Alice: la rivisitazione del classico di Carroll al Teatro Fenaroli di Lanciano

Sabato 23 ottobre debutta in prima nazionale al Teatro Fenaroli di Lanciano “Alice”, produzione firmata “Shakespeare in sneakers”. Lo spettacolo sarà replicato domenica 24 alle ore 17.

Tratto da “Alice nel paese delle meraviglie” e “Attraverso lo specchio” di Lewis Carroll, “Alice” è frutto di due anni di intensissimo lavoro. Protagonisti l’autrice e regista Veronica Pace e gli attori e le attrici dell’associazione teatrale “Shakespeare in sneakers”.

MyZona

Pur mantenendo i personaggi e i tratti narrativi principali dell’opera di Carroll, lo spettacolo se ne discosta profondamente.

“Alice” viaggia su due piani, o meglio, tra due mondi: il mondo reale (sopramondo) e il mondo di fantasia (sottomondo)

Coleridge, tra Romanticismo ed heavy metal

Gli spettacoli di Shakespeare in sneakers sono sempre stati caratterizzati da un impatto visivo molto forte, e “Alice” non è da meno.

Le scenografie sono ridotte al minimo per lasciare che siano le performance a riempire lo spazio scenico, e l’intensità, il colore e la direzionalità delle luci che accompagnano i vari momenti della storia sono stati studiati per ottenere il maggiore effetto narrativo.

Nel silenzio assordante della malattia, emergono nenie e colonne sonore al confine tra inquietudine e meraviglia, in cui a prevalere sono le voci dei personaggi.

“Alice” è senza dubbio figlio del periodo di confinamento dovuto alla pandemia di Covid-19 che l’autrice ha passato a scrivere ininterrottamente.

La sensazione di precarietà, incertezza, paura e claustrofobia che ha investito il mondo ha sicuramente contribuito alla stesura di un’opera drammaturgica a tratti estenuante, in cui il dissidio umano e lo sconforto la fanno da padrone.

Abruzzo Horror Film Festival, la VII edizione entra nel vivo

Pur essendo uno spettacolo psicologico e sociale, “Alice” è anche e soprattutto un’elegia di rivalsa, una delicata poesia d’amore e di bisogno

La sofferenza catartica della protagonista, per anni soffocata nel mondo della fantasia, la travolge, mandando in cortocircuito quel meccanismo di difesa che l’allontanava da se stessa.

La storia di Alice diventa emblema della crudeltà del mondo, ma ci mostra come anche nei luoghi più oscuri la luce riesca a squarciare le tenebre grazie all’amore, la forza più universale.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli