Red Notice è il film più costoso mai prodotto da Netflix

Ma parliamo di Red Notice. La nuova produzione Netflix si prospetta come un film che un tempo avremmo definito “blockbuster”, in un era, ormai finita, dove il protagonista indiscusso rimaneva sempre il cinema in sala.

Dove una cifra come 200 milioni di dollari non avrebbe fatto così scalpore, soprattutto vista la partecipazione di tre nomi come Dwayne “The Rock” Johnson, Ryan Gosling e Gal Gadot, pezzi da novanta nel panorama cinematografico odierno. Molte invece sono le perplessità generate da questa pellicola che, oltre al budget spropositato, riguardano proprio la scelta dei protagonisti, che sembrano essere stati ingaggiati principalmente a causa della loro popolarità, piuttosto che grazie alla loro idoneità alla parte interpretata.

MyZona

Dubbi che sembrano essere confermati dalla critica. Gli addetti ai lavori, dopo aver visto in anteprima Red Notice, non sembrano proprio convinti dall’alchimia tra i tre.

Da un primo sondaggio sembrerebbe che a salvarsi sia solo la performance di Ryan Reynolds. Il suo umorismo dissacrante, che fa parte di lui dai tempi di Deadpool, lo terrebbe a galla.

Il film diretto da Rawson Marshall Thurber e prodotto da Universal insieme a Netflix, è un action movie che racconta il furto di tre preziose uova d’oro, reperto storico dell’amore tra Cleopatra e Marco Antonio. La caccia al tesoro inizia con Nolan Booth (Ryan Reynolds), il più famoso ladro del mondo, che intraprende un viaggio intorno al mondo per poter rimettere insieme le tre reliquie.

Al suo inseguimento c’è John Hartley (Dwayne Johnson) che, dopo essere riuscito a catturare il ladro, viene accusato di essere suo complice. Questa accusa viene formulata quando si scopre che una delle uova confiscate è in realtà un falso.

Hartley viene quindi incarcerato insieme a Booth in un carcere di massima sicurezza, dove gli viene rivelato che sono stati entrambi ingannati dall’Alfiere (Gal Gadot), che sta cercando di recuperare i cimeli dietro commissione di un ricco uomo d’affari.

La trama si sviluppa grazie a un’inaspettata (non troppo) esigenza di collaborazione dei tre che, dopo uno scontro iniziale, sono costretti a fare affidamento uno sull’altro per poter riuscire nei loro obiettivi. Non mancano, come da tradizione, inseguimenti, fughe improbabili e battute ironiche, che offrono un divertimento leggero, adatto ad un ambiente famigliare.

Riguardo gli elevati costi della produzione il regista Rawson Marshall Thurber ha dichiarato:

“Alcune scene d’azione sono molto, molto speciali. In effetti non erano mai state fatte prima nella storia del cinema, perché la tecnologia che abbiamo utilizzato per realizzarle è stata inventata circa sei settimane prima che decidessimo di usarla. Si tratta di una minuscola cinepresa chiamata “Komodo Camera”, della RED.

Praticamente ha le dimensioni di una scatola di fazzoletti e noi l’abbiamo collegata ad un drone da corsa. Si tratta di una telecamera con una qualità cinematografica 6K, l’abbiamo collegata a questo drone con una piccola lente sferica e per manovrarla abbiamo assunto un’incredibile operatore di droni da corsa di nome Johnny FPV, che è il migliore al mondo.”

E Il produttore Hiram Garcia ha aggiunto:

“Quando il tuo regista dice, ‘Hey amico, questo è quello che voglio fare, ma ti avverto: non è mai stato fatto prima’, tu non puoi che rispondere, ‘Beh, diavolo si, facciamolo’. Questa è la roba che ci piace, la nostra frase preferita è letteralmente ‘Non è mai stato fatto prima’.

Non resta quindi che aspettare il 12 novembre, data in cui netflix renderà disponibile il film per i suoi abbonati, per poter giudicare le riprese e le interpretazioni di Red Notice, di cui, tra l’altro, si parla già di un possibile sequel.

Leggi anche: Disney Plus Day: in arrivo tante novità, promozioni ed eventi speciali

Leggi anche: Apple Tv+ risponde a Netflix: dalla Corea del Sud arriva Dr. Brain

Da leggere anche

Federica Prato
Sono Federica, ho 33 anni e ho frequentato il Dams di Torino con indirizzo cinema. Da sempre appassionata di libri, fumetti, film e serie tv, sono cresciuta disegnando e scrivendo storie fin da quando ero piccola. Non appena ci sarà la possibilità non vedo l'ora di poter tornare a visitare il salone del libro e il Lucca Comics, appuntamenti da sempre segnati nella mia agenda.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli