L’affondo di Trotta sul super green pass: misura umiliante che sta distruggendo il Paese

Claudio Trotta, patron della Barley Arts, non ci sta e alza la voce. Lo fa con una dichiarazione che difficilmente passerà inosservata, visto lo spessore del personaggio, e che certamente farà discutere. Il che non sarebbe un male poiché, a quanto pare, in alcuni ambienti il dissentire viene equiparato alla “lesa maestà“.

Leggi anche: Claudio Trotta (Barley Arts): dopo la pandemia auspico un rinascimento musicale. Ecco le mie proposte

MyZona

In disaccordo con le ultime misure governative per contrastare il diffondersi del Covid-19, si scaglia contro la richiesta del super green pass anche per faccende di ordinaria amministrazione, ritenute inconciliabili con il rispetto della persona. “Prima che venisse deciso mi ero già espresso chiaramente a sfavore del green pass con motivazioni precise e dettagliate relativamente al mondo dello ‘stare insieme’. Quando è stato imposto ho continuato a evidenziarne le criticità”.

Leggi anche: Festival e grandi concerti: se ne riparla forse nel 2023. La previsione di Claudio Trotta

“Le ultime comunicazioni relative alle ulteriori restrizioni e limitazioni hanno aggiunto il ridicolo all’inutile, per non parlare della cattiveria e il cinismo di impedire a chi non ha il green pass di ritirare la pensione, soprattutto riferendosi ai numeri che ci vengono dati e al quadro generale europeo”.

“Mi chiedo fino a quando continueremo a subire decisioni scellerate, punitive, discriminanti e che stanno distruggendo l’economia, la socialità, la cultura, l’equilibrio di questo disgraziato Paese. Dobbiamo tornare subito a vivere, tornare a circolare liberamente, senza discriminazioni, divieti e limitazioni insensate e inutili”, conclude Trotta.

Leggi anche: Sanremo 2022: Ariston al 100% e niente tampone per il pubblico

Leggi anche: A passo d’asino fra le terre della Baronia, ecco il trekking someggiato

Articolo precedenteA passo d’asino fra le terre della Baronia, ecco il trekking someggiato
Articolo successivoAlessandro Baricco, l’annuncio sui social dello scrittore: “Ho la leucemia”
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.