“Il Volo sings Morricone”: il 5 novembre uscirà il nuovo album che celebra il Maestro

Nella magica atmosfera dei “Forum Studios” di Roma, sotto una luce rossa e bianca, davanti un piccolo palcoscenico, decine di giornalisti siedono davanti al proprio leggio e con le proprie cuffie, esattamente come l’Orchestra Roma Sinfonietta durante la sessione di registrazione qualche mese fa. Così Il Volo presenta il nuovo album: “Il Volo sings Morricone”, in uscita venerdì 5 novembre in tutto il mondo.  “Perché il mondo è il territorio de Il Volo” – spiega Riccardo Vitanza, responsabile della comunicazione – “La loro dimensione internazionale è ormai acclarata e scolpita nella pietra: ogni album e tour coinvolge tutti gli angoli del pianeta”.

Il Volo sings Morricone” è un progetto di Michele Torpedine: un disco composto da 14 canzoni, brani che ripercorrono le melodie leggendarie del Maestro, impresse nella memoria di tutti. Il repertorio comprende diverse tracce già presentate in esclusiva al pubblico Rai nel live “Il VOLO – Tributo a Ennio Morricone” a giugno 2021, nel primo concerto “in presenza” all’Arena di Verona. Il concerto, che nella trasmissione in diretta aveva totalizzato un record di ascolti – quasi 5 milioni di telespettatori -, sarà di nuovo trasmesso in prima serata su Rai 1 il 10 novembre, proprio nell’anniversario della nascita del Maestro.

MyZona
Leggi anche “Ennio Morricone e l’amore per Cervara di Roma”

Oltre alle emozionanti reinterpretazioni, contiene l’inedito “I colori dell’amore”, scritto per il trio da Andrea Morricone, un brano che parla della solitudine ai tempi del Covid, del rumore costante delle ambulanze “un suono in lontananza serve a vivere” della difficoltà a reagire mentre attoniti si guarda il mondo da una finestra e infine della sensazione di libertà quando tutto è finito e si può riabbracciare il proprio amore.

L’album dei tre giovani talenti (due tenori e un baritono) è il primo progetto discografico legato a Ennio Morricone che riceve l’appoggio della famiglia Morricone. Inoltre contiene una nuova versione del capolavoro “The Ecstasy of Gold” tratto da “Il buono, il brutto, il cattivo” per la prima volta accompagnato da un testo, scritto sempre da Andrea Morricone, figlio del Maestro e compositore a sua volta.

Cosa possono aggiungere le parole a delle composizioni che hanno già fatto la storia grazie al linguaggio universale fatto di sole note ed armonie? Andrea Morricone risponde: “Le parole possono dare moltissimo e devono essere giuste rispetto agli interpreti che scelgono i brani. Oggi non posso che parlare del trio che ora è totalmente dominante sulla scena mondiale per la loro unicità di esprimere un concetto di vocalità attraverso tre individualità.

Leggi anche ““Immortale e dal talento inarrivabile”, Carlo Verdone ricorda l’amico Ennio Morricone”

Così il senso stesso del testo viene a dipanarsi attraverso questo dialogo costante tra i tre artisti. Mi permetta di sottolineare quanto questo sia importante per fare la struttura delle liriche stesse: il fatto che uno dei tre aspetti che entri il secondo mentre sta cantando il terzo evidentemente comporta un avvicendamento ed entra anche a far parte dello stesso tessuto musicale, quando si parla poi di polifonia. Ecco perché sento molto il Seicento nell’esperienza che propone Il Volo: questo stabilisce la loro unicità. Per ciò che riguarda il testo ho uniformato queste qualità laddove il mezzo tecnico produce l’ispirazione.”

“Il repertorio di Ennio Morricone è immenso e trasversale:” – dichiara il tenore Piero Barone – “come una diagonale attraversa musica, storia, pop, lirica, cinema. Quindi avevamo bisogno di una bussola e in questo progetto Andrea Morricone è stato la nostra linea guida”.

L’obiettivo dei concerti sarà far rivivere ad ognuno il proprio passato ed interpretare i brani in maniera individuale, ma anche far conoscere alle nuove generazioni Morricone, le immagini di Clint Eastwood e le musiche che hanno fatto parte del nostro passato ma sono molto presenti. I cantanti de “Il Volo” affermano: “Ci teniamo a spiegare meglio il titolo: Il Volo sings Morricone non significa Il Volo celebra le melodie di un uomo perché Morricone è un genere a sé. Lavoriamo a questo progetto da oltre un anno ed ogni giorno scopriamo qualcosa di nuovo. È come se fosse una città sepolta ogni volta che vai più a fondo emergono nuovi tesori. Avremo ancora tanto da scoprire e riscoprire: questo è il nostro obiettivo.”

Gianluca Ginoble, Ignazio Boschetto e Piero Barone si esibiranno in oltre 300 concerti in tutto il mondo nel 2022, a partire dal 18 marzo al Radio City Music Hall di New York per poi arrivare anche in Italia. Durante la conferenza stampa, a sorpresa anche per gli artisti, è stata annunciata la programmazione di una terza data all’Arena di Verona.

Nell’ambito di questa celebrazione di una delle più grandi eccellenze italiane, “Il Volo” ha partecipato con Vittorio Storaro alla 78° Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia con un cortometraggio realizzato all’interno delle Grotte di Frasassi, in occasione del 50° anniversario dalla prima discesa dei tre giovani speleologi che scoprirono le grotte. “La discesa dei tre” dice Storaro “doveva essere qualcosa di simbolico: come l’impianto di semi nella madre terra che con l’arte musicale possono ridare vita a qualcosa che è stato fermo troppo a lungo. È una sorta di rigenerazione pirandelliana del tipo “Uno ( il singolo tenore), Nessuno (il vuoto delle grotte) Centomila (Il Volo che con la voce riempie tutto intorno a sé).

Sarà possibile effettuare il preorder / pre save dell’album in versione digitale e fisica al seguente link: https://ILVOLO.lnk.to/IlVoloSingsMorricone. L’album sarà acquistabile dal 5 novembre nei seguenti formati: CD standard, CD Deluxe Version, doppio Vinile colorato, doppio Vinile nero.

Da mezzanotte sarà invece disponibile su tutte le piattaforme il videoclip di “The Ecstacy of Gold” che vede i tre in un’atmosfera che rimanda ai classici western.

Questa la tracklist dell’album:

1. The Ecstasy of Gold (da “Il Buono, Il Brutto, Il Cattivo”)         

2. Your Love (da “C’era una volta il West”)

3. Nella fantasia feat Andrea Griminelli (da “Mission”)                                              

4. Metti una sera a cena (da “Metti una sera a cena”)                     

5. Se feat. HAUSER (da “Nuovo Cinema Paradiso”)

6. La Califfa feat. David Garrett (da “La Califfa”)

7. Conradiana (da “Nostromo”)                     

8. E più ti penso (da “C’era una volta in America/ Malèna”)

9. Se telefonando

10. Come Sail Away feat. Chris Botti

11. Would He Even No Me Know? (da “Nuovo Cinema Paradiso”)        

12. Amalia por amor

13. Here’s To You (da “Sacco & Vanzetti”)

14. I colori dell’amore

Da leggere anche

Sara Paneccasio
Classe 2001 e studentessa di “Letteratura Musica Spettacolo” in Sapienza. Alla continua ricerca di meraviglia, di entusiasmo e di un significato in ogni cosa. Le piace lasciarsi attraversare dalle emozioni davanti ad un film, a una poesia o ad un’opera d’arte, riempire i polmoni di bellezza fino a sentire il bisogno di sospirare. Ama l’arte ai suoi antipodi: sempre con la musica in sottofondo, da Vivaldi a Lady Gaga passando per Queen, Jovanotti, Achille Lauro o Ultimo; perde il fiato davanti alle sculture di Canova, agli stencil di Banksy o alle tele di Perez. Con il cuore diviso tra Abruzzo e nord della Francia, ama viaggiare in treno o in aereo, ma mai senza auricolari o un libro di poesie e una matita tra le mani.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli