Vulgar Display of Power: 29 anni di groove metal con il capolavoro dei Pantera

Feroce, brutale, senza fronzoli e micidiale come un pugno in faccia, proprio come mostra la sua irriverente copertina. Questo, forse, il miglior modo per descrivere il sesto album dei leggendari Pantera, Vulgar Display of Power, uscito il 25 febbraio 1992. Oggi l’iconico capolavoro della band compie ben 29 anni, ed è nostro dovere ricordare una delle pietre miliari del groove metal e del metal in generale.

Parlare oggi dei Pantera e del loro album per eccellenza è compito assai arduo. I motivi sono molteplici. Il primo è di natura storica: su di loro è stato praticamente già detto tutto. Una musica inconfondibile che ha segnato un’era. La ribellione di 4 ragazzi texani incazzati che a suon di birra e metal grezzo urlavano al mondo la loro furia. Il secondo è certamente più emotivo: l’anniversario di Vulgar Display of Power ci riporta subito alla mente la tragica scomparsa di Dimebag Darrell e Vinnie Paul, i due iconici fratelli, uno chitarrista, l’altro batterista della band, che diedero vita al quartetto. Ci lasciarono rispettivamente nel 2004 e nel 2018. Insomma, è un colpo al cuore ogni volta.

MyZona

Pubblicato per East West Records, il disco uscì a distanza di due anni dal precedente Cowboys From Hell, considerato l’album della svolta per la maturazione stilistica del gruppo. Dall’heavy/hair metal iniziale al cosiddetto groove metal. Fu proprio con i Pantera che il genere divenne famoso ed iconico; ed è con Vulgar Display of Power che la band giungse all’apice del successo.

L’ album permise a Phil Anselmo, Dimebag Darrell, Rex Brown e Vinnie Paul di varcare la soglia della fama mondiale, con milioni di copie vendute. Il tutto consacrato poi con un leggendario tour che toccò perfino l’Italia. In quell’afosissimo Monster Of Rock del 1992 a Reggio Emilia, i Pantera devastarono ogni cosa non lasciando superstiti nel pubblico. L’energia del quartetto texano all’epoca non conosceva rivali, anche dopo la pubblicazione del successivo Far Beyond Driven.

Tutto merito delle tracce che resero il disco leggendario. Tra queste ricordiamo: Fucking Hostile, Walk (descritta da molti come la canzone simbolo del gruppo), This Love e Mouth for War. Tutte trasmesse sotto forma di video su MTV. Evento più unico che raro per un canale televisivo che ancora non dava grande spazio alle band metal. Ma i Pantera erano così inarrestabili che non si poté restare indifferenti di fronte alla loro inesorabile scalata sull’Olimpo della leggenda.

Curiosità: il titolo venne ripreso dal celebre film del 1973 L’esorcista, di William Friedkin. In una scena tra tra padre Damien Karras e Regan MacNeil, il prete chiede alla ragazza posseduta di liberarsi dalle catene, e lei risponde: “That’s much too vulgar a display of power” (“Sarebbe solamente un volgare sfoggio di potere”). Nel giugno del 2017, poi, la rivista Rolling Stone ha inserito il disco alla decima posizione dei 100 migliori album metal di tutti i tempi.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli