Suoni e colori dell’intangibile: musica e pensieri di Alex Henry Foster

La sfida è di quelle impegnative: provare a colorare – con una tavolozza di suoni – l’intangibile e l’invisibile. Alex Henry Foster, musicista canadese, potrebbe parlare di sé come un “tessitore del suono”, un “pittore del rumore” o ancora un “designer di parole”, anche se appaiono, per la verità, dei concetti un po’ troppo elaborati rispetto al suo modo di concepire l’arte e la creatività. “Per me”, spiega, “la musica, la poesia e l’arte visiva, così come le interazioni umane, rimangono un flusso spontaneo di vita, che, una volta disposto a dimorare totalmente, mi guida nel profondo”.

Il suo universo sonoro è abbastanza eterogeneo, a partire da “Windows in the Sky”, il disco di esordio, per arrivare a “Standing Under Bright Lights”, un album live realizzato durante il Montreal International Jazz Festival. Un percorso che non prescinde per l’attenzione per le diversità, i diritti umani e i viaggi. La sfida è di quelle impegnative: provare a colorare – con una tavolozza di suoni – l’intangibile e l’invisibile.

JUST A FEW QUESTIONS (IN ENGLISH)

Thanks for joining us, Alex. Please introduce your art

I have the incredible privilege to give the intangible and the invisible a palette of sonic colors, and to welcome others to redefine what I might have felt emotionally through the necessary let go that defines the measure with which we’ll commune as one afterward. Some may say I’m some sort of “sound texturist”, a “noise painter”, or a “word designer”, which, I believe, are a bit too elaborate compared to the way I see things creatively. For me music, poetry, and visual art, as much as human interactions, remain an intuitive stream of life, which, once willing to totally dwell into, guides me deep within. While abandoning my own self-consciousness, I am able to discover a rich type of language in which I can communicate and evolve. That’s what I’m into, both personally and artistically: the enfranchisement of self… so that I can be transformed with every sensation of which I welcoming the pure uplifting character…

That’s why “Standing Under Bright Lights” doesn’t have the same formatted and generic nature that most live albums seem to be plagued with. It’s not a public rendition of something that remains rooted in some emotional or creative things of the past. It was a total abandonment in a moment that was free from any egocentric ambitions. I wasn’t directing the whole orchestra, nor was I channeling any magic mantras. It’s the intuition that gave the project its cathartic essence, but it’s the abandonment to the liberating emotions that makes it so meaningful. it was a renaissance of sorts for me that night, some kind of intimate emotional withdrawal where I have been liberated from many doubts, insecurities, and fears to replace them with the peace that only comes with forgiveness. I came to terms with several old wounds and made atonement for numerous regrets I had carried with me for even too long to remember their origins… 

The concert was initially envisioned as a homage to my late father, but if it does offer him a dazzling goodbye, it’s the celebration of life that emerged of it that makes it an empowering purpose.

How does it feel releasing a live album in a period in which it is so difficult to play live? 

It’s a humble opportunity for me to commune something that I’m still discovering to this day. I don’t truly associate “Standing Under Brights Lights” as a live album. I know it’s a matter of rhetoric, but the decision for me to release the album was based on a single element… Could it be as much of an inspiring blessing to others as it’s been a life-changing experience for me? If yes, then it had to be shared, which I did… Maybe the pandemic context legitimizes such an album for some, as it makes perfect sense in a global perspective, but for me, it’s a far more personal and intimate living entity, that grows way beyond any of the terrible circumstances. I believe that it’s once communed with people that it becomes way greater than sounds and words. You can’t replace a live moment. It would be a ludicrous and pompous idea on my part would it have been the case. That’s why it’s important for me to say that it’s the uplifting spirit that comes with the rejuvenescent nature of the concert that led me to firmly believe that it had to be shared, and such spirit doesn’t dwell in our circumstances, but in our willingness to see without our eyes open, to feel without the shivers, to kneel without surrendering, to be transformed without the pain, to evolve without pretension. It’s all for us to determine the measure by which we want to bloom, grow or be reborn, may it be a reflection of our own self-drawing glide or a hopeful crash leading to exulting elevation, we’re all invited.   


Your music is also about mental health. Let’s consider, for example, the Alive project (also preventing suicide). Why do you think is important?

Because I’ve witnessed my parents greatly suffer from depression, saw friends lose their battles with despair, but also and especially because I had to admit my own measure of bleaknesses at some point in my life if I didn’t want to take it away. It’s implacably devastating for anyone trying to navigate in nowadays’ pressure for acceptance and acknowledgment. When you are the one standing outside looking in and longing to be in, you tend to believe whatever illusion is put on display by the person waiting on the other side of the mirror looking at you the very same way. The mirror needs to be cleaned up, broken even, so that everyone can see that no matter how hard we may try to photoshop our emotional needs, there’s nothing that can replace the warmth of honest arms awaiting you…  

What are your future plans? Are you touring this summer (or at least considering to play a few concerts)? 

I’m pretty involved in a new book I’m writing, which I’d like to release sometime this fall along with a few songs. I didn’t feel the need to rush and go back on the road, and since I’m already booked all over Europe in 2022, including a few dates in Italy that I can’t wait to visit for the very first time! I’ve learned to take my time, so the nature of my projects remains honest and keeps on evolving organically through the cheerful vision coming with the connections I’ll have with those I dearly missed over those last 24 months or so. No need to say that I’m incredibly thrilled at the sole idea of having the blessing to hug people again…! It’s been a long way back to you.

UNA CHIACCHIERATA CON ALEX HENRY FOSTER

Come definirebbe il suo percorso artistico?

Sento di avere l’incredibile privilegio di dare all’intangibile e all’invisibile una “tavolozza di colori sonori” e di ridefinire la sfera emozionale. Alcuni potrebbero dire che sono una sorta di “tessitore del suono”, un “pittore del rumore” o un “designer di parole”, concetti che, credo, sono un po’ troppo elaborati rispetto al modo in cui vedo le cose in ambito creativo. Per me la musica, la poesia e l’arte visiva, così come le interazioni umane, rimangono un flusso spontaneo di vita, che mi guida nel profondo. Rinunciando a un pezzo della mia autocoscienza, sono in grado di scoprire un linguaggio articolato in cui posso comunicare ed evolvere. Questo è ciò che mi piace, sia personalmente che artisticamente: la possibilità di uscire da me stesso al fine di trasformare ogni sensazione personale e costruirci qualcosa sopra.

Ecco perché “Standing Under Bright Lights” non si presenta con la stessa natura standardizzata che caratterizza gran parte degli album live. Non è un mettere in pubblico qualcosa che rimane radicato in alcuni aspetti emotivi del passato. È stato invece una sorta di abbandono totale in un momento libero da ogni velleità autoreferenziale. Non stavo dirigendo orchestre, né stavo canalizzando alcun mantra magico. È l’intuizione che ha dato al progetto la sua essenza catartica, così come è l’abbandono alle emozioni liberatrici che lo rende così significativo. Una sorta di rinascita per me quella notte, una sorta di intimo ritiro emotivo in cui sono stata liberata da molti dubbi, insicurezze e paure per sostituirli con la pace che arriva solo con il perdono. Sono venuto a patti con vecchie ferite e ho fatto un percorso di “redenzione” soprattutto nei confronti dei numerosi rimpianti che portavo da un tempo tanto lungo da perdere persino contezza delle origini.

Il concerto è stato inizialmente concepito come un omaggio a mio padre scomparso. Ma se da una parte, siamo riusciti a dargli un addio luminoso, dall’altra ne abbiamo fatto una celebrazione della vita aggiungendo valore e motivazioni.

In un momento di estrema difficoltà per organizzare concerti, a causa delle restrizioni, lei si trova a presentare un album dal vivo

Questo progetto si propone come una piccola grande opportunità per me comunicare qualcosa in tempo reale. Qualcosa che sto ancora scoprendo. Non considero veramente “Standing Under Brights Lights” un album dal vivo. So che è una questione di retorica, ma la decisione per me di pubblicare l’album si è basata su un singolo elemento… L’ispirazione che per qualcuno è stata una benedizione, in me può avere forza di cambiare la vita. Se così, era giusto condividerlo così come l’ho realizzato. Forse, per qualcuno, il contesto della pandemia legittima un album del genere, perché ha perfettamente senso in una prospettiva globale, Però per me si tratta di un’entità vivente molto più personale e intima, che cresce ben al di là delle circostanze. Parliamo di qualcosa che, una volta condiviso, diventa sempre più grande dei suoni e delle parole. Non puoi sostituire un momento dal vivo. Sarebbe un’idea ridicola e pomposa da parte mia se fosse così. Ecco perché è importante per me dire che è lo spirito edificante che deriva dalla natura spontanea di un concerto a portarmi a credere fermamente in questo mio lavoro. Tale spirito non risiede nelle nostre circostanze, ma nella nostra volontà vedere senza occhi aperti, sentire senza brividi, inginocchiarsi senza arrendersi, trasformarsi senza dolore, evolvere senza avere pretese. Sta a noi determinare la misura con cui vogliamo sbocciare, crescere o rinascere, possa essere un riflesso della nostra planata che si auto-disegna o uno schianto speranzoso che porta a esultare elevazione, siamo tutti invitati.

La tua musica parla anche di salute mentale. Mi riferisco in particolare al progetto Alive (anche di prevenzione suicidi). Perché pensa sia importante?

Perché ho visto i miei genitori soffrire molto di depressione, ho visto amici perdere le loro battaglie con la disperazione, ma anche e soprattutto perché ho dovuto ammettere la mia misura di desolazione ad un certo punto della mia vita. Sono arrivato persino a pensare di farla finita. È una forza devastante per chiunque cerchi di tenere la barra dritta nella pressione di oggi per l’accettazione e il riconoscimento. Quando sei quello che sta fuori e ti trovi a desiderare di essere dentro, tendi a credere a qualunque illusione sia messa in mostra dalla persona in attesa dall’altra parte dello specchio che ti guarda nel tuo stesso identico modo. Lo specchio ha bisogno di essere ripulito, anche rotto, in modo che tutti possano vedere che non importa quanto possiamo provare a photoshoppare i nostri bisogni emotivi, non c’è niente che possa sostituire il calore delle braccia oneste che ti aspettano…

Quali sono i tuoi piani futuri? Suona n tournée questa estate (o almeno sta pensando di fare qualche concerto)?

2022 ho già concerti in tutta Europa, comprese alcune date in Italia che non vedo l’ora di visitare per la prima volta! Ho imparato a prendermi il mio tempo, quindi la natura dei miei progetti rimane lineare e continua ad evolversi organicamente attraverso la visione che arriva con le connessioni che avrò con tutto quello che mi è mancato negli ultimi 24 mesi circa. Non c’è bisogno di dire che sono incredibilmente entusiasta della possibilità di avere la benedizione di riabbracciare le persone! It’s been a long way back to you.

Articolo precedenteRoberto Ferruzzi, la (vera) bellezza salverà il mondo
Articolo successivo“Madre”: arriva nelle sale italiane il film del 2009 di Bong Joon-ho
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.