Twin Peaks, la serie cult torna in streaming

Torna in streaming, su SKY Go e Now TV, “I segreti di Twin Peaks”.

La serie cult degli anni ’90 nata dalle menti geniali di David Lynch e Mark Frost andò in onda per la prima volta sugli schermi italiani il 9 gennaio 1991.

MyZona

“Chi ha ucciso Laura Palmer?”. Il mistero della liceale trovata morta il mattino del 24 febbraio 1989 avvolta in un telo di plastica dopo essere stata gettata nel fiume ha cambiato la storia della televisione influenzando tutto ciò che è arrivato dopo.

“Twin Peaks” si caratterizza infatti per il tema del doppio. La doppia faccia degli abitanti della città. Così come la trama stessa è sempre doppia.

Essa è infatti da un lato una “normale” serie tv che fa del genere giallo la propria colonna portante, dall’altro però lascia intendere che ci sia altro. Forze oscure, magia bianca e magia nera, rapimenti alieni sono tutti inseriti in modo coerente all’interno della storia, facendola risultare credibilissima.

Leggi anche “Ilaria Mainardi e il ritorno a Twin Peaks”

Torna quindi sugli schermi la protagonista della serie. Unaa liceale perfetta divisa tra volontariato e scuola di giorno e anima tormentata e prostituta part-time di notte. Un personaggio che Mark Frost ha confessato di aver scritto pensando alla fragilità di Marilyn Monroe.

Niente viene lasciato al caso e ognuno dei personaggi è caratterizzato da una grandissima introspezione psicologica. Anche il più insignificante dei dettagli è tuttavia un importante tassello della storia.

Se siete amanti del mistero, rimarrete inoltre stregati dalle tinte horror che questo telefilm ha da offrire, complice senza ombra di dubbio la bellissima colonna sonora firmata da Angelo Badalamenti, di stampo jazz ma terribilmente inquietante, che qualche mese dopo gli regalò un Grammy.

David Lynch e Mark Frost presentarono all’America quell’ibrido di generi che è stato “Twin Peaks” spaziando dall’umorismo al noir, dal grottesco ai drammi adolescenziali, dalla violenza alla commedia. Protagonisti una serie di personaggi con i quali era facile empatizzare perché poi non così diversi dal pubblico stesso.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli