzato oppure no. Non si possono, né si devono, fare due pesi e due misure. Vale la pena anche ricordare la proposta della nave da crociera. Non vogliamo usare il verbo “naufragare”, ma l’idea è restata tale.

Leggi anche: Sanremo 2021, date confermate ma restano tanti interrogativi

Come riportato dal Messaggero, il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha dichiarato: “Andrà in onda uno show dall’Ariston e sarà protocollato come evento televisivo. Abbiamo lavorato con la prefettura, con la Asl di Imperia per farlo. Sotto l’egida del Dpcm Sanremo potrà essere meno rischioso. Attenersi al decreto garantisce il rispetto di regole molto strette”.

Sanremo non può essere l’eccezione che ignora la regola. E’ previsto per oggi l’ennesimo confronto, al fine di fare luce sull’edizione più complessa degli ultimi anni. Sono tante, troppe, le incognite che ruotano attorno all’evento condotto da Amadeus. “Ho notato la disparità tra la chiusura dei teatri e il pubblico negli studi televisivi”, ha commentato Beppe Fiorello a più riprese. “Devo pensare che ci siano assunzioni di responsabilità personali, ma allora non c’è una regola vidimata dalle istituzioni? Non c’è un protocollo unico? E allora qualcosa non va. Non capisco questa disparità o qualcuno non rispetta i protocolli o la politica non li fa proprio. Qui serve chiarezza e regole uguali per tutti”.

Leggi anche: Sanremo 2021, folle idea Abba. Amadeus tenta il colpaccio

Continue Reading

Musica

Lucio Dalla e gli Idoli, storia di un album “Geniale?” che torna a nuova vita

Redazione

Published

on

A trent’anni dall’uscita, il 12 marzo uscirà “Geniale?” di Lucio Dalla, versione rimasterizzata di uno degli album tra i meno conosciuti e celebrati dell’artista. Il disco fu realizzato con gli Idoli con brani inediti e un testo di approfondimento che ne racconta l’incredibile storia. Geniale? è un album di inediti registrati dal vivo tra il 1969 e il 1970 con gli Idoli e pubblicato nel 1991, che conduce alla riscoperta delle radici musicali del cantautore bolognese e del periodo che ha preceduto il suo successo.

I brani, che sono stati rimasterizzati dai nastri originali, hanno consentito un restauro esclusivamente in mono per garantire la migliore resa possibile. 

Leggi anche: Queen: Brian May ha composto il miglior assolo della storia

Era il 1971 quando Lucio Dalla inizia la sua inarrestabile ascesa presentando al Festival di Sanremo il brano “4/3/1943”, ribattezzato da tutto il pubblico “Gesù Bambino”. Seguono “Piazza Grande”, “Il gigante e la bambina” e “Itaca”, tutti brani destinati ad entrare nel suo immenso repertorio. A 50 anni di distanza, Pressing Line e Sony Music vogliono rendere omaggio e celebrare uno dei più grandi Artisti della storia della musica italiana con questa esclusiva uscita, dopo il successo già ottenuto con la pubblicazione della riedizione degli storici album “Come è profondo il mare”, “Lucio Dalla” e “Dalla” e della raccolta “Duvudubà”.

Leggi anche: Ma quali assembramenti? In Nuova Zelanda si celebra il rock – e la vita…

Il cofanetto sarà disponibile in tre formati:

DOPPIO CD + libretto

LP 180gr + libretto

DOPPIO LP in pasta colorata + LIBRETTO (escl. Amazon)

Questa la tracklist di “Geniale?”:

CD 1

GRAGNANINO BLUES (Dalla – Lecardi), 1999 (Dalla – Reverberi – Bardotti), SYLVIE (Dalla – Franceschini – Bardotti – Baldazzi)SUMMERTIME (G. Gershwin / DuBose Heyward – I. Gershwin), IL MIO FIORE NERO (Phillips – Migliacci), AFRICA (Dalla – Franceschini – Pallottino – Bardotti), NON È UNA FESTA (Ciacci – Continiello – Migliacci), GENIALE? (Dalla), FOTTITI (Dalla), ETTO (Dalla), 4/3/1943 (Dalla – Pallottino).

BONUS TRACKS

QUANDO ERO SOLDATO – alternative version (Bardotti – Reverberi), HAI UNA FACCIA NERA NERA – alternative version (Izzo – Reverberi – Podestà).

CD 2

IL CIELO (Bardotti – Baldazzi – Reverberi – Dalla), BISOGNA SAPER PERDERE (Cassia – Cini), HAI UNA FACCIA NERA NERA (Izzo – Reverberi – Podestà), QUANDO ERO SOLDATO (Bardotti – Reverberi), L’ORA DI PIANGERE (Bardotti – Morton), LA STORIA DI UN TOPO MALATO – provino (Lecardi), TORNA A SORRIDERE – provino (Lecardi), NON È UN SEGRETO – provino (Bardotti – Reverberi – Lecardi), INTRO GENIALE (Dalla), MAMA LOVE PAPA LOVE (Dalla – Lecardi), VAN (Lecardi), A WALK ON THE WILD SIDE (Bernstein – Mack), BLUES FOR TOBIA (Dalla – Lecardi), GEORGIA ON MY MIND (Gorrell – Carmichael).

BONUS TRACKS

ETTO – alternative version (Dalla), 4/3/1943 – alternative version (Dalla – Pallottino), NON È UNA FESTA – alternative version (Ciacci – Continiello – Migliacci), AFRICA – alternative version (Dalla – Franceschini – Pallottino – Bardotti), SYLVIE – alternative version (Dalla – Franceschini – Bardotti – Baldazzi)SUMMERTIME – alternative version (G. Gershwin/E. DuBose Heyward – I. Gershwin).

Il disco è stato rimasterizzato negli Studi Fonoprint di Bologna da Maurizio Biancani.

Leggi anche: Shape Of Water: gli electro-rockers tornano con un nuovo Ep

Continue Reading

Musica

Shape Of Water: gli electro-rockers tornano con un nuovo Ep

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

La nota casa discografica Eclipse Records fa sapere che gli electro-rocker Shape Of Water sono pronti a rilasciare un nuovo Ep. Il titolo sarà Lockdown On Mars, e verrà pubblicato il 21 febbraio 2021.

La band nasce nel 2004 a San Benedetto del Tronto ad opera dei connazionali Rox Capriotti e Luca De Falco. Inizialmente sotto il nome The Lotus, il duo decide poi di spostarsi in Inghilterra a Manchester. Qui i nostri daranno il via alla loro carriera musicale per poi sciogliersi e riformarsi nel 2018 come Shape Of Water.

Il qui presente Ep, che esce dopo l’album Great Illusion del 2020, contiene alcune tracce reinventate estratte dal full-length. In particolare troverete al suo interno una nuova versione di acclamati brani come Mars-X e The World Is Calling Me. Il disco è stato prodotto da Paul Reeve (Muse, Supergrass, Beta Band) e mixato da Rox Capriotti.

Continue Reading

In evidenza