Connect with us

Musica

Simona Molinari e i Solisti Aquilani, due concerti tra swing e jazz

Fabio Iuliano

Published

on

La passione per i musical di Broadway, l’amore per jazz e l’improvvisazione, insieme ad una voce dalle sonorità afroamericane costituiscono la cifra stilistica di Simona Molinari, protagonista di un concerto dal taglio autobiografico che ripercorre la carriera di un’artista capace di collezionare prestigiose collaborazioni (Al Jarreau, Gilberto Gil, Peter Cincotti, Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Renzo Arbore, Massimo Ranieri) e preziosi riconoscimenti (Premio Mogol, il Premio Carosone, Premio Tenco).

La bella voce del jazz italiano si dividerà tra i brani del nuovo progetto discografico «Sbalzi d’amore», le canzoni del repertorio e i racconti dei primi dieci anni di carriera. Il concerto toccherà le corde più care all’artista, le cui sonorità coinvolgeranno il pubblico attraverso brani resi immortali da grandi signore del blues come Nina Simone, Aretha Franklin, Amy Winehouse, “Natural woman”, “Back to black”, “My baby just cares for me”, “Over the rainbow”, “When you’re smiling”.

Assieme ai grandi successi della sua carriera, “Egocentrica”, “La Felicità”, “Dr. Jekyll Mr. Hyde”, e alle altre canzoni dell’album. Una voce che da sempre viaggia su altezze e intensità inaspettate: jazz e swing, intrisi di tensione espressiva, sono gli ingredienti che scandiscono la sua musica.

“Dal mio esordio sono passati 10 anni e se riguardo le foto della mia prima partecipazione a Sanremo penso a quante cose sono cambiate da allora” dice l’artista: “il mondo cambia ed io con lui. L’unica costante rimasta intatta nel tempo è stata la quantità d’amore che ho messo in quello che facevo”.

È proprio l’amore che ha guidato l’artista in questi suoi primi 10 anni di carriera. Amore per la musica ma non solo. Amore per la vita, per il suo pubblico, per il suo team e per la sua storica band: la Mosca Jazz Band, con la quale dividerà il palco anche quest’anno. In “Sbalzi d’amore in tour” Simona Molinari racconterà la sua evoluzione di donna e artista nei confronti di questo amore che da sempre considera il motore della sua anima.

Due gli appuntamenti in con i Solisti Aquilani in Abruzzo: L’Aquila 19 dicembre (ore 18 Auditoriumd el Parco) e Tortoreto (ore 18.30) il giorno successivo.

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Continue Reading

Musica

Un dj set da 340 ore, streaming da record a Milano

Fabio Iuliano

Published

on

Un dj set di 340 ore, musica no stop per un dj set da record in streaming: il più lungo al mondo. Il tempio del futuro perduto, il collettivo di ragazzi che sta ristrutturando un angolo abbandonato della Fabbrica del vapore du Milano e che ha già organizzato il muro della gentilezza e l’aperitivo gratis nel traffico – ha infatti deciso di lanciare l’evento “Musica in quarantena”.

La session è partita alle 21 di venerdì 20 marzo e andra avanti sino al 3 aprile, il giorno in cui scade il decreto che ha trasformato la Lombardia in una zona rossa a causa dell’emergenza sanitaria, anche se è verosimile che le misure verranno allungate.

Durante il djset partecipano alla diretta diversi artisti italiani ed internazionali insieme a promoter da tutto il mondo che racconteranno come il Corona Virus sta cambiando le loro vite, la loro arte e le loro professioni. Ecco alcuni esempi: Enrico Sangiuliano, Animistic Beliefs, Nerone, Lele Sacchi, Neil Landstrumm, Fabrizio Rat oltre a contributi da diversi club e centri culturali di Berlino, Parigi, Amsterdam, Londra, Shangai, Hong Kong, Sao Paolo, Miami, Minsk, Roma, Napoli, Bologna e Bari.

La performance è portata avanti da 3 artisti residenti nel Tempio che stanno vivendo in consolle per due settimane in consolle; potranno darsi il cambio per lavarsi e andare alla toilette ma devono mangiare mentre suonano.

Un’iniziativa collegata alla raccolta fondi destinati a un ospedale pubblico lombardo.

Continue Reading

Musica

Cincilla, Zoizi, Michelangelo: le novità italiane in rampa di lancio

redazione

Published

on

E’ uscito ieri, venerdì 27 marzo, “Sakè”, nuovo singolo di Pietro Milella, in arte Cincilla

Il brano è disponibile su tutte le piattaforme digitali e sui digital stores. In un mondo che non lascia tempo alle persone di dare un valore alle cose a volte si corre il rischio di perdersi: il brano “Sakè” invita a vivere il mondo come si vuole, senza perdersi dietro alle congetture degli altri e vivendo ogni momento per quello che è.

Sakè rappresenta per me tante cose – racconta Cincilla a proposito del suo nuovo singolo– l’ho scritta in un momento in cui facevo fatica a capire fino in fondo quello che mi circondava e ne ero infastidito. Ho iniziato a comprendere il mondo rinunciando a molte risposte e a vedere le cose dalla prospettiva che mi andava di più, allegra o triste che fosse. Il testo di Sakè riassume tutto questo“.

Il videoclip di “Sakè” è interamente ambientato a Venezia e riprende i luoghi dove è nato e cresciuto l’artista. La sequenza di immagini accompagna le parole della canzone: la prima parte mostra volti annoiati e luoghi malinconici; la seconda cattura quegli stessi scorci e quelle stesse facce in chiave ironica.

Dal 13 marzo è disponibile “Odore”, nuovo singolo di Zoizi

L’odore a cui fa riferimento Zoizi nel suo nuovo singolo è quello della borsa di Martina, la sua migliore amica dei tempi dell’adolescenza: un odore specifico, che in qualche modo racchiudeva le paure e la voglia di libertà dei ragazzi degli anni Novanta. Da questo dettaglio sensoriale è nata una canzone che ha tutte le caratteristiche di un inno generazionale.

Ho scritto questa canzone per raccontare e confermare a me stesso quanto sia stato semplice ritrovarmi come persona attraverso una sensazione quasi un po’ banale come l’odore della borsa di un’amica  racconta Zoizi a proposito del brano “Odore”- ho voluto citare qualche storia di una generazione, quella nata come me nel 90′, forse l’ultima a sognare in grande in un mondo ancora “vecchio” e privo di questa esagerata e improvvisa modernità che un po’ ci soffoca. Sicuramente non eravamo migliori dei “nuovi giovani” ma l’abbiamo vissuto con un romanticismo che oggi stenta un po’ ad uscire“.

Il videoclip di “Odore”, diretto dallo staff di 3littlepigs, è girato totalmente in bianco e nero e ha come unico protagonista Zoizi. Le riprese in primo piano e lo sguardo del giovane autore che punta dritto alla telecamera conferiscono alla sequenza di immagini una valenza prettamente narrativa: è Zoizi che racconta una storia, la sua storia, a chi guarda.

Il 13 marzo è stato pubblicato “In Due a Lottare”, nuovo singolo di Michelangelo Vizzini, in arte Michelangelo, talentuoso concorrente di Amici di Maria de Filippi ’19

Una storia può finire ma l’amore a volte rimane, non arrendendosi al tempo, alle difficoltà e alla logica delle scelte umane: “In due a lottare” parla di questo, ponendosi come un vero e proprio manifesto dei sentimenti autentici, quelli che legano gli individui e permettono loro di lottare contro tutto e tutti.

Il videoclip di “In due a lottare”, diretto da Federico Falcioni (Falcioni Productions), racconta la fine inevitabile di una storia d’amore. E mentre le vite dei due ex partners proseguono separatamente, un filo invisibile, la nostalgia e i ricordi li tengono ancora legati.

Continue Reading

Musica

Coronavirus: è morto Manu Dibango, stella della musica africana

Licia De Vito

Published

on

Si è spento all’età di 86 anni, a Parigi, per complicazioni dovute al Covid-19, Manu Dibango, sassofonista camerunense, stella della musica africana. A darne la triste notizia sono stati propri i familiari del musicista.

Cari parenti, cari amici, cari fan, una voce si alza da lontano, è  con profonda tristezza che vi annunciamo la scomparsa di Manu Dibango, il nostro Papy Groove, avvenuta il 24 marzo all’età di 86 anni, a causa del Covid 19″.

Continue Reading

In evidenza