Stadi aperti e teatri chiusi? Occupato il Globe Theatre di Roma tra le polemiche del web

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo hanno occupato ieri, nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie, il Globe Theatre a Villa Borghese a Roma, al fine di cercare un dialogo con le istituzioni e far sì che venga riconosciuto un sostegno reale e concreto alla categoria.

Dopo più di un anno dal blocco degli spettacoli dal vivo chiediamo una riforma strutturale del settore – scrivono su Facebook – Non vogliamo una riapertura senza sicurezza, che ci faccia ripiombare in un mondo del lavoro ancora più incerto e privo di garanzie.”

MyZona

Riapriamo questo spazio a tutte le precarie, a tutti gli sfruttati, – continuano – per riappropriarci di un tempo di confronto e autoformazione“.

Leggi anche: Una finestra sul teatro, il video della non performance nello spazio chiuso al pubblico

L’occupazione è avvenuta anche come risposta al governo che lo scorso 13 aprile ha autorizzato l’apertura parziale dello Stadio Olimpico di Roma per ospitare la partita inaugurale dei prossimi europei tra Italia e Turchia. La decisione pare sia stata presa dopo alcune “pressioni” da parte della Uefa: l’11 giugno, quindi, l’Olimpico ospiterà il 25 per cento degli spettatori altrimenti presenti al massimo della capienza.

Anche il ministro Franceschini, però, ha alzato la voce, invocando, giustamente, una parità di trattamento tra il settore sportivo e quello culturale. Il ministero della cultura ha sottolineato come sia nell’audizione di lunedì sia nelle proposte inviate ieri al Cts Franceschini abbia chiesto che “nel caso in cui si dovessero autorizzare eventi sportivi con pubblico, le stesse regole dovrebbero riguardare i concerti e gli spettacoli negli stadi o in spazi analoghi.

Appresa la notizia relativa all’apertura dell’Olimpico anche il mondo della musica è insorto.La possibile differenziazione di ‘capienze covid’ tra calcio e musica è inaccettabile e su questo punto tutta la filiera legata alla musica live, compresi gli artisti, è pronta a prendere posizioni forti e nette”. Così in una nota congiunta Roberto De Luca (Live Nation), Ferdinando Salzano (Friends&Partners), Clemente Zard (Vivo Concerti).

Leggi anche: Bauli In Piazza: Unita e altre 100 realtà tricolori urlano la loro rabbia

Ieri, di traverso alle riaperture dei luoghi di cultura e di musica dal vivo, ci si era messo il Festival di Sanremo, trasmesso, dopo giorni di discussioni e polemiche, in assenza di pubblico (d’altronde il Teatro Ariston è un teatro come tutti gli altri). Oggi, gli stadi, quegli stessi che da decenni ospitano anche concerti di artisti più o meno famosi, che per logiche economiche e di immagine riaprono per accontentare dinamiche oltre confine. Staremo a vedere. Nel frattempo, però, lavorare di cultura in Italia continua a non rappresentare un bene di prima necessità, nel pieno “rispetto della disparità tra lavori.”

Foto Roma Today

Da leggere anche

Antonella Valente
Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli