“Scream”, la morte vivente dei Misfits targata George A. Romero

Dopo l’uscita di Glenn Danzig dalla band, in molti consideravano i (The) Misfits come una band sulla via del tramonto. Incapaci di rialzarsi dopo aver perduto il leader, venivano bollati come dei morti viventi. Per lo meno dai fan di vecchia data, quelli storicamente più intransigenti. Furono anni indubbiamente complessi, tra tanti bassi e pochi alti, ma nel 1999 Jerry Only fece di tutto per assecondare questa etichetta. E ci riuscì.

Leggi anche: Halloween, curiosità sulle origini della festa più spaventosa del calendario

Superato il contraccolpo dall’uscita del frontman, che nel frattempo si era dato ad altri progetti, pur mantenendo viva la disputa legale per il possesso del moniker della band, Only tirò su, non senza qualche difficoltà, la seconda incarnazione del gruppo. Una line up tirata a lucido. Lui al basso, ai cori e alla voce, Dr. Chub alla batteria, Doyle Wolfgang von Frankenstein alla chitarra e Micheal Graves alla voce.

MyZona

Una mano scheletrica, sporca, con brandelli di carne penzolante, stava uscendo fuori da una tomba. La resurrezione stava per avvenire...

Nel 1997 il ritorno sulle scene grazie all’album “American Psycho“. Diciassette i brani presenti (più una ghost track) e una prima hit, “Dig Up Her Bones“. Del brano fu registrato un video, il primo mai prodotto dalla band, a firma di John Cafiero. Ambientato in un cimitero, alternava spezzoni di concerti dei Misfits a parti del film horror La sposa di Frankenstein del 1935. Un’immagine della sposa, inoltre, è impressa sulla copertina del singolo.

Nel 1999 la resurrezione è completa. I morti tornano dall’aldilà…

I Misfits pubblicano “Famous Monsters“, secondo full-lenght dell’era Graves, nonché l’ultimo prima del suo abbandono. Il disco esce su una major lanciatissima, la Roadrunner Records. E i morti viventi citati in precedenza tornano in gran forma come un tempo. Diciotto tracce (più 3 bonus tracks, rispettivamente per l’edizione giapponese e inglese) e una hit clamorosa: “Scream!“. Jerry Only ebbe la sua rivincita facendo dirigere il video a uno dei maestri del cinema horror, George Andrew Romero, autore di quel “Night of the Living Dead” del 1968, pietra miliare del genere.

Leggi anche: Introduzione al cinema dell’orrore, ieri e oggi

Originariamente, però, il videoclip della canzone doveva essere affidato a Wes Craven che, al al tempo, era impegnato sul set di “Scream 2“. L’idea era quella di inserire il brano nella soundtrack del film. Il progetto non si realizzò e la scelta ricadde su Romero. Anch’egli era impegnato dietro una macchina da presa, precisamente con “Bruiser – la vendetta non ha volta“, pellicola che sarebbe uscita a distanza di sette anni da “La metà oscura“, film ispirato all’omonimo romanzo di Stephen King.

Leggi anche: Quando il Daily News di Bangor uccise Richard Bachman. Stephen King: “sono colpevole”

Romero si trovava a Toronto quando fu raggiunto dalla telefonata con cui si chiedeva la collaborazione. Caso volle che necessitasse di una band per una scena del film. Nacque così il sodalizio tra i principi dell’horror punk e il maestro delle tenebre.

Il video di “Scream!” è pura opera di Romero. Facilmente riconoscibile grazie al suo trademark inconfondibile, propone gli inevitabili cliché del genere, tra momenti splatter e zombie in fuga da una corsia d’ospedale che fino a pochi minuti prima era immacolata, linda e pinta. Tutt’a un tratto irrompono dei ceffi, male vestiti e sanguinanti. Lamentano dolori e ferite e vengono quindi soccorsi. Ma ben presto divampa la lotta per la sopravvivenza.

Entra una barella. Sopra di essa vi è un uomo coperto da una lenzuolo infradiciato di sangue. E poi un’altra, e un’altra ancora. Sono feriti gravi, volto squarciato e viso tumefatto. Da un’altra barella un uomo col ciuffo di capelli appuntito in avanti si alza e aggredisce un’infermiera. Sono i componenti della band. I Misfits sono diventati zombie. Sono dei morti viventi…

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli