Zerocalcare, è il giorno di Strappare lungo i bordi: il debutto su Netflix

Ecco Strappare lungo i bordi, l’attesa serie animata firmata da Zerocalcare, che in un post su Instagram scherza: gli episodi “durano 20 minuti scarsi, quindi in un’ora e mezza ve la siete levata dar c…”.

Con lo stesso post Ig, il fumettista ricorda che si tratta di “un lavoro collettivo, ci sono state appresso 200 persone, purtroppo sono tutti nomi che finiscono in un imbuto da cui spesso esce fuori solo ‘la serie di zerocalcare’. Giuro che faccio del mio meglio per riconoscere a ognuno il lavoro che ha fatto e lo ripeto sempre. Graziedodicimilioni a tutti e tutte, spero che il risultato finale e le reazioni non vi faranno vergognare di averci lavorato e che anzi ce svoltate altri lavori”.

MyZona

Inoltre viene spiegato anche il rapporto con la musica utilizzata. Il riferimento, nelle immagini, è anche agli omaggi a Bella Ciao nella Casa di Carta o delle scelte sonore di Squid Game, volte ad accrescere la tensione.

Ogni puntata ha la durata di circa quindici minuti. Questa volta l’autore ci vuole raccontare di un viaggio in treno con un viaggio in treno con Sarah e Secco. Lo fa tramite una serie di flashback e aneddoti che prendono un arco temporale che va dalla sua infanzia ai giorni attuali.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli