Connect with us

Entertainment

Freud, Netflix svela la data d’uscita della serie ispirata al padre della piscanalisi

Eleonora Lippa

Published

on

Lunedì 23 marzo 2020 è il giorno di debutto su Netflix di Freud, serie tv sul fondatore della psicanalisi. Vediamo insieme il trailer e scopriamo i dettagli di questa nuova produzione!

Ambientata nel 1886 a Vienna, la serie vede protagonista un giovane Sigmund Freud, interpretato da Robert Finster, coinvolto in una cospirazione omicida che toccherà l’intera Austria. Il padre della psicoanalisi, le cui teorie rivoluzionare vengono accolte con disapprovazione da una società impreparata a quello che sarà uno sconvolgimento radicale nel campo medico-scientifico, sarà parte attiva nelle indagini che vedono coinvolto un pericoloso serial killer. Insieme a una medium e un ispettore di polizia, Freud cercherà di risolvere il caso.

Thriller arricchito da una forte componente psicologica, si propone di “mostrare un Freud inedito e mai visto prima: un uomo in cerca di riconoscimento, intrappolato tra due donne, tra ragione e istinto”, come spiega il regista Marvin Kren inseme agli sceneggiatori della serie Benjamin Hessler e Stefan Brunner. Sono previste otto puntate per la prima stagione, prodotta dalla ZDF Enterprises, Satel Film di Vienna e Bavaria Fiction.


Studentessa di traduzione editoriale, innamorata della Spagna, del cinema italiano e delle parole di Alberto Moravia, coglie al volo la possibilità di uscire dalla suo comfort zone e visitare tutto ciò che è possibile. Gingerness e arrosticini come unico credo.

Entertainment

Alda Merini, il “silenzio rumoroso” della poetessa dei Navigli

Redazione

Published

on

Donna fra le donne, personaggio controverso e a volte difficile da comprendere fino in fondo. Il mondo di Alda Merini (1931- 2009) è quello della fantasia, della sensibilità e dei sogni, in cui si colgono cose che chi vive il frenetico quotidiano non riesce a intuire.

Per questo oggi leggiamo “I poeti lavorano di notte”. È tratta da Testamento, raccolta edita da Crocetti nel 1988, nella cui prefazione Giovanni Raboni parlò dei versi della Merini come di “crepe istantanee e terrificanti, bagliori di un altro mondo”. Rappresenta quasi un manifesto poetico.

Leggi anche: Un viaggio nella poesia di Alda Merini insieme ad Alessio Boni: “Lei, l’esclusa che ti colpisce dritta al cuore”

Alda Merini racconta come il ruolo del poeta, durante la notte, diventi un vero e proprio lavoro da portare a termine, reso ancora più dolce e proficuo dall’affascinante e quieta atmosfera notturna. In un tempo senza tempo, in cui tutto tace, in cui la cognizione cessa di esistere e la ragione si china davanti al grido interiore.

In quel tempo senza luci e rumore assordante, lì, l’uomo si fa poeta, prende le vesti di cantore dell’anima, e incomincia a scrivere. La poesia del resto è una forma espressiva che presuppone una condizione di silenzio, per sua natura infatti è in antitesi rispetto allo stress e al caos. Questo quindi ci riporta al ruolo che la poesia dovrebbe avere: fare rumore, esplodere in un “silenzio rumoroso” capace di scuotere gli animi e incantare chi legge.

Ogni poeta può rivedersi in questo componimento della “poetessa dei Navigli”. 

I poeti parlano di notte

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.

I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.

Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.

Di Erica Ciaccia

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

Continue Reading

Entertainment

Coronavirus: morto Larry King, celebre il suo show sulla CNN

Redazione

Published

on

È morto Larry King, celebre conduttore televisivo statunitense celebre principalmente per il suo omonimo show, andato in onda sulla CNN dal 1985 al 2010 per la bellezza di settemila puntate. Aveva 87 anni e da tre settimane era ricoverato al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles perché positivo al Coronavirus. Il virus purtroppo ha avuto la meglio.

Larry King era affetto da patologie pregresse, principalmente il diabete di cui soffriva da anni, così come di problemi cardiaci. Nel 1987 ebbe un attacco di cuore e venne operato per l’installazione di cinque bypass. Nel 2017 era stato operato per un tumore ai polmoni. Nato come Lawrence Harvey Zeiger a New York il 19 novembre del 1933 aveva mosso i primi passi da giornalista proprio nella Grande Mela Prima di avere successo, tra gli anni Cinquanta e Sessanta, anche in Florida come speaker e radiofonico in quel di Miami Beach. Sul finire dei Settanta ritorna a New York per commentare i campionati di football americano.

Alla carriera da giornalista e conduttore televisivo ha affiancato il suo impegno sociale da filantropo. Sul finire degli anni Ottanta fondò la Larry King Cardiac Foundation con la quale sosteneva le spese cardiache per i più poveri. In carriera ha collezionato più di cinquantamila interviste.

Leggi anche: “Sanremo, l’eccezione che ignora la regola”, la rabbia di artisti e associazioni di categoria

Continue Reading

Entertainment

A Roma arriva Candlelight: i grandi compositori a lume di candela

Riccardo Colella

Published

on

La musica classica chiama e Roma risponde. Dopo i successi di New York, Parigi e Barcellona, i concerti Candlelight sbarcano nella Capitale. Nella suggestiva cornice di Villa Appia Antica, in un evento targato Fever Original Event, sarà possibile rivivere i capolavori della musica classica, in un’indimenticabile atmosfera a lume di candela.

I grandi compositori rivivono in una serie di concerti open air, eseguiti da talentuosi musicisti per un’esperienza davvero unica nel suo genere. I capolavori di Beethoven, Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi, le migliori opere di Chopin fino al Requiem di Mozart.

Nel più totale rispetto dei protocolli di sicurezza, Candlelight non snatura la sua essenza e, offre agli spettatori la possibilità di avvicinarsi a un mondo affascinante quanto solenne. Ciascun concerto sarà eseguito da un quartetto ad archi e avrà durata di 65 minuti.

Continue Reading

In evidenza