Rino Gaetano, 40 anni senza il cantautore dell’assurdo

“E a mano a mano vedrai che nel tempo
Lì sopra il suo viso lo stesso sorriso
Che il vento crudele ti aveva rubato
Che torna fedele
L’amore è tornato…”

“A mano a mano”, cantava Rino Gaetano. Una delle canzoni più belle del panorama musicale italiano.

MyZona

Era il 2 giugno del 1981, quando il cantautore calabrese, all’anagrafe Salvatore Antonio Gaetano perdeva la vita in un incidente stradale sulla via Nomentana a Roma, all’età di soli 30 anni. Nacque a Crotone nel 1950, ma si trasferì fin da bambino nella Capitale.

DAGLI ESORDI AL SUCCESSO

Le testimonianze del tempo ci raccontano di un Rino che, prima di diventare famoso, strimpellava la chitarra e cantava con uno stile tutto suo, grintoso, ironico, dissacrante. Nel 1974 pubblicò il suo primo album “Ingresso libero”, che però non riscosse grande successo. Da questo venne estratto un 45 giri anticonformista fin dal titolo “Tu, forse non essenzialmente tu”.

Il successo arriva l’anno dopo, con il singolo “Ma il cielo è sempre più blu”, la sua canzone più famosa, più venduta e più cantata. Un brano abbastanza strano, senza una logica apparente, molto semplice e orecchiabile, che mescola vicende e aspirazioni della più varia umanità. Nel 1978 pubblica il disco “Nuntereggae più” e si esibisce al Festival di Sanremo con “Gianna”, un pezzo graffiante, estroverso. Nel 1979 esce l’LP “Resta vile maschio, dove vai?”, seguito l’anno dopo da “Io ci sto”, con cui si conclude prematuramente la sua carriera artistica.
Le canzoni di Rino Gaetano restano un po’ a metà tra la musica popolare e la canzone d’autore. Parlano di temi personali e sociali come la solitudine, le frustrazioni, l’emarginazione.

«Ho sempre pensato che le canzoni di Rino Gaetano fossero come installazioni d’arte, capaci di meravigliare l’occhio e di ipnotizzare i sensi», così lo ricorda Sergio Cammariere.
Fu un artista geniale che sapeva mescolare ironia e denuncia sociale. Originale, unico, estroso. Un cantante in grado di essere ironico e di raccontare i depredati, i maltrattati, gli sfruttati, tutte quelle persone ferite dalla vita. Canzoni che, tuttora, sono attuali, vive.

IL RINO GAETANO DAY

Oggi, 2 giugno, ha luogo la XI edizione del Rino Gaetano Day, in cui si celebra il geniale cantautore nella ricorrenza della sua scomparsa. Un evento organizzato da Anna e Alessandro Gaetano, e per il secondo anno consecutivo si svolgerà online. Il #rinogaetanoday2021 sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook “Rino Gaetano Band”, sul loro canale YouTube e on air su Radio Italia Anni 60 Roma FM 100.5, alle ore 18:30 circa.

Invece venerdì 4 giugno 2021 alle ore 16,30 il giornalista Gianmarco Cilento dialogherà con Michelangelo Iossa, autore della biografia di Rino Gaetano, uscita nel quarantesimo anniversario della morte dell’artista calabrese. L’evento sarà trasmesso in diretta sul gruppo Facebook dell’Associazione PaoLab.

Il libro, dal titolo “Rino Gaetano. Sotto un cielo sempre più blu” , racconta la storia del musicista partendo dal “suo sud” fino all’incredibile culto sviluppatosi negli ultimi decenni. Dall’infanzia vissuta a Crotone, agli anni scolastici di Narni, passando per il Folkstudio di Roma e il Festival di Sanremo fino all’incidente mortale di via Nomentana.

Salvatore Antonio Gaetano, per tutti Rino, è il protagonista di un lungo racconto biografico in cui si fondono la Magna Grecia, la scuola cantautorale romana, gli anni Settanta, lo sberleffo, il reggae e le donne di tante canzoni, da Berta a Gianna che “difendeva il suo salario dall’inflazione”.

Una serie di esperienze che permisero al giovane cantautore di trovare una sua personalissima strada espressiva. Una via che illuminò i tardi anni Settanta con hit irregolari e amatissime dal grande pubblico come “Ma il cielo è sempre più blu” e “Nuntereggaepiù”. Rino Gaetano non è, però, soltanto il cantautore sanremese con il cilindro e a dimostrarlo è la sua discografia. Spesso complessa e frutto dell’incontro con grandi musicisti e session-man italiani. Gli stessi che hanno contribuito a creare un lento e inesorabile culto, fatto di canzoni che viaggiano di bocca in bocca, fiction televisive e citazioni cinematografiche.

di Teresa Uomo

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli