The Bastard Sons of Dionisio: con “Tali e Squali” siamo liberi di suonare ciò che vogliamo

Tali e Squali” segna il ritorno dei The Bastard Sons of Dionisio. Il singolo, pubblicato lo scorso 20 aprile, esce a quattro anni di distanza dall’ultimo disco “Cambogia” e anticipa il prossimo album di inediti, quello che sarà l’ottavo di una discografia che ha consolidato la band come una certezza all’interno del panorama artistico tricolore. Potremmo citare i numerosi concerti in apertura a nomi prestigiosi della musica internazionale, come Robert Plant, Green Day o Ben Harper, ma risulterebbe essere un elenco (parziale) del notevole percorso che il trio ha intrapreso fin dall’arrivo in seconda posizione all’edizione 2009 di X Factor. Direbbe molto, ma non direbbe tutto, ecco.

Un percorso artistico, quello del trio trentino composto da Michele Vicentini (voce e chitarra), Federico Sassudelli (voce e batteria) e Jacopo Broseghini (voce e basso), costellato da un’infinità di concerti in tutta Italia, frutto di una propensione e di un’urgenza di esprimersi dal vivo che caratterizza la band fin dalla loro formazione. Un’esigenza che la band incanala anche nel nuovo brano, presentato così: “I giovanotti della Valsugana non possono stare fermi, tali a squali ne morirebbero. E, capirete bene, al momento è un bel problema. In vista del loro prossimo disco, che attende solo di poter essere suonato, là fuori, spediscono una cartolina dal bunker, che è questa “Tali e Squali”. Dove si parla di cannibalismo sentimentale al tempo di una primavera imminente e di avvistamenti umani, al largo delle spiaggia“, scrivono

MyZona

Tali e Squali è un pezzo frutto del lavoro di tre anni e migliaia di tentativi . Le più diverse emozioni e alcuni retroscena, infatti, hanno portato alla scrittura di questo brano. Ci siamo ritrovati in studio con Marco Dallago, il tecnico più figo qui in Trentino, con cui abbiamo lavorato a una produzione più specifica e mirata per ciò che riguardava il suono che desideravamo. Questo aspetto ci ha consentiti di fare un notevole salto di qualità”. A darci maggiori informazioni circa il nuovo singolo è Jacopo Broseghini, voce e basso dei The Bastard Son of Dionisio.

Con una pandemia in itinere, tale da costringere gli artisti a restare lontani dai palcoscenici e dal portare in giro per l’Italia la propria musica, è facile immaginare come la band abbia avuto più tempo a disposizione da dedicare al songwriting, elaborando e rielaborando più volte le idee messe su carta. “Prima avevamo meno tempo, eravamo sempre fretta, non avevamo mai smesso di suonare dal 2003, con un minimo 20 concerti all’anno dopo l’uscita del disco. La musica corre, c’è sempre bisogno della novità per capitalizzare il lavoro fatto. Altrimenti sarebbe un investimento a perdere”.

Come spiega Jacopo, il testo del brano è stato completato alcuni mesi prima di chiudere le registrazioni. “C’era sempre qualcosa che non tornava. Come band siamo soliti utilizzare poche parole nei brani. Concentriamo il tutto in frasi che abbiano più significati, disponibili, quindi, a essere interpretate in più chiavi di lettura. La mia teoria è che ognuno può capire ciò che preferisce. Le chiavi interpretative sono differenti e quando cerchi di comunicare qualcosa devi trovare la via di mezzo giusta per non essere chiuso in te stesso”.

Ma chi sono gli squali citati nel testo? “Siamo noi stessi, non c’è un’accezione negativa, feroce o aggressiva. Siamo noi, perché nella biologia dello squalo c’è l’elemento determinante del fatto che deve costantemente muoversi perché non può respirare stando fermo. Il poter vivere la collettività e la sua socialità è un bisogno primario. Come musicisti abbiamo scelto di fare musica e non lasciare solo al disco fisico la promozione della stessa. Vogliamo vivere con energia anche l’incontro con la gente, è una necessità che avvertiamo. Abbiamo tante cose che possono supplire alla vita reale, come la realtà virtuale, ma abbiamo un disperato bisogno di calcare i palchi e tornare in tour”.

Già, i tour, ma quando? “Bisogna capire la situazione, le richieste arrivano, ma intanto dobbiamo recuperare le date dall’anno scorso. Di solito erano cose che si programmavano con tre o quattro mesi d’anticipo, mentre ora è tutto molto estemporaneo e lasciato a tempistiche molto più ridotte. Posso solo dirti che non vediamo l’ora di suonare dal vivo”.

Al centro delle polemiche, tra il mondo della musica e dell’arte più in generale e il governo italiano, ci sono le scarse attenzioni lamentate da tutto il settore. Dalle manifestazioni dei Bauli in piazza, alle occupazioni dei luoghi di cultura, le riaperture ci sono state, seppure parziali per motivi di contingentamento controllato. “Purtroppo o per fortuna in qualche maniera è stato riconosciuto il settore durante la pandemia. Con l’avvento di internet già sono venti anni che la musica è in crisi, però. Fino a quel momento i dischi si vendevano ma la musica su internet ha inflazionato il valore della singola canzone, portando una crisi del settore che si è appoggiato sulla necessità del live. Mancando quello non c’era più niente da fare. Adesso che il settore è stato riconosciuto ed è stato istituzionalizzato è già un grosso passo vanti. Bisogna vedere chi resiste. Il mondo della musica è sempre lasciato solo a se stesso. Ma noi, come band, siamo liberi di fare quello che vogliamo, ed è esattamente questo il nostro obiettivo: fare musica per un motivo e non per riempitivo”, conclude Jacopo.

Leggi anche: “David di Donatello 2021: tutte le nomination della seconda edizione a porte chiuse

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli