Connect with us

Attualità

Al Museo dei Fori Imperiali “Napoleone e il mito di Roma”

Federico Rapini

Published

on

Napoleone Bonaparte arriva a Roma con la mostra ai Mercati di Traiano Museo dei Fori Imperiali. Ideata in occasione del bicentenario della morte dell’Empereur “Napoleone e il mito di Roma” lo celebra ripercorrendo il rapporto tra lo stesso imperatore francese, il mondo antico e Roma.
La mostra, curata da Claudio Parisi Presicce, Massimiliano Munzi, Nicoletta Bernacchio e Simone Pastor, sarà aperta al pubblico fino al 30 maggio 2021.

I rapporti tra Roma e l’Impero di Napoleone

L’odierna Capitale d’Italia fu annessa all’Impero napoleonico dal 1809 al 1814 e per volontà dello stesso Napoleone fu la città imperiale seconda solo a Parigi.

MyZona

L’area archeologica dei Fori Imperiali nasce proprio con il Governo Napoleonico, che nel 1811 avviò la sistemazione dell’area a sud della Colonna di Traiano, la stessa che fu presa a modello per la realizzazione della Colonna Vendôme, eretta a Parigi per celebrare la vittoria della Grande Armée nella Battaglia di Austerlitz nel 1805 che garantì a Napoleone il dominio sull’Europa.

Roma, dunque, come modello. Roma come archetipo. La sua storia, i suoi personaggi, le vicende politiche, la religione, la letteratura, l’arte, tutto ciò che aveva contribuito a creare il mito di Roma fu assorbito dal giovane Napoleone sin dai tempi della Scuola Militare di Brienne-le-Chateau. 

I miti di Napoleone

La mostra infatti presenta numerose busti e dipinti incentrati sul rapporto tra Napoleone e i grandi sovrani antichi, grandi imperatori, condottieri del passato. Alessandro Magno, Augusto, Giulio Cesare, Costantino ed anche Annibale, il quale lo affascinava per aver valicato le Alpi. A tal proposito troviamo una copia del “Bonaparte valica il Gran San Bernardo” di J.L. David diventato l’emblema della seconda vittoriosa Campagna d’Italia. L’Imperatore era rappresentato su un cavallo rampante, come un eroe, come lo stesso Annibale e Carlo Magno, che prima di lui avevano superato le Alpi con un esercito e i cui nomi sono scolpiti sulle rocce.

Verso il generale cartaginese nutriva un’ammirazione tale da suscitare numerosi parallelismi, tanto che Vincenzo Monti nel “Inno per la battaglia di Marengo” inserisce un dialogo tra l’ombra del cartaginese e il generale Desaix.

Si entra così nel vivo della mostra con un busto di Napoleone di L. Bienaimé del 1870, dove possiamo ammirare il corso con l’alloro in testa. La corona d’alloro nella Roma antica era conferita dalle legioni ai generali vittoriosi al momento dell’acclamazione a imperator. Questo elemento era utilizzato propagandisticamente per porsi in continuità con i grandi condottieri e imperatori romani.

Tra questi, già citati, c’era sicuramente Giulio Cesare verso il quale ebbe un duplice rapporto conflittuale tra il trionfatore e il dittatore tradito. Augusto al quale si ispirò nel rifiutare i poteri eccezionali salvo accettarli poi solo per volontà popolare. E ancora Costantino al quale si ispirò per diversi motivi. L’essere un grande condottiero, il primo imperatore cristiano, colui che aveva governato in accordo al Papato. 

I rapporti con la Chiesa e gli emblemi

Il rapporto di Napoleone con la Chiesa fu turbolento. I due papi con cui ebbe a che fare, Pio VI e Pio VII, di cui possiamo ammirare i busti, dovettero prima accettare l’invasione francese e la deposizione del loro potere temporale fino al 1801, anno del Concordato in cui “il Governo della Repubblica riconosce che lam religione cattolica, apostolica e romana è la religione della maggior parte dei cittadini francesi. Sua Santità parimenti riconosce che la stessa religione ha tratto e tutt’ora si aspetta di trarre il massimo bene e risalto dalla restaurazione del culto cattolico in Francia”.

Il rapporto con Roma e la sua mitologia la ritroviamo anche nella stampa di B. Pinelli in cui il Tevere consegna all’aquila imperiale l’elmo di Cesare e la spada di Traiano per il re di Roma.

L’aquila, emblema di Roma fin dal tempo dei Re assumendo un valore identitario con la riforma dell’esercito di Caio Mario, fu scelta da Napoleone per adornanre i pennoni e le bandiere di guerra delle unità della Grande Armée. Nella storia e nell’iconografia napoleonica importante è il ricordo della distribuzione delle aquile, evento immortalato da David.

Celebre rimase la collera dell’Empereur contro i soldati che nella Battaglia di AUsterlitz avevano perduto l’aquila. Mentre a Waterloo, nonostante la sconfitta, le truppe francesi si batterono per difendere e conservare i propri emblemi.
Con l’Antico la mostra ci porta in Egitto, con stampe e medaglie della Campagna che lo portò alla conquista del Nilo, come i suoi miti Alessandro Magno e Giulio Cesare.

La chiusura della mostra

La mostra si chiude con il quadro di Gerard che raffigura Napoleone al suo apice, ritratto in piedi, davanti al trono, con le vesti indossate per la consacrazione a imperatore in Notre-Dame il 2 dicembre 1804. É una sintesi di tutto ciò che la mostra ci ha mostrato del suo rapporto con l’antichità e Roma. 

Bonaparte porta un diadema di foglie di quercia e alloro, tiene nella mano destra lo scettro sormontato dall’aquila imperiale, con il fulmine tra gli artigli. Scelse inoltre l’ape come simbolo ispirandosi alle trecento e più spille in forma d’ape rinvenute nella tomba di Childerico, capostipite della dinastia dei Merovingi sepolto a Tournai, in Belgio.

Questa mostra, dunque, porta Napoleone a Roma, cosa che non gli riuscì in vita. Tuttavia la città lo aspettò e per essere nuova capitale del suo nuovo Imperatore fu teatro di cantieri di abbellimento e ammodernamento. Il mito di Roma alimentò Napoleone, e ne fu vivificato.

Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Attualità

Verona for all: Andrea Bocelli a supporto del progetto per una città più accessibile

Federico Rapini

Published

on

Verona for alla arena

Nasce “Verona for all”, il progetto promosso dal Sindaco Federico Sboarina per il Comune di Verona. In collaborazione con la Camera di Commercio l’iniziativa vuole rendere accessibili 15 monumenti di Verona e della provincia scaligera a non vedenti e ipovedenti.

L’idea di questo progetto è un’ulteriore conferma dell’impegno di rendere il territorio veronese sempre più digitale, sostenibile e accessibile. Aumentare, dunque, l’inclusività. L’obiettivo è fare della città scaligera una delle prime città in Europa a sviluppare l’accessibilità nei luoghi di cultura in modo diffuso.

MyZona

L’iniziativa prevede di predisporre allestimenti altamente tecnologici e stampe 3D per consentire esperienze tattili e percorsi innovativi di conoscenza. In questo modo a non vedenti e ipovedenti potranno accedere alla scoperta delle più note architetture veronesi.

“Verona for all” è candidato a ricevere il finanziamento messo in palio da Volotea e mirato a sostenere la cultura nel territorio #VOLOTEA4VENETO.

È possibile votare il progetto entro il 20 maggio, al seguente link: https://volotea4veneto.it/#verona-for-all.

Al termine delle votazioni, l’iniziativa che avrà raccolto il maggior numero di preferenze riceverà il sostegno della compagnia aerea low cost. Tra tutti coloro che parteciperanno, un fortunato potrà aggiudicarsi un voucher per volare gratuitamente un anno con Volotea.

ANDREA BOCELLI A SUPPORTO DEL PROGETTO DEL SINDACO DI VERONA

Andrea Bocelli ha lanciato un appello che sostiene il progetto tramite una lettera. “Avendo avuto notizia dell’innovativo, inclusivo progetto istituzionale concepito dal Comune e dalla Camera di Commercio di Verona, plaudo all’iniziativa denominata “Verona For All” e sostengo con convinzione la necessità di simili musei diffusi, in grado di ampliare la fruizione e l’approfondimento dell’arte attraverso esperienze tattili ed allestimenti tecnologicamente avanzati. Mi auguro di cuore che tale progetto raccolga il sostegno e l’affetto che merita, poiché rilevante segnale di civiltà e di sensibilità.

All’estero, ho potuto verificare come i musei tattili, già da alcuni anni, abbiano riscontri eclatanti, con ricadute grandemente positive sulla collettività, non solo in ambito sociale ma anche turistico. Anche in Italia – penso al Museo Omero di Ancona – constato il fiorire di segnali incoraggianti. Allargando l’offerta della fruizione artistica, è la comunità nella sua interezza a beneficiarne, proprio in quanto l’arte è un dono del cielo atto alla promozione dello spirito. Saluto quindi con viva soddisfazione il progetto “Verona For All”, espressione d’intelligenza e di sensibilità culturale, atta a concretizzare una proposta tattile che può essere, per tutti, non solo per i non vedenti, una chiave d’accesso differente e più elaborata all’immagine artistica, attraverso quel rapporto ispirato, poetico, immaginifico, che si instaura con il mondo oggettuale.

Essendo, “Verona For All”, tra i candidati di un concorso indetto da una nota compagnia aerea che finanzierà il progetto culturale più votato, mi auguro che saranno in tanti a divulgare questa opportunità, a sostenere questa iniziativa”.

In merito all’iniziativa arrivano anche le parole di Mario Barbuto, Presidente Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti: “Rendere fruibili e accessibili le bellezze artistiche di questo nostro meraviglioso Paese rappresenta un esempio inimitabile di crescita civile che non si rivolge solo alle persone non vedenti e ipovedenti, ma riguarda l’intera comunità soggetta ad allargare i propri orizzonti turistici, culturali e di accoglienza. L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti è impegnata ogni giorno per garantire a tutti i cittadini questo salto di qualità e per questa ragione ha richiesto al Governo e al Parlamento una speciale attenzione nell’ambito della progettualità del Recovery Plan, dal quale ci attendiamo risorse per migliorare la vita di una specifica categoria di persone con disabilità, ma nella prospettiva di una positiva ricaduta per l’intera comunità nazionale”.

Anche il Sindaco di Verona Federico Sboarina ha voluto ringraziare il cantante. “Ringraziamo Andrea Bocelli per il supporto che dà alla nostra sfida e il Presidente Mario Barbuto. Verona è impegnata per realizzare un’idea inclusiva, che darà a tutti l’opportunità di apprezzare i suoi monumenti in maniera innovativa. Nella trasformazione della città sempre più smart, accessibile e proiettata nel futuro, questo progetto sfrutta la nuova tecnologia e il digitale, per rendere più fruibili gli spazi più emblematici del nostro territorio.

Una modalità che potrà poi essere replicata in tanti altri luoghi. Verona, la sua bellezza, storia e cultura sono patrimonio di tutti, nessuno escluso. E sono onorato che un artista di fama internazionale oltre che ‘amico’ di Verona, come Andrea Bocelli, sia sceso in campo in prima persona con l’appello di sostegno alle nostre installazioni tattili. Sono sicuro che il suo appello ci aiuterà perché ora spetta ad ognuno di noi sostenere il progetto, votando affinché il finanziamento di Volotea ci consenta di realizzarlo e facendo sì che la nostra città e la qualità della vita continuino a crescere”.

Questi gli spazi coinvolti: Porta Nuova (Verona), Porta Palio (Verona), Balcone di Giulietta (Verona), Arche scaligere (Verona), Castello di Torri del Benaco e Limonaia (Torri del Benaco), Dogana e porticciolo di Lazise (Lazise). Monte Baldo (Malcesine), baito e giassara della Lessinia (Lessinia), La Spluga della Preta della Lessinia (Sant’Anna d’Alfaedo), Pieve di San Giovanni Battista in Campagna (Bovolone), La Corte della Cucca (Veronella). Il Castello di Soave (Soave), La Pesciara di Bolca (Vestevanova), San Giorgio Ingannapoltron (Sant’Ambrogio di Valpolicella) e Forte Tesoro (Sant’Anna d’Alfaedo).

Continue Reading

Attualità

Le mani sui bauli e gli striscioni al Globe Theatre: “Siamo fermi da 419 giorni”

Fabio Iuliano

Published

on

T-shirt, striscioni, maxischermi a scandire tempi e modi della mobilitazione. Mani sui bauli per chiedere attenzione su un settore, quello dello spettacolo, che in un oltre anno (419 giorni per la precisione) non ha praticamente mai assistito a una parvenza di ripartenza con conseguenze pesantissime. I bauli, oltre un migliaio a riempire progressivamente la parte destra di piazza del Popolo, lasciando nell’emisfero opposto un sistema di trasnenne in grado di far fluire e defluire passanti e curiosi, al fine di evitare incidenti e affollamenti.

Il secondo appuntamento di “Bauli In Piazza – We Make Events Italia” segue quello di Milano, davanti al Duomo. Roma ha accolto organizzatori e addetti ai lavori ritrovando il suo fascino di inizio primavera. Quella luce unica e ogni volta inaspettata che ti spinge a camminare a caso tra i vicoli verso via del corso, Lungotevere Flaminio o su per le scalinate che conducono al Pincio, uno dei punti panoramici per eccellenza.

MyZona

GUARDA: La diretta della mobilitazione dei Bauli

L’aria si fa leggermente più fresca, un po’ per l’esposizione, un po’ per la fitta vegetazione di Villa Borghese. Ma proprio lì, in mezzo al parco, c’è un punto dove l’atmosfera è insolitamente calda. Gli occupanti del Silvano Toti Globe Theatre hanno deciso di aprire al pubblico l’area antistante, attraverso una serie di iniziative di sensibilizzazione che non rinunciano alla goliardia. Tutto in sicurezza, in ogni caso, anche grazie a un sistema di tracciamento iniziale con registrazione e rilevamento temperatura.

“Ci si tessera qui da noi”, fa un gruppo di artisti, operatori culturali, tecnici veneti, tutti con la maglietta griffata col logo Santa Maestranza. Approfondire le ragioni di questo logo ci costringerebbe ad addentrarci nei meandri della spiritualità veneta. Meglio di no, concentriamoci sulla “tessera” che consiste in una fetta di salame insieme a biscotti tipici e vino rosso dei Colli Euganei.

“Questo è un bicchiere di Vo’ Euganeo”, precisa uno di loro, puntando l’accento sulla produzione locale in uno dei comuni tra i più sfortunati: prima il covid, poi le attenzioni dei media mainstream, oltre e quelle di Andrea Crisanti. Il più carismatico tra loro va in giro a cercare tesserati. Caschetto giallo da speleologo su cappellino con visiera e mascherina Ffp2. “Ero cantante lirico fino a 3 marzo 2020, oggi mi occupo di traslochi, sgomberi e sistemo fosse della condenza grassi”. La sua storia la dice lunga sulle difficoltà del momento.

GUARDA: La diretta dal Globe Theatre occupato

“Siamo nella m***”, eslcama, “ma non vogliamo perdere la voglia di sorridere. “Il mondo dello spettacolo, proverbialmente sa prendersi molto sul serio senza essere serioso. E quindi nonostante la rabbia che ci portiamo dietro da sempre, ma abbiamo comunque la voglia di stare tra la gente. Chiediamo una riforma del nostro lavoro e non vogliamo più che la gente ci parli di cultura quando noi parliamo di lavoro”.

Lo spazio teatrale interno è riservato agli occupanti che hanno annunciato la mobilitazione, spiegando di averlo fatto “avendo cura della salute e della sicurezza di tuti”. Di fatto, la struttura teatrale non è completamente coperta e il ricambio d’aria in platea è garantito.

“Abbiamo fatto questa protesta”, viene ribadito,” per ribadire la necessità di una riforma strutturale dello spettacolo dal vivo, di un reddito per tutti, e di una ripartenza in sicurezza che coinvolga ogni più piccolo presidio culturale e non lasci indietro nessuno”.

“Con decine di colleghi ho scelto di partecipare all’occupazione di questo spazio”, spiega Elio Balbo, tecnico luci piemontese, “in vista dell’assemblea nazionale della rete Risp, emergenza continua per sottoscrivere una piattaforma condivisa con Bauli in piazza.

Nell’agora del teatro stiamo costruendo la piattaforma che porteremo in un confronto previsto giovedì 22 con i ministri Dario Franceschini e Andrea Orlando per parlare di una riforma strutturale e questo anche a prescindere dalle riaperture annunciate il 26 aprile: sono sicuramente un passo importante per il nostro comparto, ma si rischia di procedere a un riavvio ‘zoppo’ che favorisce i grandi a discapito di tutte le medie e piccole realtà.

Inoltre, la ripartenza fatta alle stesse condizioni che c’erano prima è una ripartenza falsa. Dobbiamo porre fine al lavoro in nero, ma anche garantire condizioni eque al lavoro regolare”. Tematiche, peraltro, cavallo di battaglia di artisti come Ascanio Celestini.

LEGGI ANCHE: Franceschini annuncia riaperture dal 26 aprile

Della stessa opinione alcuni professionisti dello spettacolo intervistati in piazza del Popolo. Tra questi, Damiano Galli di Tocco da Casauria, nel Pescarese. 

Esibisce il cartello “In televisione si parla solo dei ristoranti, noi siamo figli di nessuno”. Appare molto disincantato nei confronti della situazione. “Tanti eventi sono rimandati direttamente al 2022”, spiega. “Non mi aspetto più di tanto dall’estate prossima, dal momento che al momento sto lavorando con il mio service solo alla logistica dei vaccini”.

La protesta, animata soprattutto da chi lavora dietro le quinte, ha visto la solidarietà di tanti artisti da Paola Turci ad Andrea Delogu passando per Fiorella Mannoia, Max Gazzé, Daniele Silvestri, Renato Zero e i Negrita.

“Abbiamo bisogno di lavorare, ma soprattutto abbiamo bisogno di farlo in sicurezza e senza ulteriori interruzioni”, aggiunge Carlo Volpe, titolare del Fox Sound, studio nell’Aquilano e presidente dell’Ars Abruzzo, associazione regionale di service. “Le riaperture annunciate dal ministro rappresentano senza dubbio un passo in avanti”, sottolinea il presidente, “ma si inserisce in un quadro molto difficile. Non riusciremo, purtroppo, a fare più di tanto quest’estate. In ogni caso, è giusto dare un segnale di apertura, anche pensando a tante persone che quest’anno hanno vissuto una situazione drammatica”.

Ars nasce nel più ampio quadro di riferimento della Fedas, la Federazione aziende spettacolo Italia, associazione costituita per tutelare gli interessi sociali ed economici dei datori di lavoro del comparto spettacolo su tutto il territorio nazionale.

Continue Reading

Attualità

Addio al principe Filippo

Redazione

Published

on

Addio al principe Filippo, 99enne consorte della regina Elisabetta, dimesso di recente dopo alcune settimane in ospedale a Londra a causa di una non meglio precisata infezione – non legata al Covid – cui si erano aggiunti problemi al cuore. Lo ha annunciato la regina in una nota diffusa da Buckingham in cui la sovrana esprime “profonda tristezza” per la perdita “dell’amato marito”.

Inossidabile punto di riferimento della corte britannica per decenni, il duca di Edimburgo aveva celebrato a novembre i 73 anni di matrimonio con la quasi 95enne Elisabetta II. Avrebbe compiuto 100 anni a giugno. 

MyZona

Poche righe toccanti per esprimere il dolore di una perdita dopo 73 anni di vita insieme: così la regina Elisabetta II ha annunciato oggi la morte del principe consorte Filippo di Edimburgo, nato a Corfù il 10 giugno 1921 e scomparso a 2 mesi dal traguardo del compleanno numero 100. “E’ con profonda tristezza – vi si legge – che Sua Maestà la Regina annuncia la morte del suo amato marito, Sua Altezza Reale il Principe Filippo, Duca di Edimburgo, spirato pacificamente stamattina nel Castello di Windsor. Ulteriori annunci saranno dati a tempo debito. La Famiglia Reale si unisce alle persone che nel mondo sono in lutto per la perdita”.

“Ricorderemo il duca di Edimburgo per il suo contributo alla nazione – ha detto il premier britannico Boris Johnson – e per il suo solido supporto alla regina. Come nazione e come regno ringraziamo la straordinaria e figura e il lavoro” del principe Filippo, ha detto ancora il premier definendolo “un amorevole marito, un padre e un nonno affettuoso”.

Continue Reading

In evidenza