Ruben Coco: “La musica? Una salvezza. La comicità? Una sorta di reazione”. L’intervista

Musica e comicità. Due mondi apparentemente lontani, posti quasi sempre in contrasto tra loro: come se l’una escludesse l’altra e viceversa. Eppure per Ruben Coco, cantautore e musicista di Avezzano, non è così. Classe 1979 e con una propensione sin da piccolo per l’espressione artistica, Ruben si è fatto conoscere a livello nazionale in primis per la sua musica. Un lungo percorso fatto di studi e concorsi che lo portarono ad aprire, nel 2010, il concerto del leggendario B.B. King all’Auditorium Parco della Musica. E poi ancora la partecipazione al Festival Dei Due Mondi e a Umbria Jazz ed il secondo posto al Premio Lucio Dalla. Insomma, quella del marsicano Ruben Coco è una carriera professionale fatta di tanti traguardi e successi, tanto da essere ora un affermato maestro di canto.

Ma, come dicevamo all’inizio, c’è anche un lato comico e più goliardico che ha reso Ruben Coco famoso e conosciuto. Tutto è iniziato con dei brevi video comici in dialetto avezzanese. Poi la svolta con il programma Propaganda Live che più volte ha mandato in onda alcuni suoi video dove ridoppiava, cantandoli, dei volti noti della politica. Una formula semplice ed efficace attraverso la quale il cantautore ha coniugato il suo lato musicale con quello goliardico, reinventando di fatto un modo di fare comicità.

MyZona

Questa, chiaramente, è solo la punta dell’iceberg, poiché dietro il percorso artistico di Ruben Coco c’è molto di più. Proprio per questo motivo abbiamo scambiato con lui due chiacchiere per cercare di capire meglio il suo background. Quindi, senza indugiare oltre, vi lasciamo all’intervista. Buona lettura.

Leggi anche: “Io e Te: il nuovo singolo del cantautore Ruben Coco

Ruben Coco: musicista, cantautore, diplomato al CET di Mogol ed anche insegnante di canto e pianoforte. Una vita intera dedicata alla musica. Com’è nato questo amore viscerale e cosa poi ti ha spinto a dedicartici così attivamente?

L’amore è nato per una caratteristica innata. Non ho dovuto studiare per fare canto, perché era una cosa che già mi riusciva naturalmente. Da piccolo ho iniziato a studiare pianoforte, mentre il canto l’ho perfezionato semplicemente provando e suonando con gli amici. In conservatorio ho poi ampliato i gusti e gli stili. Inoltre c’è da dire che l’amore per la musica è nato anche grazie alla mia situazione a casa. Mio padre suonava l’armonica, mia madre invece cantava sempre, mio nonno suonava la fisarmonica… Insomma, in famiglia la musica c’è sempre stata.

La tua è una carriera che ha portato grandi traguardi, come l’apertura del concerto di B.B King, la presenza come cantante nello spot della Puma o la partecipazione ad Umbria Jazz. Quanto sono state importanti queste esperienze nella tua formazione professionale e come persona?

Beh sicuramente mi hanno fatto assaporare un po’ di professionalità. La mia carriera in generale è sempre stata di alti e bassi. Questo settore non è un mondo facile, anche per chi, come me, ha avuto la fortuna di fare queste esperienze. Però sono comunque piccoli traguardi che ti fanno capire che se ad una cosa lavori bene i risultati arrivano.

Prova ad immaginare il te stesso di anni fa, magari quando eri ancora indeciso su cosa fare e con mille progetti in mente. E poi al Ruben Coco di oggi. Oltre ad una sana dose di motivazione, e magari un pizzico di fortuna, quale pensi sia stato l’ingrediente segreto della tua crescita artistica e professionale?

Sicuramente la mia famiglia che mi ha educato con la libertà: ero sempre libero di scegliere. Anche se dietro alle libere scelte, oltre le eventuali gioie, c’è sempre la possibile fregatura. Come si suol dire: oneri e onori. Quando in quel momento fai una precisa scelta pensi che sia quella migliore, altrimenti ne faresti un’altra. Ma comunque, senza scadere nella filosofia spicciola, ciò che mi porto da sempre dietro è la libertà. Ho visto gente dell’età mia che ha dovuto abbandonare il proprio sogno, quindi mi ritengo molto fortunato.

Oltre al lato musicale tu sei conosciuto anche a livello comico. Su Facebook posti spesso video in dialetto avezzanese goliardici. Come hai scoperto di avere questa capacità di far ridere? E cosa ti ha spinto, poi, a condividerla con gli altri?

La capacità di far ridere è nata già alle medie. All’epoca non ero l’uomo bellissimo che sono ora (ride, n.d.r.). Di base, fisicamente parlando, ero tutto l’opposto dei parametri estetici che magari una ragazzina guardava. Consapevole di ciò, mi sono dovuto sforzare di fare breccia con altre qualità: è stata una sorta di reazione. Chiaramente devi esserci anche un po’ portato ed avere la creatività che ti permette poi di far ridere.

Una domanda che ti avranno fatto in tantissimi: com’è nata la collaborazione con Propaganda Live?

Ho cominciato guardando i video geniali di Fabio Celenza e da lì ho preso lo spunto: fare una cosa simile in chiave musicale. Mettevo una melodia di base e cantavo sopra il labiale dei politici. Poi tutti mi hanno consigliato di iscrivermi su Twitter, perché Propaganda è molto attiva lì. Prima non avevo mai usato questo social, anzi lo snobbavo un pochino. Ho iniziato a postare i miei video e a taggarli, e con un po’ di fortuna sono arrivato a loro, grazie anche alle tante segnalazioni degli utenti.

La svolta, e la gran botta di fortuna, ci fu con il video di Letta quando divenne il nuovo segretario del PD. All’epoca il partito non se la passava bene e lui venne visto un po’ come una cura. Così ho usato la melodia de “La Cura” di Battiato sotto le parole di Letta. Oltre ad essere stato il punto di svolta con Propaganda è stata anche un po’ la mia condanna perché tutti volevano altri video. Comunque, stavo sempre sul pezzo per monitorare le varie svolte e aggiornamenti politici e creare poi il contenuto più adatto. Dopo un mese mi hanno chiamato e da allora tutti i video che avete visto mi sono stati commissionati.

Pensi che musica e comicità possano convivere o cerchi sempre di tenere questi due lati separati? Cioè: da una parte il Ruben Coco artista e compositore, dall’altro il Ruben più comico e goliardico. Che rapporto c’è tra questi aspetti?

È sempre stato un conflitto fino a poco tempo fa. Poi mi sono reso conto che erano due aspetti talmente forti che farli contrastare era controproducente. Inutile farsi la guerra, e quindi ho iniziato ad integrarli. Se sto facendo un live di brani miei sicuramente non mi limito se mi scappa una battuta o un momento più goliardico. Diciamo che in cantiere c’era anche l’idea di portare uno spettacolo musicale comico, ma non è così semplice. Adesso comunque i due lati viaggiano insieme, basti vedere i video dei politici che sono sia comici che musicali.

Cos’è per te la musica? Cosa vuoi comunicare con essa?

La musica è espressione. Ognuno la usa come può: per guadagno, per divertimento, per esprimersi al 100%. La musica non è solamente di chi la fa, ma anche di chi l’ascolta. È un’entità che ha un utilizzo così soggettivo che non la si può inquadrare in uno schema o con qualche aggettivo. Per me è stata una salvezza che mi ha aiutato ad uscire dal guscio, dato che da piccolo ero timido ed insicuro.

Essendo un maestro di canto e pianoforte hai a che fare con ragazzi di tutte le età, che magari sperano di farsi conoscere un giorno per la loro arte. Cosa ti sentiresti di dire loro per il futuro?

Gli direi che se vogliono dedicare la loro vita alla musica devono impegnarsi al massimo. Ma di tenere presente anche che ci troviamo in un mondo, e in una nazione, dove spesso va più avanti l’immagine che la creatività. Però l’immagine è qualcosa di artificiale e se non rispetta più determinati standard la si può modificare fino ad un certo punto. Più che cercare il successo bisogna cercare il valore, perché il primo te lo danno gli altri. Se hai 100mila followers e poi il giorno dopo Instagram crasha o si decide che il social non è più il parametro per il successo, di quei numeri non te ne fai più nulla. Però magari hai il valore, e quello resta: potrai sempre suscitare qualcosa negli altri con la tua musica. Deve essere più una ricerca interna che esterna. E soprattutto, bisogna spaziare e sapersi adattare alle situazioni. Fate sempre tante cose e siate competitivi.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli