I re dell’Africa, una storia raccontata dal soffio del vento

I re dell’Africa” di Giuseppe Resta è un avvincente romanzo corale che, attraverso un linguaggio sincero e un ritmo incalzante, mette in luce l’avidità e la pochezza d’animo di cui sono capaci certi esseri umani.

Una storia di fantasia ispirata però a una cruda realtà, dove uomini senza scrupoli recano danno al prossimo e all’ambiente con il solo fine di arricchire le proprie tasche. Vicende in cui l’abuso di potere regna sovrano acquisendo, di volta in volta, come il Diavolo, una forma diversa: dalla corruzione, all’evasione fiscale, allo sfruttamento, agli abusi sessuali, al disastro ambientale.

MyZona

Dinamiche che l’autore ha saputo descrivere perfettamente. Attraverso le azioni di personaggi magistralmente costruiti che, pur rivestendo posizioni e ruoli sociali diversi, si trovano ben presto a diventare parti importanti di una medesima storia. L’unica vera protagonista rimane l’eterna lotta tra il bene e il male.

Da un lato avidi burattini nelle mani del Dio Denaro, pronti a vendere l’anima al Diavolo, appunto, pur di ottenere potere e successo, dall’altra persone comuni e uomini di legge che con coraggio si battono ogni giorno per tutelare la propria gente e la terra a cui appartengono: un Sud Italia che, libero da affari loschi e sostanze tossiche, potrebbe sfoggiare esclusivamente le sue bellezze per le quali è ambito e ammirato da tutto il mondo.

Ogni capitolo del romanzo è introdotto da un narratore speciale che, con fare curioso e leggiadro, diventa parte attiva delle vicende: il Vento.

Lui, spirito onnisciente, sa tutto e può entrare ovunque, anche negli uffici dei politici corrotti, anche negli ospedali dove persone malate di cancro a causa dell’aria inquinata e dei cibi avvelenati, si recano sperando di guarire, anche nei locali in cui professionisti apparentemente puliti si intrattengono con donne, alcol e droga, spendendo soldi macchiati di sangue.

Leggi anche: “Vivi davvero?” di Federico Galantini: un saggio per ritrovare la propria libertà

È proprio lui a raccontarci in prima battuta, per poi lasciare la parola ai personaggi, gli affari loschi tra il geometra Mingolla, il commercialista Negri, Marras, proprietario della masseria Traìni, Cagnazzo, Pignatelli, Menotti e altri imprenditori senza scrupoli, ammanicati con la politica, la mafia e spesso con la polizia.

Sempre lui ci racconta però anche le imprese di coloro che combattono la corruzione e le ingiustizie, come il luogotenente Zampina, il carabiniere scelto Caputo, Matilde, amante di Pignatelli la quale, mossa dal rimorso e dall’umiliazione, deciderà a un certo punto di vendicarsi, o Nadia, ragazza dai saldi principi che farà tutto il possibile per portare a galla i traffici illegali di cui è a conoscenza.

Tanti personaggi che, come un’orchestra sinfonica, suonano un’amara melodia a cui solo la Giustizia, la Nemesi, potrà mettere fine. A dirigerli, il soffio del vento, compagno dell’uomo dalla notte dei tempi.

Leggi anche: Devil in a Coma: Mark Lanegan racconta la terrificante esperienza con il Covid

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli