Connect with us

Cinema

Oscar 2021: c’è la lista dei titoli eleggibili come il Miglior Film

Published

on

Nella giornata di ieri, l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha diramato la lista dei film che entreranno nel quintetto finale, per aggiudicarsi la statuetta del Miglior Film agli Oscar del 2021.

Mai come quest’anno la lista dei titoli eleggibili è stata così corposa. Se nella passata edizione la lista iniziale contava 344 candidati, sono ben 366 i film che quest’anno si daranno battaglia per accedere alla 93esima edizione degli Academy Awards.

MyZona

Leggi anche: Oscar 2021: cambia il regolamento per la categoria Miglior Film Straniero

Le nomination agli Oscar saranno annunciati il prossimo 15 marzo, mentre la cerimonia di premiazione avrà luogo il 25 aprile 2021.    

Ecco la lista dei film candidati, in ordine alfabetico:

  • Absent Now the Dead
  • Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus
  • Alberto and the Concrete Jungle
  • All I Can Say
  • All In: The Fight for Democracy
  • All My Life
  • All Together Now
  • Alone
  • American Skin
  • Ammonite
  • And Then We Danced
  • Another Round
  • Antebellum
  • Anton
  • Apocalypse ’45
  • Apples
  • The Artist’s Wife
  • Assassins
  • The Assistant
  • Athlete A
  • Atlantis
  • Babyteeth
  • Bacurau
  • Bad Boys For Life
  • Bad Hair
  • The Banker
  • Barb & Star Go To Vista Del Mar
  • Be Water
  • Beastie Boys Story
  • Becoming
  • Belly Of The Beast
  • Belushi
  • Big Time Adolescence
  • The Big Ugly
  • Bill & Ted Face The Music
  • Billie
  • The Billionaire
  • Birds Of Prey
  • Black Bear
  • Blackbird
  • Blizzard Of Souls
  • Bloodshot
  • Bloody Nose, Empty Pockets
  • Blue Story
  • Blumhouse’s Fantasy Island
  • Bombay Rose
  • The Booksellers
  • Borat Subsequent Moviefilm
  • The Boys In The Band
  • Boys State
  • Brahms: The Boy Ii
  • Broken Keys
  • Buddy Games
  • Burden
  • The Burnt Orange Heresy
  • Calamity Jane
  • The Call Of The Wild
  • Canaan Land
  • Capone
  • Charm City Kings
  • Cherry
  • The Christmas Chronicles 2
  • Circus Of Books
  • Clementine
  • The Climb
  • Collective
  • Color Out Of Space
  • Come Away
  • Come Play
  • Coming Clean
  • Coronation
  • Coup 53
  • Creem: America’s Only Rock ‘N’ Roll Magazine Crip Camp
  • Crisis
  • The Croods: A New Age
  • The Cuban
  • Cut Throat City
  • Da 5 Bloods
  • Dads
  • Dara Of Jasenovac
  • The Dark And The Wicked
  • The Dark Divide
  • David Attenborough: A Life On Our Planet
  • Dear Comrades!
  • Death Protocol
  • Demon Slayer -Kimetsu No Yaiba- The Movie: Mugen Train
  • Desert One
  • The Devil All The Time
  • Diana Kennedy: Nothing Fancy
  • Dick Johnson Is Dead
  • The Dig
  • Disclosure
  • The Dissident
  • Dolittle
  • The Donut King
  • Downhill
  • Dreambuilders
  • Driveways
  • Earwig And The Witch
  • Echo Boomers
  • Effigy – Poison And The City
  • Emma
  • Emperor
  • The Empty Man
  • Eurovision Song Contest: The Story Of Fire Saga
  • Extraction
  • Faith Based
  • Falling
  • The Family Tree
  • Fandango At The Wall
  • Farewell Amor
  • Fatale
  • The Father
  • Father Soldier Son
  • Fatima
  • Feels Good Man
  • The Fight
  • Finding Hannah
  • Fireball: Visitors From Darker Worlds
  • First Cow
  • First Vote
  • Flannery
  • The Forty-Year-Old Version
  • Foster Boy
  • Freak Power: The Ballot Or The Bomb
  • Freaky
  • French Exit
  • Funny Boy
  • The Gentlemen
  • The Ghost Of Peter Sellers
  • Giving Voice
  • The Glorias
  • Gordon Lightfoot: If You Could Read My Mind
  • Greed
  • Greyhound
  • The Grizzlies
  • Gunda
  • Guns Akimbo
  • Half Brothers
  • The Half Of It
  • Happiest Season
  • Harry Chapin: When In Doubt, Do Something
  • Herself
  • The High Note
  • Hillbilly Elegy
  • His House
  • Hope Gap
  • Horse Girl
  • How To Build A Girl
  • The Human Factor
  • The Hunt
  • I Am Greta
  • I Care A Lot
  • I Carry You With Me (Te Llevo Conmigo)
  • I Hate New Year’s
  • I Still Believe
  • I Will Make You Mine
  • The Illegal
  • I’m No Longer Here (Ya No Estoy Aquí)
  • I’m Thinking Of Ending Things
  • I’m Your Woman
  • The Infiltrators
  • The Invisible Man
  • Irresistible
  • Jimmy Carter: Rock & Roll President
  • Jingle Jangle: A Christmas Journey
  • John Lewis: Good Trouble
  • Journey To Royal: A Wwii Rescue Mission
  • Judas And The Black Messiah
  • Jungle Beat: The Movie
  • Juvenile Delinquents
  • Kajillionaire
  • Kalira Atita
  • A Kid From Coney Island
  • Kill It And Leave This Town
  • Killer Raccoons! 2! Dark Christmas In The Dark
  • Killian & The Comeback Kids
  • The King Of Staten Island
  • Kingdom Of Silence
  • Kiss The Ground
  • La Llorona
  • Lance
  • Land
  • The Last Blockbuster
  • Last Call
  • The Last Full Measure
  • The Last Shift
  • The Last Thing He Wanted
  • The Last Vermeer
  • Let Him Go
  • Let Them All Talk
  • The Life Ahead (La Vita Davanti A Se)
  • Like A Boss
  • Lingua Franca
  • The Little Things
  • Locked Down
  • The Lodge
  • Lost Girls
  • Love And Monsters
  • Lupin Iii: The First
  • Luxor
  • Mlk/Fbi
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Malcolm & Marie
  • Mank
  • Marjoun And The Flying
  • Headscarf
  • The Marksman
  • Martin Eden
  • Martin Margiela: In His Own Words
  • The Mauritanian
  • Max Winslow And The House Of Secrets
  • The Midnight Sky
  • Mighty Oak
  • Military Wives
  • Minari
  • Miss Americana
  • Miss Juneteenth
  • Mr. Jones
  • Mr. Soul!
  • Mmmmm (Sound Of Pain)
  • The Mole Agent
  • Monster Hunter
  • Mosley
  • Mosul
  • Mucho Mucho Amor: The
  • Legend Of Walter Mercado
  • Mulan
  • Music
  • My Favorite War
  • My Octopus Teacher
  • My Psychedelic Love Story
  • Nasrin
  • The Nest
  • Never Rarely Sometimes Always
  • News Of The World
  • Night Of The Kings
  • Nomadland
  • The Nose Or The Conspiracy Of Mavericks Notturno
  • No. 7 Cherry Lane
  • The Old Guard
  • Oliver Sacks: His Own Life
  • Olympia
  • On-Gaku: Our Sound
  • On The Record
  • On The Rocks
  • The One And Only Ivan
  • One Night In Miami…
  • Onward
  • Ordinary Love
  • The Other Lamb
  • Our Friend
  • Our Time Machine
  • The Outpost
  • Over The Moon
  • The Painter And The Thief
  • Palm Springs
  • Palmer
  • Pearl
  • Penguin Bloom
  • The Personal History Of David Copperfield
  • The Phenomenon
  • The Photograph
  • Pieces Of A Woman
  • Pinocchio
  • Possessor
  • Pray: The Story Of Patrick Peyton
  • Premature
  • Princess Of The Row
  • Project Power
  • The Prom
  • Promising Young Woman
  • Radioactive
  • The Real Exorcist
  • Rebecca
  • Rebuilding Paradise
  • Red Shoes And The Seven Dwarfs
  • Relic
  • The Rental
  • Resistance
  • The Rhythm Section
  • The Ride
  • Ride Your Wave
  • Rising Phoenix
  • River Tales
  • The Roads Not Taken
  • Roald Dahl’s The Witches Run
  • Saint Frances
  • Saint Maud
  • Save Yourselves!
  • Scoob!
  • Searching For Mr. Rugoff
  • The Secret Garden
  • The Secrets We Keep
  • 76 Days
  • A Shaun The Sheep Movie: Farmageddon
  • She Dies Tomorrow
  • Shirley
  • Show Me What You Got
  • Sky Blossom
  • Snake White: Love Endures
  • The Social Dilemma
  • Son Of The South
  • Songs Of Solomon
  • Sonic The Hedgehog
  • Soorarai Pottru
  • Soul
  • Sound Of Metal
  • Spaceship Earth
  • Spell
  • Stand!
  • Standing Up, Falling Down
  • Stars And Strife
  • Supernova
  • Swallow
  • System K
  • Tenet
  • Terra Willy
  • This Is Not A Movie
  • A Thousand Cuts
  • Tiger Within
  • Tigertail
  • Time
  • Tom And Jerry
  • Tommaso
  • Totally Under Control
  • The Traitor
  • The Trial Of The Chicago 7
  • The Trip To Greece
  • Trolls World Tour
  • True History Of The Kelly Gang
  • The Truffle Hunters
  • The Truth
  • Tulsa
  • The Turning
  • Tuscaloosa
  • The Twentieth Century
  • Twiceborn
  • 2 Hearts
  • Underneath The Same Moon
  • Underwater
  • The United States Vs. Billie Holiday
  • Used And Borrowed Time
  • Valley Girl
  • Wonder Woman 1984
  • Waiting For The Barbarians
  • Wander Darkly
  • The Way Back
  • The Way I See It
  • We Are Little Zombies
  • Welcome To Chechnya
  • Wendy
  • A Whisker Away
  • The White Tiger
  • Who Is Gatsby Randolph
  • Wild Daze
  • Wild Mountain Thyme
  • The Willoughbys
  • Wolfwalkers
  • Words On Bathroom Walls
  • Working Man
  • The World To Come
  • The Wretched
  • Yellow Rose
  • You Cannot Kill David Arquette

Ha visto cose che voi umani non potreste immaginarvi, francamente se ne infischia e la sera non va a letto presto. Pensa in fretta quindi parla in fretta, dal Daily Planet a The Walk of Fame, per un’offerta che non poteva rifiutare e la vita è una questione di riflessi. Ogni tanto dà la cera e toglie la cera ma nessuno può chiamarlo fifone. È un bravo ragazzo, beve Martini agitato, non mescolato e la vanità è decisamente il suo peccato preferito.

Cinema

Space Jam 2, è polemica sul film: bocciato dalla critica americana

Published

on

Da semplice voce di corridoio a realtà sempre più tangibile. Quello di Space Jam 2 o Space Jam: New Legacy è stato un percorso travagliato, fatto per lo più di rumors e dicerie varie. Ma alla fine è successo, ed il 16 luglio nelle sale americane (in Italia il 23 settembre) è uscito il secondo capitolo del celebre film del 1996 con Michael Jordan. Questa volta, dopo ben 25 anni, è toccato alla superstar dell’NBA LeBron James il ruolo di protagonista, affiancato come di consueto dai Looney Tones capeggiati da Bugs e Lola Bunny

Un sogno per tutti i ragazzi nati negli anni ’90 che finalmente hanno potuto immergersi nuovamente in quelle fantastiche animazioni, dove realtà e finzione si incrociano in quello che all’epoca fu una pellicola generazionale. Ma, ahinoi, non è tutto oro quel che luccica, soprattutto se trailer e pubblicità in generale presentavano un prodotto che al contrario si è rivelato essere un flop. Quantomeno per la critica. Dopo nemmeno una settimana dall’uscita negli USA, Space Jam 2 è stato letteralmente stroncato dai maggiori siti e critici, compreso il celebre Rotten Tomatoes:

MyZona

«Despite LeBron James’ best efforts to make a winning team out of the Tune Squad, Space Jam: A New Legacy trades the zany, meta humor of its predecessor for a shameless, tired exercise in IP-driven branding» (Nonostante l’impegno di James nel far vincere la Tune Squad, Space Jam 2 sostituisce lo humor demenziale del primo capitolo con un vergognoso e sfiancante esercizio di branding).

Ed è proprio la parola “branding” la vera protagonista (o antagonista, fate voi) all’interno del film. Ma cosa vuol dire? Per farla breve e semplice: il branding è una tecnica di marketing attraverso la quale si presenta un prodotto che si vuole vendere. Detto in altri termini: è la strategia per convincere un cliente a propendere per un marchio anziché un altro. Tutto ciò, direte voi, come si collega con Space Jam 2? La critica americana è stata molto chiara in merito, definendo il film di Malcolm D. Lee un nemmeno troppo velato becero tentativo di fare pubblicità a HBO Max, la piattaforma in streaming che distribuisce la pellicola.

NB, prima di continuare: il film ancora non lo abbiamo visto; ciò che leggerete è frutto di una summa delle critiche americane.

Il motivo che ha spinto molti a definirlo, gergalmente parlando, una “marchetta” è la grande differenza che si è ravvisata con il primo capitolo. Tolte le varie similitudini di trama, che vedono la Tune Squad contro gli alieni da una parte e il mondo virtuale dall’altra, il film del 1996 aveva un senso. Per quanto banale e fantastica potesse essere la narrazione, Space Jam una sua logica ce l’aveva e, soprattutto, faceva ridere. Il secondo, invece, preferisce strizzare continuamente l’occhio ad HBO Max e Warner Bros a dispetto di evidenti carenze. In generale il film con LeBron James risulta essere sovraccarico, un calderone nel quale sono stati buttati a caso la maggior parte dei personaggi la cui proprietà intellettuale appartiene a Warner Bros. Troveremo, tra i tanti, riferimenti a Mad Max, Game of Thrones, Harry Potter e perfino Casablanca del 1942.

Insomma, sembra proprio che 25 anni dopo le cose siano cambiate in peggio. Non che il primo capitolo fosse esente dal discorso del marketing, ma come del resto qualunque produzione cinematografica. Era logico all’epoca come oggi che Warner Bros volesse tirare acqua al suo mulino. Tuttavia ciò che ha fatto arrabbiare fan e critici sono le modalità con cui è stato fatto. Space Jam 2 è stato visto come una presa in giro nei confronti del fruitore che si è sentito un mero oggetto al soldo del colosso americano. Una critica ed un controsenso ben espressi da Bilge Ebiri su Vulture: il film con una mano accarezza e con l’altra accoltella. Da una parte critica il tentativo di un colosso di inglobare il classico, ma dall’altra fa esattamente questo.

Onde evitare di aprire un’illegale diatriba tra i fan di Miacheal Jordan e LeBron James, ci limitiamo a dire che non è sbagliato inserire un personaggio famoso in un film che non sia propriamente un attore. Dalle pubblicità agli sponsor è dall’alba dei tempi che i volti noti vengano usati come testimonial. Ma è altresì vero che le modalità fanno la differenza. Michael Jordan era arrivato quasi a fine carriera, tant’è che il film venne girato durante il periodo di ritiro. Ma aveva comunque una fama a livello planetario. Alla fine dei conti l’ex giocatore risultò più un contorno, un valore aggiunto al film anziché una figura di marketing. Con James invece è stato esattamente l’opposto, e pubblico e critica americani lo hanno capito al volo.

Ai posteri l’ardua sentenza dunque. Il film lo vedremo perchè si tratta pur sempre di Space Jam, ma sicuramente faremo attenzione a questi dettagli rilevanti che sono emersi in questi giorni.

Photocredits by Wikipedia

Continue Reading

Cinema

Gus Van Sant: la metafora del male banale e il potere del realismo in “Elephant”

Published

on

Nato a Lousville (Kentucky) il 24 luglio 1952, il regista indipendente Gus Van Sant è senza dubbio uno degli artisti che è riuscito a descrivere al meglio un gigantesco vuoto generazionale, una realtà arida e un male banale, consumato spesso per noia facendo leva su un cinema semplice, privo di colpi scena e di drammaticità esasperata.

Nella sua carriera venne nominato due volte agli Oscar per la Miglior regia, nel 1998 per “Will Hunting – Genio ribelle” e nel 2009 per “Milk”.

MyZona
“ELEPHNAT” E LA STRAGE DELLA COLUMBINE HIGH SCHOOL

Un realismo spiazzante emana da ogni fotogramma di “Elephant”, la pellicola del regista che nel 2003 trionfò al Festival di Cannes, la quale vinse la Palma d’oro per il Miglior film e il premio per la Miglior regia.

Partendo da un fatto di cronaca nera realmente accaduto il 20 aprile 1999 in una scuola del Colorado, la Columbine High School, all’interno della quale due studenti non ancora maggiorenni uccisero, impugnando un mitra, un professore e dodici ragazzi per poi suicidarsi, Gus Van Sant creò una pellicola spiazzante, un vero pugno nello stomaco intrisa di un realismo devastante.

Leggi anche: ““La ragazza con il braccialetto”: il courtroom drama di Stéphane Demoustier da agosto al cinema”

Ed è proprio in questa caratteristica che risiede il potere di “Elephant, pellicola della durata di 80 minuti nella quale il regista ricostruì una normale e comune giornata all’interno della scuola americana. Nulla di straordinario, nulla di epico. Dialoghi normali e comuni tra adolescenti, ripresi attraverso lunghissimi piani sequenza, alle prese con i mille problemi tipici dell’adolescenza.

Molti registi che si sono cimentati in lavori di questo tipo, partendo da eventi di cronaca così macabri, hanno spesso cercato di dare una sorta di spiegazione -per quanto questa possa esistere- alle azioni scellerate delle persone interessate. Gus Van Sant no. E questo è un altro degli assoluti punti di forza di “Elephant”, e cioè il fatto che il regista scelse di non fornire una spiegazione, una logica o una qualche motivazione concreta sul perché due adolescenti potessero aver commesso un gesto così estremo.

Certo, la tristezza si avverte, una violenza latente si percepisce e la solitudine anche. Ma queste caratteristiche sono sufficienti a dare allo spettatore una sorta di motivazione sull’accaduto? No, anche per il fatto che la psicologia dei personaggi è sviluppata in maniera, volutamente, superficiale e non si ha la possibilità di “conoscerli” in maniera più approfondita.

L’AGGHIACCIANTE “BANALITÀ DEL MALE”

Un male banale direbbe la filosofa Hanna Arendt. Un male non delineato, vuoto, privo di senso e inesplicabile. E per questo ancora più agghiacciante. Per mettere in scena il realismo puro a cui aspirava, Gus Van Sant scelse tutti attori non professionisti, i quali in “Elephant” vengono pedinati e osservati, ma mai giudicati, nell’arco di circa mezza giornata tra i corridoi e le stanze della scuola.

IL PROVERBIO DELL’ELEFANTE NELLA STANZA

E il titolo? Il regista scelse “Elephant” rifacendosi al proverbio dell’elefante nella stanza, il quale indica una verità che per quanto ovvia sia, viene ignorata. Un elefante in una stanza sarebbe impossibile da non notare, ma se tutti faranno finta che questo non esista, il problema ai loro occhi sparirà, pur essendo ancora presente in maniera evidente.  

UNO SGUARDO PROFONDO SULL’ADOLESCENZA

E se “Elephant” è la perla del regista americano, questi ha regalato alla settima arte altri gioielli. Ricordiamo “Will Hunting – Genio ribelle” del 1997 in cui il regista raccontò la commovente e profonda storia di amicizia e formazione con protagonista un giovanissimo Matt Damon, al fianco di uno straordinario Robin Williams, il quale si aggiudicò l’Oscar come Miglior attore non protagonista.

MATT DAMON (WILL) E ROBIN WILLIAMS (SEAN) IN “GENIO RIBELLE”

Nel 2007 presentò “Paranoid Park”, tratto dall’omonimo romanzo di Blake Nelson. In questo lavoro il regista diede prova di saper trattare ed esaminare in maniera notevole e profonda il tema delicato dell’adolescenza, quasi a volerla preservare e custodire all’interno di un mondo adulto nichilista e distratto.

GABE NEVINS (ALEX) IN “PARANOID PARK”

Continue Reading

Cinema

“La ragazza con il braccialetto”: il courtroom drama di Stéphane Demoustier da agosto al cinema

Published

on

Presentato con successo in Piazza Grande al Festival di Locarno e Vincitore del Premio César per la Miglior Sceneggiatura non originale per i suoi dialoghi tesi e avvincenti, “La ragazza con il braccialetto” diretto dal francese Stéphane Demoustier (Terra battuta, Cléo & Paul) arriva finalmente nelle sale italiane, distribuito da Satine Film, a partire dal 26 agosto.

Al centro del film, la vita di Lise, un’ enigmatica adolescente accusata dell’ omicidio della sua migliore amica e costretta, in attesa del giudizio in Corte d’ Assise, a portare alla caviglia un braccialetto elettronico. I suoi genitori la sostengono, cercando la maniera migliore di far fronte al dramma che ha colpito la famiglia, ma, durante il processo, emergono aspetti della personalità di Lise inattesi e sconcertanti, che rendono difficile anche per loro discernere la verità.

MyZona
CHI È DAVVERO LISE? CONOSCIAMO DAVVERO CHI AMIAMO?

La Ragazza con il Braccialetto” è un courtroom drama incalzante e appassionante per i toni del dibattimento con cui difesa e pubblico ministero sostengono e dipanano le reciproche argomentazioni.

Leggi anche: ““A Classic Horror Story”: il nuovo film Netflix tra sacrifici e leggende popolari”

Al tempo stesso, il suo racconto apre uno squarcio sul mondo inquieto dell’ adolescenza, interrogandosi su quanto un giudizio morale possa essere condizionante nella società attuale, che sembra non comprendere più i giovani e i loro comportamenti. 

LA TRAMA DEL FILM, TRA ACCUSE E DIFESE

Lise ha 18 anni e un braccialetto elettronico alla caviglia. Accusata due anni prima del presunto omicidio della sua migliore amica, attende il processo a casa dei genitori, Bruno e Céline che la sostengono, ciascuno a suo modo, interrogandosi sulla maniera migliore di fare fronte al dramma familiare. Bruno è un padre protettivo, Cèline una madre bloccata davanti al destino della figlia. Un destino che si gioca in tribunale tra accuse e difese, confessioni e testimonianze che finiscono per rivelare una vita intima dell’imputata inattesa e sconcertante, e rendono difficile discernere la verità.

IL POSTER DEL FILM

Continue Reading

In evidenza