Da Tombstone all’O.K. Corral, la leggenda di Wyatt Earp

Il 17 novembre del 1869, Nicholas Earp sceriffo di Lamar, una cittadina nella contea di Barton nello stato del Missouri, rassegna le dimissioni per diventare giudice di pace. A succedergli è un giovane scavezzacollo che, essendo uno dei tre figli, porta il suo stesso cognome. Si tratta di Wyatt Earp: colui che sarà ricordato come il più celebre sceriffo del selvaggio west, nonché abile giocatore d’azzardo, cacciatore di bisonti e futuro gestore di saloon negli stati di “frontiera”.

Negli anni seguenti si trasferirà prima nell’importante snodo ferroviario di Dodge City, costruendosi la fama di bravo uomo di legge e stringendo una sincera amicizia col celebre pistolero e giocatore d’azzardo Doc Holliday, e poi a Tombstone (AZ), venendo reclutato come agente operativo degli US Marshals. Proprio nella cittadina dell’Arizona, Wyatt si ricongiungerà con i suoi due fratelli Virgil e James, oltre che con l’amico Doc Holliday, finendo col vedere il suo nome per sempre associato al famigerato duello dell’O.K. Corral.

MyZona

L’ANTEFATTO – In quegli anni, Tombstone era caratterizzata da un tumultuoso sviluppo dovuto sia alle numerose miniere d’argento sparse lungo il territorio, sia al continuo proliferare di case da gioco e bordelli, congiuntamente a una larga concessione governativa di licenze da vendita di liquori. La ridotta distanza dal confine messicano, inoltre, non contribuiva a migliorare la situazione.

La cittadina era territorio dei “Cowboys”, una banda di fuorilegge che, proprio in Tombstone vedeva la sede perfetta per i suoi traffici: dal commercio illegale del bestiame agli efferati omicidi.

Se però gli stessi Cowboys venivano considerati dagli Earp, che nel frattempo svolgevano il ruolo di polizia locale, alla stregua di volgari banditi e razziatori (non a caso il termine Cowboy veniva usato con tono dispregiativo, a indicare quei soggetti che scorrazzavano per le cittadine commettendo i più disparati crimini), diversa era la fama di cui gli stessi godevano proprio a Tombstone. Dagli abitanti della cittadina, infatti, la banda composta da Billy Claiborne, i fratelli McLaury, Ike e Billy Clanton (soprattutto quest’ultimo), venivano visti di buon occhio proprio in virtù delle loro attività che contribuivano ad arricchire le case da gioco e i saloon.

La popolarità dei fratelli Earp, di contro, era ai minimi storici a causa dei metodi con cui tentavano di ristabilire l’autorità, considerati da molti troppo spavaldi.

IL DUELLO ALL’O.K. CORRAL – I continui scontri anche a livello personale e politico tra le due fazioni (Wyatt Earp perse la corsa al posto di primo sceriffo nella Contea di Cochise in favore di Johnny Behan, spalleggiato proprio dal clan Cowboys), inasprirono il già precario clima che si respirava a Tombstone. La tensione tra i due schieramenti toccò l’apice tra il marzo e l’ottobre del 1881, con l’assalto alla diligenza che registrò la morte del conducente e di un passeggero.

Nel primo di pomeriggio del 26 ottobre, col pretesto di attuare l’ordinanza che imponeva a tutti gli abitanti di girare disarmati, Wyatt, Virgil e Morgan Earp assieme a Doc Holliday duellarono con i Cowboys di fronte all’O.K. Corral. Il duello fu selvaggio e in trenta secondi vennero sparati trenta colpi d’arma da fuoco. Lo scontro si concluse con la vittoria degli Earp e la morte dei fratelli McLaury oltre a quella di Clanton.

Virgil e Morgan Earp furono feriti mentre Ike Clanton e Claiborne riuscirono a dileguarsi dopo aver rubato due cavalli. Lo scontro verrà ricordato come il più celebre del Far West, e darà poi il via a una serie di rappresaglie che culmineranno con l’uccisione di Morgan Earp e la conseguente Vendetta degli Earp.

LA LEGGENDA – Come ultimo dei fratelli Earp, Wyatt morirà il 13 gennaio 1929, all’età di ottant’anni e per complicazioni legate al suo già precario stato di salute. Il corpo verrà rinvenuto dall’interno del suo bungalow a Colma, una cittadina della contea di San Mateo (CA), dallo sceriffo del luogo.

A testimonianza di un’epoca in cui la “frontiera” era terra di nessuno e la legge faticava ad imporsi sui banditi, se non attuando metodi altrettanto brutali, il fatto entrò prepotentemente nell’immaginario popolare tanto da ispirare numerosi film western, fumetti e canzoni.

Agli albori della sua carriera, il regista John Ford conobbe personalmente Wyatt Earp, venendo a conoscenza del fatto dalle stesse parole dell’ex sceriffo. Ai racconti dello stesso Wyatt, Ford si ispirò per uno dei suoi maggiori successi: Sfida Infernale – My Darling Clementine, facendo da apripista per le future generazioni di cineasti quali Martin Scorsese, Akira Kurosawa, Sergio Leone, Wim Wenders e Francois Truffaut. Tra le decine di film dedicate al famigerato episodio, trovano poi il podio l’adattamento di John Sturges, che nel 1957 dirige Burt Lancaster in Sfida all’O.K. Corral e il Wyatt Earp di Kevin Costner del 1994, dove l’attore americano interpreta il protagonista affiancato da Dennis Quaid nei panni di Doc Holliday.

Quello che, però, sembra essere universalmente riconosciuto come il miglior adattamento cinematografico del fatto, è il Tombstone del 1993 interpretato da Kurt Russell, Val Kilmer e il compianto Billy Paxton. Curioso è il fatto che, proprio la pellicola di George Cosmatos, sia uscita sei mesi prima del film “rivale” di Kevin Costner e che, sempre allo stesso Costner fosse stata offerta, previo rifiuto da parte dell’attore, la parte di Wyatt Earp.

Anche il mondo dei fumetti pare affascinato dalla leggendaria figura del celebre sceriffo. Se per l’attuale Sergio Bonelli Editore troviamo un intero numero della collana I protagonisti dedicata nel 1975 a Wyatt Earp, lo stesso personaggio appare nella saga di Paperon de’ Paperoni, in diverse storie ambientate nella corsa all’oro del Klondike. Immancabile, poi, il richiamo in Lucky Luke di Morris, in cui il protagonista incontra tutti i fratelli Earp.   

Menzione d’onore per l’immortale Johnny Cash, ultimo cowboy armato di chitarra della sua generazione. Nell’album Sings the Ballads of the True West del 1965, infatti, troviamo The Ballad of Boot Hill, ispirata ai fatti di Tombstone.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli