Festa della Musica, flash mob di artisti a Milano con Levante, Diodato e Manuel Agnelli

Flash mob degli artisti cantanti musicisti per attirare l’attenzione sulle condizioni del mondo della musica nel post lockdown, Milano 21 Giugno 2020 Ansa/Matteo Corner

Alcuni conosciuti artisti della musica italiana si sono dati appuntamento in Piazza Duomo a Milano per un flash mob a sostegno dei lavoratori dello spettacolo, un settore duramente colpito dall’emergenza coronavirus. Levante, Diodato, Lodo Guenzi, Manuel Agnelli, Cosmo e Ghemon sono solo alcuni dei cantanti presenti in Duomo.

 In occasione della Festa della musica, i cantanti hanno deciso di vestirsi a lutto e di rimanere in silenzio davanti al Duomo per alcuni minuti per sensibilizzare tutti, in primis il governo, sulle condizioni dei lavoratori del settore. Una Festa della musica senza musica, quindi, per chiedere al governo di prendere in considerazione il pacchetto di emendamenti al Decreto Rilancio messi sul piatto dai lavoratori.

  Tra le richieste, ad esempio, c’è quella di un’indennità per tutti i lavoratori dello spettacolo sino a che non sarà possibile una reale ed effettiva ripartenza del settore.

Articolo precedenteLa maledizione dei Green Day: nessun festival in Italia negli anni pari
Articolo successivoAsta da record per la chitarra usata da Kurt Cobain nell’Unplugged: venduta per 6 milioni
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.