Squid Game 2 si farà, la conferma arriva dal creatore (video)

Molti ci speravano, alcuni ne erano sicuri. La seconda stagione del fenomeno mondiale “Squid Game” si farà. A confermarlo è proprio il creatore Hwang Dong-hyuk, il quale, tramite un video postato su Twitter da AP Entertainment, ha dichiarato che il gioco del calamaro non è ancora giunto al termine.

Leggi anche: “Lo Yin e lo Yang di Squid Game: punti di vista sul fenomeno del momento”

Lo stesso afferma che è ancora troppo presto, ovviamente, per fornire dettagli precisi su questa seconda stagione. Netflix, difatti, non ha ancora divulgato nessun annuncio ufficiale. Ma una cosa è certa, Lee Jung-jae, protagonista e vincitore del folle gioco mortale vestirà nuovamente i panni di Gi-hun.

MyZona

Queste le parole dell’autore coreano: “C’è stata così tanta pressione, così tanta richiesta e così tanto amore per una seconda stagione che mi è sembrato quasi di non avere scelta. Ci sarà davvero una seconda stagione. È nella mia testa in questo momento. Sono in fase di pianificazione. Penso che sia troppo presto per dire quando e come accadrà. Quindi vi prometto questo, Gi-hun tornerà. Farà qualcosa per il mondo”.

Leggi anche: “Squid Game: la simbologia come metafora della società”

Dunque, le domande sorte in seguito a quel finale aperto che ha lasciato l’amaro in bocca a molti fan, ora sappiamo che avranno una risposta.

Articolo precedenteMassimo Morsello, la musica politica alternativa di destra
Articolo successivo“Il simbolo perduto”, su Sky il Prequel del “Codice da Vinci”
Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aura onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.