Ucraina: “Give Peace a Chance”, flash mob sulle note di Lennon

Pochi minuti per far vibrare all’unisono le casse di amplificazione di scuole di tutta la Penisola sulle note del brano di John Lennon, “Give Peace a Chance”, un vero e proprio inno alla pace, adattissimo per questa crisi in Ucraina. L’appuntamento è venerdì 11 marzo alle 11.30 per un mini flash mob promosso dalla rete di scuole “NetSchool for peace” e aperto a tutti gli istituti che intenderanno partecipare.

La manifestazione ha l’obiettivo di offrire agli alunni e ai docenti un’occasione di riflessione su quanto sta accadendo in questi giorni e al tempo stesso intende essere un’esortazione che viene dal mondo della scuola a chiudere il conflitto militare in corso in Ucraina e a trovare un accordo che faccia tacere le armi che hanno già provocato migliaia di vittime.

Leggi anche: Ucraina, un patrimonio artistico da salvare

Ogni scuola può scegliere le classi che intende far partecipare all’iniziativa e le attività da svolgere. “L’intento della rete – spiegano i promotori – è quello di coinvolgere il maggior numero di scuole nella realizzazione di questo momento, che immaginiamo debba essere corale e unitario. In queste ore drammatiche per tutti è necessario far sentire forte il grido della scuola italiana”. Per informazioni: netschoolforpeace@gmail.com

Foto BERTRAND MORITZ on Unsplash

Articolo precedenteMusic For Change, la compilation è in musicassetta
Articolo successivo“Che male c’è”, Gentile canta la libertà che nasce dalla solitudine
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.