Connect with us

Musica

Dopo 20 anni di silenzio tornano i Sottotono: “Originali”, il nuovo album

Published

on

Big Fish e Tormento tornano insieme sulla scena musicale italiana con “Originali”, il nuovo album dei Sottotono, in uscita oggi, venerdì 4 giugno 2021, a vent’anni dall’ultimo lavoro in studio.  Il nuovo disco comprende tredici tracce: sei inediti e sette fra i brani di grande successo dei Sottotono, riarrangiati e rivisitati insieme a numerosi e prestigiosi esponenti del panorama musicale, che con grande entusiasmo hanno preso parte al nuovo progetto con diversi contributi speciali. Colleghi e amici le cui carriere hanno incrociato più volte quella di Big Fish e Tormento, come Tiziano Ferro, Guè Pequeno, Marracash, Fabri Fibra, Emis Killa e Jake La Furia, oltre a esponenti della scena urban e pop come Mahmood, Elodie, Coez, Stash, Luchè e Coco, infine un’emozionante strofa di Primo Brown.

“Originali” è il manifesto dei Sottotono, veri originator di un suono, che precorrendo i tempi hanno sancito la nascita e lo sviluppo della musica urban in Italia. E così Fish e Tormento descrivono il loro ritorno: 

MyZona

“Più che di una scintilla che ha riacceso un fuoco, questa ripartenza è frutto di una linfa vitale che non ha mai smesso di scorrerci sottopelle e, quando è riemersa, abbiamo subito capito che era come se questi vent’anni non fossero mai passati. Sottotono per noi sono più di una parte di carriera. È il nostro primo amore per la musica, è una famiglia, è un mondo di ricordi che nessun incidente di percorso e nessuna rottura temporanea ha potuto scalfire”. 

Ad anticipare l’uscita dell’album è stato il singolo, fra i più apprezzati e trasmessi dalle radio, “Mastroianni”, al quale hanno preso parte anche due delle cantanti più amate del panorama italiano, Elisa ed Elodie, che impreziosiscono con le loro voci il ritornello e il bridge. In “Mastroianni” si trovano “le due anime dei Sottotono: quella del gusto classico, e quella di chi sa giocare a modo suo. Anime per cui siamo stati amati e odiati…”. Una canzone ricca di anima e stile, con un testo intenso, adagiata su un abito strumentale (e visuale) di primissima classe, di un’eleganza che è da un lato fresca e dall’altro senza tempo. 

Leggi anche: Rino Gaetano, 40 anni senza il cantautore dell’assurdo

Il 28 maggio è uscito in digitale “Solo lei ha quel che voglio 2021”, remake della storica hit del 1996 dei Sottotono, riarrangiata, ma senza perdere il sound originale, e impreziosita dalla partecipazione di tre dei nomi più importanti della scena urban-rap italiana, Tiziano Ferro, Gué Pequeno e Marracash. Il video ufficiale, fuori il 1° giugno, a cui hanno partecipato tutti gli artisti presenti nella canzone, ripercorre lo stile e il mood del videoclip originale, in una versione contemporanea che non perde il fascino della pellicola in bianco e nero. 

Un album che racconta di due artisti arrivati oggi dopo un lungo percorso personale e che grazie alla loro maturità e consapevolezza espressiva hanno trovato il desiderio di riaffrontare le loro radici in comune, la scintilla originaria. Arricchendola. I Sottotono sono tornati sì, ma per restare.

In occasione dell’uscita dell’album “Originali”, i Sottotono annunciano due date evento, prodotte da Bpm Concerti e Trident Music, nel mese di marzo 2022 a Roma e Milano, rispettivamente il 3, presso l’Atlantico, e il 7 all’Alcatraz.

Leggi anche: Non ci resta che piangere, 26 anni senza Massimo Troisi

BIO

Sempre secondo le loro regole. In una nascente scena hip hop italiana che, nei primi anni ’90, guardava tutta esclusivamente a New York, Massimiliano Cellamaro (alias Tormento) e Massimiliano Dagani (alias Big Fish) fin dai primi passi della loro carriera hanno mostrato una rara personalità nel fare le cose invece decisamente a modo proprio.

Intriso di riferimenti al lato più solare, funk e melodico della West Coast (l’altra faccia, stilistica e geografica, dell’hip hop statunitense), il loro album d’esordio Soprattutto sotto (1994) uscito per la indipendente Vox Pop – unica concessione hip hop per la label – simbolo della scena alternativa italiana degli anni ’90 – è stato all’epoca una sorpresa, un’eccezione, un allegro gesto di rottura che li ha messi subito sulla mappa della scena di casa nostra da osservati speciali.

Due anni più tardi, 1996, altra svolta: Sotto effetto stono li trasforma all’improvviso da promesse ad inaspettati padroni del gioco: maturità stilistica e compositiva insieme a singoli di enorme successo (TranquilloSolo lei ha quel che voglio e Dimmi di sbagliato che c’è superano tutti le 200.000 copie vendute ciascuno) e una presenza carismatica ed instancabile sui palchi di tutta Italia li trasformano nella vera sensazione della scena rap nazionale, capaci di portare come nessuno prima nei piani alti del pop italiano i sapori della musica urban e dell’r’n’b più sofisticato, andando oltre i confini dell’hip hop più canonico.

Seguono altri due LP (Sotto lo stesso effetto, 1999; …In teoria, 2001) e altri singoli di grande successo (come Amor De Mi Vida, o Mai più col featuring di Shola Ama), ma al tempo anche una controversa partecipazione a Sanremo con la traccia Mezze verità che mette sotto stress l’amicizia e l’affinità artistica tra Tormento e Big Fish. Le strade dei due si separano (se non ufficialmente, di sicuro nella realtà dei fatti), offrendo come lascito ben due antologie, Vendesi – Best Of Sottotono del 2003 e Le più belle canzoni dei Sottotono del 2007.

Leggi anche: “Salomé”: la tragedia di Oscar Wilde in scena al Teatro Di Documenti

Tormento si stacca dal pop per intraprendere un percorso di grande credibilità nel mondo del soul e dell’hip hop più underground (con album come Il mio diario del 2006, Rabbia del 2009 fatto uscire a nomi Yoshi Torenaga, Micro De Oro creato assieme al compianto mc Primo Brown del 2014); Big Fish fa un passo indietro rispetto ai riflettori, diventando uno dei grandi protagonisti dietro le quinte dell’esplosione nel mainstream delle sonorità urban ed hip hop nel nostro Paese, che riportano il rap italiano in cima alle classifiche (Fabri Fibra, ma non solo) oppure concedendosi libere uscite ad X Factor (come produttore e coach, affiancato a Manuel Agnelli) e con progetti solisti sperimentali nell’accostare dubstep, hip hop ed indie (Niente di personale, 2013). Negli ultimi tempi, però, i fili mai sciolti definitivamente si riannodano, in silenzio: Tormento e Big Fish tornano progressivamente a sentirsi, parlarsi, vedersi. La scintilla si riaccende.

La voglia di tornare a giocare sempre e solo secondo le proprie regole – ma con molta saggezza in più, e molta pressione inutile in meno – si rimette al centro delle loro vite e della loro profonda, preziosa, particolarissima esperienza a due. È ancora di tempo di Sottotono. 2021: arriva un singolo fuori dal 23 aprile, “Mastroianni”, che, insieme al brano “Solo lei ha quel che voglio 2021” feat. Tiziano Ferro, Guè Pequeno e Marracash, uscito il 28 maggio, anticipa il nuovo album “Originali”, disponibile dal 4 giugno 2021

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Musica

Paura per Omar Pedrini, ma il suo sole non resterà spento a lungo

Published

on

omar pedrini

“In gergo tecnico ho un (fottuto) aneurisma aortico”. Così, qualche giorno fa, Omar Pedrini – ex leader dei Timoria – aveva motivato il suo ricovero in ospedale. Poi l’operazione, condotta nella clinica Villa Torri di Bologna dal cardiochirurgo vascolare Roberto Di Bartolomeo e dalla sua equipe. L’intervento, come si apprende dai canali ufficiali dello “zio rock”, è riuscito dopo 5 ore. Il musicista ha ripreso conoscenza dopo poco.

Sabato, lo stesso cantante aveva rivolto ai fan un messaggio per rassicurarli, annunciando peraltro di doversi sottoporre all’intervento. Nella foto, il braccialetto del reparto di Cardiochirurgia esibito come se fosse un pass per il backstage. “L’agenzia che cura i miei tour sta già contattando gli organizzatori delle serate imminenti per trovare soluzioni ed io li ringrazio” ha scritto. “Sarebbe stata l’estate della ripartenza e invece resterò un po’ ai box. Ma devo accettare serenamente il mio karma”.

MyZona

“Diceva qualcuno – ha aggiunto Pedrini – ‘Un guerriero sa imparare ad amare il suo dolore’. Questo è quanto. La mia volontà è di tornare sul palco quanto prima e riprendere il viaggio con la mia fantastica band, ma ora sarebbe stupido fare programmi o peggio annunci, prima di domani. Ci siamo salutati alla fine del 2019 col vento in poppa, ora dobbiamo essere pronti per volare senza vento. Intanto vi abbraccio forte, almeno da qui e mi raccomando, ‘col pensiero tu, tu stammi accanto!'”

Foto: OmarPedriniOfficial

Continue Reading

Musica

Roberto Angelini: a fine giugno al via il tour estivo

Published

on

Roberto Angelini annuncia il tour estivo, che partirà il prossimo 28 giugno dall’Auditorium Parco della Musica di Roma. Una manciata di date in cui l’artista avrà l’occasione di presentare dal vivo anche gli ultimi singoli “Incognita”, “Condor” e “L’Era Glaciale”, che hanno fatto da apripista a quello che sarà il suo prossimo disco di inediti, il quinto della sua carriera, in uscita il prossimo autunno. Un ritorno atteso dopo nove anni dal precedente lavoro in studio, “Phineas Gage” (2012).

Leggi anche: “Euro 2020, sport e musica per guardare oltre: esplosione di colori alla cerimonia inaugurale”

Autore, chitarrista e produttore tra i più apprezzati della scena musicale italiana, Roberto Angelini ha attraversato la musica lasciando la propria impronta nelle moltissime collaborazioni intraprese con numerosi artisti. Tra le più recenti, la firma come co-produttore dell’ultimo pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” e quella di produttore del primo disco di Margherita Vicario. E ancora, diversi e importanti progetti paralleli: tra i più fortunati quelli legati a Nick Drake con Rodrigo D’Erasmo – un album, un tour, un documentario – e, non da ultima, la fondazione di un’etichetta indipendente, “FioriRari” con la quale pubblicherà anche il prossimo lavoro. Parallelamente è impegnato in una carriera televisiva ormai quasi decennale, dapprima su Rai3 con “Gazebo” e poi su La7 con “Propaganda Live”.

MyZona

I CONCERTI ESTIVI

28 GIUGNO – ROMA, AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA 3 LUGLIO – BOLOGNA, GO GO BO 22 LUGLIO – PRATO, OFFICINA GIOVANI 29 LUGLIO – CALCI (PI), MUSICASTRADA FESTIVAL 5 AGOSTO – CORIGLIANO D’OTRANTO (LE), SEI FESTIVAL

UN PO’ DI BIOGRAFIA

Nato a Roma nel 1975, Roberto Angelini fa il suo esordio come cantautore nel 2001 con l’album “Il Signor Domani” (Virgin). Lo stesso anno partecipa a Sanremo Giovani con l’omonimo brano e si aggiudica il Premio della Critica “Mia Martini”. Nel 2003 pubblica l’album “Angelini” (EMI) che contiene le hit “GattoMatto” e “La Gioia del Risveglio”. Questo disco, molto più pop del precedente, lo fa conoscere al grande pubblico.

Da lì a poco, il cantautore sente l’esigenza di tornare alle origini: rompe il contratto con la EMI e fonda una sua etichetta indipendente, “FioriRari”. Con questa pubblicherà due dischi a suo nome, “La Vista Concessa” (2009) e “Phineas Gage” (2012). Nel frattempo riprende con più interesse l’attività di musicista diventando molto richiesto per il suo personale modo di suonare la lapsteel (Fabi, Silvestri, Gazzè, Planet Funk, Fabrizio Moro, Emma Marrone, Orchestraccia).

Nascono vari progetti paralleli. I più fortunati e longevi sono “Discoverland”, duo fondato con il cantautore Pier Cortese che si diverte a reinterpretare e miscelare brani del passato e del presente, e un duo nato insieme al violinista Rodrigo D’Erasmo per celebrare e divulgare un artista cult come Nick Drake. Da qui prenderà vita un disco, “Pong Moon”, che darà origine a una moltitudine di eventi e collegamenti che perdurano ancora oggi (ad esempio il documentario “Songs in a conversation” diretto da Giorgio Testi, presentato nel settembre 2019 al Festival del Cinema di Roma e tuttora in programmazione su Sky Arte).

Come produttore fa muovere i primi passi nella discografia ad artisti come Margherita Vicario, Andrea Rivera e Luca Carocci. Firma come co-produttore il fortunato e pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” (2019), partecipando anche al lungo tour di presentazione del disco, come membro stabile della band. Come autore scrive il brano “Calore” che lancia, con la vittoria di “Amici” nel 2010 la carriera di Emma Marrone. Dal 2013 consacra la sua popolarità al fianco di Diego “Zoro” Bianchi, dapprima su Rai3 con la trasmissione “Gazebo” poi su La7 con “Propaganda Live”.

Attualmente è al lavoro per ultimare il suo quinto disco da cantautore, in uscita nel 2021 per l’etichetta “FioriRari” e anticipato dal brano “Incognita” e dai singoli “Condor” e “L’Era glaciale”, presentati in numerose trasmissioni. Da Social Club su Rai2 e Radio2 a The Square su Sky Arte, da Radio1 Music Club a Radio2 Prendila così fino a Propaganda Live su La7, passando per Magazzini Musicali su Rai2, Save The Date su Rai5, Luce Social Club su Sky Arte e moltissime altre.

Leggi anche: “Continua il successo del duo The Phantom Rockets: online “Monster””

Continue Reading

Musica

Benny Goodman: ricordando “The King of Swing”

Published

on

Per alcuni era solamente il figlio di due immigrati ebrei provenienti dalla Russia, per molti è stato colui che è riuscito ad aprire un varco nella mentalità americana degli anni ’30. Un musicista, un creativo, un rivoluzionario. Benjamin David “Benny” Goodman, come disse il suo amico Gene Krupa, è semplicemente il “Re dello Swing“.

A trentacinque anni dalla sua scomparsa, a soli 77 anni, lo vogliamo omaggiare e ricordare così, ripercorrendo la sua vita, dai primi anni al Chicago Music College, fino alla nascita della “Big Band” e ai momenti più importanti della sua carriera come clarinettista jazz.

MyZona

Benny Goodman non fu semplicemente un grande musicista. La sua caparbietà e volontà lo spinsero oltre, rendendo un mondo esclusivo come il jazz, non solo per la cultura nera, ma anche per i bianchi. Grandi qualità. Già, perché se è dai primi anni che si vede se un bambino sia dotato o meno, con Benny, i suoi genitori, non ebbero dubbio; soprattutto suo padre, l’uomo che lo spinse a creare il prima possibile la leggenda.

Fu grazie ad un concerto tenuto da alcuni musicisti jazz provenienti da New Orleans che il giovane Benjamin finì per innamorarsi definitivamente del genere di cui diverrà maestro; insieme a Ben Pollack e la sua band, una delle più importanti di Chicago, capitale del jazz, suona con gruppi internazionali, incide i suoi primi pezzi e conosce Bix Beiderbecke, leggendario cornettista.

Leggi anche: Patti Smith: il ritorno sul palco della sacerdotessa del rock

L’eleganza che caratterizzava ogni sua performance, lo stile unico e raffinato con cui suonava il proprio strumento, tutto ha reso Goodman il maestro di un nuovo genere musicale, figlio stesso del jazz: la musica tradizionale, quella degli schiavi, stava compiendo un salto in avanti che gli avrebbe spalancato porte su porte. E così il vecchio lasciava posto al nuovo e il classico dava il benvenuto a Benny e al suo Swing.

Per capire al meglio il potere di quest’uomo, dobbiamo intendere il termine in questione: la differenza fondamentale fra il classico jazz di Armstrong ed Ellington, con il nuovo swing, sta tutto nel ritmo. Benny lo aveva capito e per questo la musica era così diversa, così nuova, pronta a spingerti a ballare per tutto il tempo. Con la sua Big Band, il quartetto Wilson-Krupa-Hampton-Goodman, arriviamo all’apice del successo, registrato nella mente di tutti con la data 1938.

Siamo al Carnegie Hall di New York City dove si tenne il concerto più famoso della sua carriera, con un clamoroso tutto esaurito (2760 posti occupati) e una scaletta a dir poco memorabile. Don’t Be That WaySometimes I’m Happy e One O’Clock Jump, queste furono solo alcune delle canzoni che riempirono la mente e il cuore di tutta quella gente. Questa esibizione fu l’apice di un periodo storico nonché di un’intera carriera, almeno fino all’arrivo del bebop jazz con la guerra.

Leggi anche: AC/DC: fuori il videoclip di “Witch’s Spell” e una limited edition del brano

Lo swing aveva unito e conquistato. Fu grazie a Benny che il jazz non restò la musica esclusiva dei neri, per sempre. Avvicinò il mondo e la cultura bianca a quella tradizionale ormai obsoleta degli schiavi d’America. Un importante passo per la musica, che non è più privata ed esclusiva di chi la crea, ma diventa finalmente di tutti, mondiale.

Il Re del Jazz è riuscito molto facilmente in quell’impresa, posando le labbra e le dita sul suo bellissimo clarinetto e dando vita al jazz. Molti critici di musica sono oggi dell’avviso che Goodman ha avuto lo stesso valore, per il jazz e lo swing, di Elvis Presley per il Rock’n’Roll, entrando così nel famoso Olimpo della musica.

Personalmente? Ce lo vedo bene accostato alla leggenda del rock’n’roll! Grazie Benny, per averci dato modo, ancora oggi, di esser parte di un mondo che appariva di nicchia ed esclusiva e che adesso ha una portata mondiale ma soprattutto immortale nel tempo.

Photocredit by Wikipedia Commons

Continue Reading

In evidenza