Berlino in jazz: i 5 locali storici della città

Se Vienna è stata la capitale europea e mondiale della musica classica, Berlino, nella prima metà del ‘900, ha rappresentato un crocevia fondamentale per il jazz. La storia insegna. Soprattutto negli anni a ridosso del Terzo Reich, la Germania era il paese più ricco e sviluppato al mondo. Lungi dal voler fare un raffronto storico degli eventi, è bene quantomeno inquadrare il contesto. E i fatti dicono che la Berlino nazista fosse un’oasi: giardini verdissimi, cultura, arte e prosperità.

Non sorprende, dunque, che proprio in quegli anni la capitale tedesca fosse a tutti gli effetti un centro culturale di estrema importanza nel mondo e in Europa. Contemporaneamente e dall’altra parte del mondo, negli USA del XX secolo gli afroamericani iniziarono a dare il via alle primissime forme di Jazz. Tra i bassi ceti sociali di New Orleans una nuova musica lentamente stava prendendo forma. Un mix di improvvisazione, poliritmia e blues, detto Dixieland. Il tutto accompagnato dalla triade pianoforte-chitarra-contrabbasso.

MyZona

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

Da qui all’Europa il passo fu breve. Con la crescente popolarità del genere, che da musica povera ed emarginata divenne altolocata e ricercata, l’influenza del jazz superò l’oceano. La crisi americana del 1929 costrinse molti artisti jazz ad emigrare. Quale miglior posto se non l’Europa degli anni Trenta? Qui iniziarono le contaminazioni che resero il jazz “ballabile”, anche detto Swing. Con esso nacquero molti club, all’interno dei quali poter consumare alcolici, ascoltare e perfino ballare questa nuovissima musica.

Berlino, ovviamente, non fu da meno e venne completamente investita dall’ondata jazz americana. Negli anni, poi, numerose sono state le influenze e contaminazioni, derivate soprattutto dal rock ‘n roll e da uno stile sempre più sofisticato e lontano dalle umili radici popolari. Ma ciò che è rimasto è certamente la cultura dei cosiddetti jazz club.

Leggi anche: Nel cuore della Tuscia: il Parco dei Mostri di Bomarzo

Ecco quindi una lista dei 5 migliori e più famosi circoli di Berlino dove poter fare quasi un tuffo indietro nel tempo:

L’articolo è disponibile anche sull’app MyZona

Quasimodo Jazz Club

Situato nel celebre quartiere di Charlottenburg, il club sorge nei pressi del cosiddetto Delphi Palace, costruito tra il 1927 e il 1928 come sala da ballo. A cavallo degli anni Quaranta il locale divenne un vero e proprio crocevia per i musicisti swing, che si esibirono numerosissimi al suo interno. Nel 1975, poi, il genovese Giorgio Carioti acquistò lo stabile e ribattezzò il locale “Quasimodo” ed avviando una grande campagna pubblicitaria. Il risultato fu eclatante tanto da rendere questo storico jazz club il più famoso ed importante di tutta Berlino.

b-flat Acoustic Music & Jazzclub

Altro importantissimo crocevia del jazz a Berlino, situato al al civico quaranta della Dirckenstraße. Seppur fondato nel 1995, il b-flat rappresenta per i berlinesi una vera e propria gemma nel cuore della città, in quanto impregnato di storia e dall’atmosfera soft. Ogni sera il jazz club ospita artisti locali e internazionali. Il mercoledì sera, invece, è l’unico giorno ad ingresso libero riservato alle jam sessions.

A-Trane

Fondato nel 1992, anch’esso situato nel quartiere di Charlottenburg. In quasi trent’anni di attività, il club ha ospitato jazzisti di tutto il mondo, raccogliendo in pieno lo stile americano dei primi anni Trenta. Il nome del locale deriva dal noto musicista John William Coltrane (soprannominato “Trane”) e dal celebre standard Take The A Train di Billy Strayhorn, composto nel 1938. L’ A-Trane è ampiamente considerato uno dei jazz club più importanti d’Europa ed è stato premiato con il Live Entertainment Award (LEA) nella categoria “Best German Jazzclub” nell’aprile 2011.

Zig Zag Jazz Club 

Lo Zig Zag Jazz Club è la gemma nascosta di Berlino sud-ovest. Lontano dalle affollate strade turistiche, il locale è una destinazione popolare per i berlinesi e offre musica dal vivo di livello mondiale e in un ambiente vintage moderno. Soprattutto, qui è possibile ascoltare jazz, funk, soul e blues. Il tutto accompagnato da un’atmosfera accogliente ed elegante. Vincitore, inoltre, del prestigioso premio Initiative Musik Spielstättenprogram per uno dei jazz club più importanti della Germania.

Yorckschlösschen

Con lo stesso nome da ben 120 anni! Il locale è il più importante in assoluto del quartiere Kreuzberg , di cui è un’istituzione. Qui il tempo sembra davvero essersi fermato e dagli anni Settanta, da semplice bar di quartiere, il posto è una meta sacra per artisti, giovani, vecchi, ricchi e poveri. Non esistono distinzioni. I musicisti di Berlino in particolare amano riunirsi qui, il che non sorprende dopo oltre trent’anni di regolare musica dal vivo. In particolare, nel club si propone jazz tradizionale, swing e black rhythm’n’blues. Non mancano ovviamente le esibizioni in puro stile New Orleans. Lo Yorckschlösschen è ben lontano dalle rotte turistiche di massa, il che rende il posto un cimelio del folklore della città.

Questo articolo lo potete trovare anche su MyZona, l’app internazionale che strizza l’occhio ai luoghi più belli del mondo. “Dalla scoperta nascono sempre esperienze indimenticabili

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli