Un e-book per sconfiggere la noia, Adelphi regala una copia gratuita di “In cerca di guai” di Mark Twain

“È solo un piccolo gesto, ce ne rendiamo conto, ma speriamo apprezzerete: qui potete scaricare gratuitamente l’ebook “In cerca di guai” di Mark Twain, per esplorare il Far West senza muovervi da casa, visti i tempi difficili”, firmato Adelphi Edizioni.

Un piccolo gesto, vero, quello da parte della casa editrice italiana, che però mette in luce tutta la bontà di un libro, capace di dare un minimo di sollievo e svago dalla situazione che stiamo vivendo. Un gesto di solidarietà e affetto, sincero e senza alcun secondo fine se non quello di testimoniare, una volta di più, come la cultura possa realmente stare vicino alla gente.

A questo link il download del libro

Trama:

Nel 1861 Mark Twain parte per il Far West al seguito del fratello Orion, nominato Segretario del Territorio del Nevada. Dopo ventun giorni di diligenza, in mezzo a paesaggi stupefacenti popolati di pistoleri, mormoni, pony express, indiani ante-beatificazione e resti di carovane, contagiato dalla febbre dell’argento si getta per un anno nella vita grama del cercatore, diventa milionario per una settimana e approda infine, per fame, a quelle corrispondenze per i giornali che gli daranno la celebrità. Questa è, in grezza telegrafia da terre di frontiera, la materia di In cerca di guai.

Ed è come se Huckleberry Finn, finalmente e a malincuore cresciuto, avesse deciso di insediarsi nel Far West come nella terra a lui più affine: sufficientemente movimentata per offrirgli avventure e occasioni di attaccare briga, ma anche remota quanto basta per proteggere la sua inesausta inventiva di fanfarone. Come sempre candido e scaltro, trascinante umorista e infiammato fustigatore, Mark Twain irride ogni cosa, dal governo centrale ai coyote, e ci offre una sequenza di settantanove capitoli che sono ciascuno un piccolo romanzo, con la prodigalità di un giocatore di roulette che per una volta è uscito dalla bisca senza farsi ripulire.

Ogni capitolo è una chiacchierata intorno al fuoco – e la somma di queste chiacchiere è un’epopea. Twain ride per sopravvivere, e far sopravvivere, in mezzo agli orrori e allo splendore del West. E alla fine ci consegna uno di quei rari libri che divertono in qualsiasi punto li si apra – e dove ancora circola, pungente, il profumo selvatico dell’America.

Articolo precedenteFreud, Netflix svela la data d’uscita della serie ispirata al padre della piscanalisi
Articolo successivoChuck Norris ne fa 82, i migliori “facts” per celebrare un mito
Filosofa, cineasta e femminista di montagna, incessantemente lotta e filosofeggia per riportare alla luce il valore fondante delle vulnerabilità. Vive nell’Abruzzo montano con 11 gatti, studia e lavora per la progettazione e le relazioni pubbliche della Peperonitto, agenzia di produzione esecutiva per l’audiovisivo e la comunicazione, che ha contribuito a fondare. E' filosofa e counselor filosofica. Nel 2018 viene coinvolta da Fabrice Olivier Dubosc nel gruppo di lavoro di Clinica della Crisi, dal quale, dopo un anno, viene fuori il progetto culturale prima e editoriale poi del “Lessico della Crisi e del Possibile”, edito da SEB27 – di cui è coautrice.