“The Rude Awakening”: un videogioco per riportare i giovani in museo e per conoscere la storia

Dopo oltre un anno di lavoro è pronto “The Rude Awakening”, letteralmente “Il brusco
risveglio”
, un videogioco educativo sulle orme della vita quotidiana dei soldati durante la
Prima Guerra Mondiale.

Realizzato dal creative hub romano Centounopercento – 101% studios, su iniziativa della Fondazione Belvedere Gschwent di Lavarone (Trentino), in qualità di capofila di un importante progetto europeo, il videogioco offre la possibilità di intraprendere un viaggio multimediale alla scoperta della vita “in prima linea”.

MyZona
Leggi anche: “Ennio Morricone e l’amore per Cervara di Roma”

In che modo avvicinare le giovani generazioni ai musei? Con progetti innovativi e interattivi
che coinvolgano i giovanissimi in un processo educativo nuovo e sempre più necessario
.
Così ha affermato Renzo Carbonera, art director dell’iniziativa, che prosegue:

Possiamo utilizzare il videogioco come strumento per veicolare messaggi importanti, aumentare la consapevolezza e informare su fatti storici fondamentali come la Prima Guerra Mondiale.

Nato dalla sinergia tra numerosi soggetti europei, “The Rude Awakening – un viaggio multimediale sulle orme della vita quotidiana dei soldati in prima linea” è un progetto che racconta la storia e lo fa con lo sguardo rivolto al futuro.

Si propone infatti di descrivere il drammatico conflitto tra nazioni europee, quello della Prima Guerra Mondiale, attraverso una visita museale tecnologica e innovativa. Caratteristiche, queste ultime, che la fortezza austro-ungarica di Lavarone ha fatto sue da sempre, come dimostrano le numerose sperimentazioni di strumenti e linguaggi diversi per la divulgazione storica. Dai videogiochi alla realtà virtuale: sono molti i modi per recuperare, tutelare e valorizzare la memoria del nostro territorio.

NON SOLO LA PRIMA GUERRA MONDIALE

“The Rude Awakening” incarna perfettamente quello spirito europeista su cui si regge l’azione di Forte Belvedere, prima fondazione di carattere internazionale della provincia di Trento. Il progetto nasce infatti dalla collaborazione tra ben nove partner europei e contribuisce alla costruzione di una coscienza oltre-ai-confini. Valorizzare la cooperazione tra Stati europei e impedire il ripetersi della follia della guerra: questo lo spirito dell’iniziativa.

Leggi anche: “Gaming competitivo e sport: sono veramente due mondi inconciliabili?”

È online il video di presentazione, visibile su Vimeo, con gli interventi di Renzo Carbonera e Daniele Azara: The Rude Awakening – An European Project on Vimeo

Il videogioco sarà fruibile on site a Forte Belvedere a partire dal 19 agosto e rappresenta un progetto ambizioso. Sarà infatti disponibile in quattro lingue: inglese, italiano, francese e tedesco, con quattro livelli di difficoltà per un totale di cinque ore di gioco.

A partire da settembre, il game sarà fruibile in tutti i siti museali dei partner di progetto, in Austria, Slovenia, Germania e Macedonia del Nord. A inizio 2022 è previsto invece il lancio on line.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli