Connect with us

Back to the past

Natale di Roma, storie e segreti del nome dell’Urbe

Published

on

Natale di Roma

La fondazione di Roma, di cui oggi ricorre il Natale, viene fatta risalire proprio al 21 aprile del 753 a.C. Romolo, tracciando il solco sul colle Palatino, presi gli auspici che lo indicavano come il prescelto, legava per sempre la città al suo destino.

La Pax Deorum, il vincolo con gli Dèi immortali, che assicura a Roma l’eternità, a patto che i suoi cittadini sappiano garantirne le condizioni.

Tale data è stata indicata da Varrone seguendo i calcoli di Lucio Taruzio, astrologo di estrazione pitagorica, che in verità indicò la data anteriore del 9 Aprile, in cui si sarebbe verificata un’eclisse di Sole.

Al Sulcus Primigenius, quadrato o circolare, si da una doppia interpretazione. Quadrato come il solco segnato da Romolo, circolare come l’aedes di Vesta, vero centro dell’Urbe, secondo le ultime scoperte archeologiche di Andrea Carandini. L’unione dei due simboli è, quindi, la famosa “quadratura del cerchio”, la fissazione, la realizzazione in terra della dimensione sovrasensibile, la manifestazione degli Dei nella storia. Roma come Città degli Dei. La tradizione romana come guida per la manifestazione del numen dentro di sé, così come disposto dall’Oracolo di Delfi. Lo stesso oracolo che consentì a Marco Furio Camillo, “secondo fondatore di Roma”, di conquistare Veio, dopo un prodigio sul lago di Albano. Quando con la famosa evocatio chiese al numen tutelare della città, Giunone Regina, di lasciarla per essere meglio onorato a Roma.

IL NOME SEGRETO DI ROMA: ATTENZIONE A RIVELARLO

Ma quello di cui vogliamo parlarvi oggi non è la storia di Roma. Né delle sue conquiste o della sua grandezza. Nel giorno del Natale di Roma vogliamo approfondire il tema del suo nome segreto.

Molte città nell’antichità avevano tre nomi: uno sacrale, uno pubblico e uno segreto. Nel caso dell’Urbe, il nome pubblico era Roma mentre quello sacrale Flora o Florens, usato in occasione di alcune particolari cerimonie. Quello segreto, invece, è ancora oggi dibattuto e misterioso.

Questo perché alcuni nomi non potevano essere pronunciati per evitare che si materializzasse davanti a tutti, anche ai profani, la vera essenza dell’entità cui appartenevano e che invece doveva restare sconosciuta.

Inoltre, in questa maniera, l’entità in questione poteva essere conosciuta e manipolata a piacimento. Per le città il nome segreto coincideva con quello del vero nume tutelare, la cui denominazione non era quella nota a tutti. Un antico commentatore di Virgilio, Servio, spiegò in una nota all’Iliade che chi avesse rivelato tale nome poteva essere condannato a morte. L’appellativo era probabilmente a conoscenza del solo Pontifex Maximus.

Conoscere il nome del dio equivaleva ad impadronirsi dell’essenza della città assediata e a sottometterla. Tramite un particolare rito il numen sarebbe stato portato in città, introducendo poi il suo culto nell’Urbe con l’innalzamento di un tempio in suo onore. In questo modo Roma avrebbe aumentato la sua potenza, mentre il popolo sconfitto e sottomesso, senza la protezione del proprio numen, non sarebbe più stato in grado di riconquistare la potenza guerriera di un tempo. 

Per questo i Romani furono attenti a non diffondere il nome segreto della loro città.

Alcuni autori dell’antichità tentarono comunque di proporre una soluzione all’arcano. Lo fecero proponendo i nomi di Angerona, la dea che intima il silenzio. Oppure Giove, Opi, dea arcaica dell’abbondanza (a volte assimilata a Venere come dispensatrice di vita e di forza), a Cerere, Flora e Pomona. Ma tutti sapevano, qualora fossero arrivati alla verità, la rivelazione del nome avrebbe comportato l’exauguratio, l’allontanamento della sacralità della città e la perdita della libertà per i suoi cittadini.

LA CONDANNA DI VALERIO SORANO

Plinio il Vecchio nelle “Naturalis Historia”, affermava che “riti misteriosi proibiscono di pronunciare l’altro nome di Roma. Valerio Sorano che osò divulgarlo non tardò a pagarne la pena. Non è fuori proposito accennare qui ad una particolarità dell’antica religione prescritta per questo silenzio. La dea Angerona, alla quale si sacrifica nel giorno 21 dicembre, ha il simulacro con la bocca fasciata da una benda”.

Si parla dunque di Valerio Sorano, ritenuto un modello da personaggi come Cicerone, Varrone e lo stesso Plinio in materia di studi filologici, antiquari e filosofici. Sembra dunque, come appare anche dagli studi del tedesco Köves-Zulauf, che l’erudito sorano trattò in una sua opera di divinità greche e romane delle quali era espertissimo. 

Probabilmente in questa avvenne la fatale empietà di cui parla anche Servio. Costui nel commento alle Georgiche, sosteneva che la causa della morte di Valerio Sorano fosse attribuibile all’aver detto il nome autentico della divinità tutelare di Roma. Inoltre, nel commento all’Eneide sostiene che “nessuno pronuncia il nome di quella città persino durante i riti. Infatti un certo tribuno della plebe, Valerio Sorano, come sostiene Varrone e molti altri, osò pronunciare questo nome, cosicché alcuni dicono che sia stato arrestato dal senato e levato sulla croce, mentre altri che per paura della pena sia fuggito e, catturato in Sicilia dal pretore su ordine del senato, sia stato ucciso”. 

Ma se il nome doveva rimanere segreto e anche solo parlare di quell’argomento avrebbe portato alla morte, come faceva il Sorano a saperlo? Alcune fonti ci portano ad identificare in lui l’Edituo, avente la carica di aedituus, tramite la quale poteva certamente avere accesso a risorse e conoscenze solitamente interdette ai profani.

Comunque se la storia di Valerio Sorano ci illumina sulla sorte che sarebbe toccata a chi avesse rivelato il nome segreto di Roma, bisogna approfondire la causa dell’esilio del poeta Ovidio.

OVIDIO E IL NOME SEGRETO DI ROMA

Il motivo che spinse Augusto a mandarlo a Tomi nell’8 d.C è ancora oggi dibattuta.  Il poeta abruzzese scrisse a tal riguardo “due crimini mi hanno perduto, un carme e un errore, di questo debbo tacere qual è stata la colpa”.

Ovidio morì nell’attuale Costanza in Romania senza mai tornare a Roma. Si è parlato sempre di coinvolgimenti in congiure politiche, di una relazione con la figlia del Pontifex Maximus, di aver scoperto segreti di corte.  Negli ultimi anni, invece, si è fatta strada un’ipotesi più affascinante.

Al momento della condanna il poeta stava ultimando l’opera “Fasti”, che avrebbe dovuto trattare delle feste religiose e laiche della tradizione romana. Aveva appena iniziato la trattazione di Giugno quando fu emessa la sentenza. Aveva perciò appena elaborato il mese di Maggio. Nello scovare l’etimologia del nome del mese tirò in ballo la costellazione delle Pleiadi, in particolare la stella Maia mettendola in relazione con la fondazione della città.

Studi recenti, in particolare quelli di Felice Vinci e Arduino Maiuri, indicano il posizionamento delle Mura Serviane come un modo per adattare lo schema della città all’interno delle stelle sopra citate. Al centro così ci sarebbe Maia in corrispondenza del colle Palatino. Proprio dove Romolo, secondo tradizione, tracciò il solco della Città Quadrata.

Stando a quanto riferito dai due studiosi, il passo che Ovidio nei Fasti attribuisce alla Musa Calliope sarebbe stato un indizio sul segreto di cui il poeta sarebbe venuto a conoscenza.  Ovviamente solo un romano ben istruito avrebbe potuto cogliere questa allusione alla sanctissima Maia alla quale sarebbe stata consacrata la città nata dal solco di Romolo. La stella, che Ovidio dice essere la più bella delle Pleiadi, avrebbe dunque riservato a Roma la sua protezione e il suo stesso nome.

Maia, secondo questa interpretazione, sarebbe dunque il nome segreto di Roma. 

PASCOLI E L’INNO A ROMA

Una teoria affascinante che entra però in contrasto con l’Inno a Roma di Giovanni Pascoli.Il poeta cita i 3 nomi dell’Urbe. Roma, Amor e Flora. 

Amor sarebbe, secondo Pascoli, il nome segreto di Roma e la stella d’oro del testo sarebbe allusione evidente a Venere.  Un nome palindromo, perfetto, quasi magico. Risalendo alla leggendaria fondazione di Roma, Enea era figlio del mortale Anchise e della dea Venere, dea dell’ Amore (Amor) inteso come origine di vita ma anche stella dei naviganti. In questa stella i Romani identificarono nella sua facies mattutina come Lucifero e in quella serale come Vespero. E Roma è palindromo di Amor

Flora ( o Florens) invece sarebbe il nome sacro. Almeno stando alla versione dello scrittore bizantino Giovanni Lorenzo Lido, che per primo formulò un’idea chiara sui nomi di Roma. I Floralia, tra l’altro, erano solitamente feste a carattere orgiastico e licenzioso. Venivano festeggiati a Roma dal 28 aprile al 3 maggio. In queste feste uomini e donne abbandonavano se stessi alla sensualità. Come a sottolineare come sessualità e fertilità (si ritorna al rito della dea Flora) naturale fossero elementi caratteristici della cultura e della civiltà romana.

Comunque la fondazione di Roma il 21 aprile non è certo casuale. Siamo in un mese primaverile, di rinascita della natura. Come se ogni anno l’Urbe rinascesse più forte che mai. Lo stesso Pascoli, inoltre, nell’Inno a Roma, insiste sul ruolo di Roma legata alla fertilità della dea Madre, quindi Venere Genitrice da cui Amor. Lo affascinava sicuramente il legame tra la potenza maschile della città e la fecondità della natura.

In ogni caso, oggi 21 aprile, in occasione del Natale di Roma, l’Urbe non smette di stupirci e di lasciarci segreti ed enigmi inesplorati.

Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Back to the past

Cristoforo Colombo: il passato al vaglio della “cancel culture”

Published

on

passato e la cancel culture contro cristoforo colombo

Il passato è ostinatamente ostico. Per quanto gli uomini cerchino di ammorbidirlo, ammaestrarlo, addomesticarlo, annetterselo mostra un’irritante, persistente irriducibilità a qualsiasi normalizzazione.

Questa durezza dei fatti aumenta quanto più le ideologie pretendono di piegarli ai propri interessi. Non è un fenomeno moderno affrontare la storia senza tentare di comprendere ciò che è avvenuto nella sua complessità. Vi è un filo rosso che collega la damnatio memoriae di faraoni egizi cancellati dall’elenco dei regnanti con la folla che, abbattendo una statua, pensa di vendicare i torti del passato.

Ma i secoli non sono trascorsi invano. Se dietro i nobili ideali che muovono all’assalto di indifesi manufatti si possono occultare molto meno nobili sentimenti, non è da dimenticarsi che non v’è nulla di più facile ma anche di più falso che considerare il passato a disposizione del nostro giudizio o pre/giudizio.

Non si tratta solo, com’è stato giustamente evidenziato, di una dittatura del presente. Senz’altro gli eccessi della cancel culture nascono da un sentimento che giudica il passato in base unicamente a ciò che si prova oggi, riconducendo tutto al metro di un’attualità appiattita su un unico valore, misteriose e insondabili le motivazioni della scelta, autorizzato a emettere inappellabili sentenze sulla totalità dell’agire umano.

Oltre ciò si manifesta un tribalismo che riscrive unilateralmente quanto avvenuto innescando spirali di accuse e recriminazioni alla lunga incontrollabili. Emergono così la difficoltà di considerare la storia in modo razionale, ovvero né discriminatorio né giustificatorio, l’espansione fino al ridicolo di un risentimento, talvolta giustificato, verso la contemporaneità, l’autoassoluzione di gruppo verso processi storici che non hanno quella banale linearità fantasticata e, infine, un sentimento che, basandosi non sul principio della responsabilità individuale bensì sul sentirsi parte del gruppo dei giusti e puri con torti secolari da vendicare, identifica l’avversario a partire dalla sua appartenenza etnica o sessuale o religiosa.

PASSATO SCOMODO O INTERPRETAZIONE SBAGLIATA?

Significativo è quanto accade con Cristoforo Colombo, con il Columbus day e con gli attacchi a cui è stato sottoposto. Al riguardo non viene mai posto, come giustamente si è spesso fatto, il problema storico di quale europeo scoprì l’America. Ormai è accertato che prima di Colombo arrivarono i vichinghi e, forse, prima ancora, addirittura i romani. Ciò comporterebbe troppo lavoro storico e archeologico, troppa fatica intellettuale nell’affrontare, questo è il punto, il senso dell’espressione “conseguenze della scoperta” in modo ampio, complessivo. No. E’ più facile, soprattutto ideologicamente utilizzabile, considerare solo l’aspetto ambiguo e negativo (esistono accadimenti storici che non lo sono?) dell’arrivo degli europei. Ma si può addebitare al navigatore genovese il massacro di Wounded Knee?

Prendendosela con le sue statue non solo si sbaglia simbolo. Non solo non si comprende la storia con le sue tante sfaccettature e responsabilità personali, ma si contribuisce solamente ad avvelenare il presente con nuovi odii e nuove divisioni basati su una ricostruzione fantasmatica del passato in cui quest’ultimo si dilegua in una nebbia dove non esiste nessuna, reale differenza tra gli episodi evocati. Alla grande tragedia dell’umanità si sostituisce un raccontino con esiti che sarebbero comici non avessero conseguenze pesanti: accusare Colombo dello sterminio dei nativi delle praterie nordamericane è come addebitare la responsabilità dei naufragi all’inventore della bussola.

Farsi un’idea storicamente fondata di quanto avvenne è faticoso. Richiede ricerca (la parola greca historiai vuol proprio dire ricerche), impegno, studio, discernimento. Molto, troppo per chi nella quotidianità ha ben altri impegni da sbrigare, ben altre esigenze concrete da soddisfare.
Ma qui si profila la grande responsabilità delle istituzioni culturali americane. Nel 2015, in tempi non sospetti, Barack Obama rilevava come pericoloso, in alcuni episodi verificatisi nelle università, il fatto che “gli studenti non vogliono leggere un libro se ha un linguaggio offensivo verso gli afroamericani o in qualche modo sminuisce le donne. Devo dirvi non sono d’accordo con questo atteggiamento”.

CANCEL CULTURE E POLITICAMENTE CORRETTO

Il politically correct, stava già imponendo la sua egemonia sul sapere e sulla trasmissione del sapere. Il fenomeno è diventato devastante nel momento in cui, radicalizzatosi nella cancel culture, si è trasformato in ideologia di massa alimentata nei social e saldatasi con situazioni di emarginazione sociale ed economica a cui ha dato sfogo. In tal modo il risentimento, talvolta assolutamente legittimo, per un presente frustrante, la necessità di una spiegazione semplice e onnicomprensiva, la comprensibile sete di giustizia e la confortante certezza di essere dalla parte del Bene hanno ampiamente contribuito ad annebbiare le facoltà intellettive.

Dividendo il mondo in gruppi compatti ci si risparmia la fatica di analizzare le differenze illudendosi di comprendere tutto. Così Colombo è assimilabile agli aristocratici schiavisti sudisti o ai conquistadores spagnoli. Poco importa se lui, per primo, auspicava la tolleranza e il reciproco rispetto, su base religiosa, tra indigeni e spagnoli. Poco importa, per fare un altro esempio ma i casi sono molto numerosi, se la Corona di Spagna e, soprattutto, la Chiesa Cattolica in più riprese condannarono lo schiavismo dei coloni del Sud America.

C’è sete di semplicità, non di approfondimento. Il guaio è che la storia, soprattutto quando è brandita come arma contundente, è sempre ostica, complessa, piena di promesse incompiute che ci chiamano e di oscurità che ci confondono. Ci si indigna, giustamente, per i colossali Buddha cannoneggiati dai talebani. Ma c’è chi voleva distruggere la statua di Churchill perché fu un colonialista britannico. Churchill fu senz’altro anche un colonialista, ma ciò non autorizza a dimenticare il ruolo da lui svolto nella sconfitta del nazifascismo. Ci autorizza a equipararlo a Goebbels?

Nell’estremismo puritano della cancel culture opera, come in qualsiasi estremismo, una corruptio optimi pessima in cui istanze, sacrosantamente legittime, si ribaltano in una prassi isterica e violenta che danneggia i gruppi che pretende di difendere. Questa esigenza di riscrivere la storia a proprio uso e consumo, questa semplificazione grottesca e barbarica del passato, questa ricerca senza sosta di un capro espiatorio, come Colombo, su cui addossare tutto il male e al contempo dare omogeneità a nuove, fantasmatiche identità collettive, non è comune anche ad altre manifestazioni di questi nostri tempi?

Non c’è un’aria di famiglia tra chi manipola la storia, facendone un enorme inganno perpetrato ai danni di un gruppo particolare visto sempre come totalità e mai composto da individui (qui la scelta è ampia e “alla carta”) e chi vede l’attualità come una diabolica macchinazione ordita, di nuovo a scelta, da neri, ebrei, massoneria, cattolici, femministe, omosessuali, vaccinatori ecc.?

REVISIONISMO E IGNORANZA

Non siamo forse davanti a una forma di complottismo rivolto all’indietro che nulla ha a che fare con quanto realmente accaduto?

Sembra infatti che cambi solo il giudizio di valore. Ma il meccanismo di costruzione di un nemico e di un’identità collettiva è lo stesso ed è sempre basato sull’odio. Se questi ultimi anni si manifestano come l’epoca del populismo complottista, la cancel culture ne potrebbe essere, in quanto contraccolpo, uno dei suoi frutti o, meglio, l’altra faccia della medaglia. Per questo, riprendendo quanto detto all’inizio, i secoli trascorsi dai faraoni non sono passati invano.

Il desiderio, sempre presente e connaturato all’essere umano, di scrivere e riscrivere la storia anche in base ai propri, magari inconsci, interessi, si coniuga oggi con fenomeni economico-sociali e politici nuovi. Ciò va al di là delle tradizionali divisioni politiche. Indubbia è l’origine di sinistra sia del politically correct sia della cancel culture, come peraltro riconosceva lo stesso Obama nel discorso succitato. Ma, insieme al populismo, attingono a un comune sentimento pre-politico e al bisogno di semplificare riducendo la complessità a formulette utilizzabili in tutte le occasioni: la storia e l’attualità sono ridotti a barzelletta, ma la frustrazione trova uno sbocco.

Si assiste al dispiegarsi in tutta la sua brutalità dell’apparentemente brillante sentenza di un filosofo ottocentesco secondo cui “non esistono fatti, ma solo interpretazioni”. Però, mutatis mutandis, abbattere le statue di Colombo ricorda, molto più semplicemente, quelle fotografie della rivoluzione russa da cui alcuni rivoluzionari erano improvvisamente spariti, cancellati. La cancel culture, espressione talmente contraddittoria da essere logicamente insostenibile (si dà cultura cancellando, secondo il proprio arbitrio, ciò che è sgradito?), approda al compito assegnato al protagonista di “1984”. Riscrivere la storia in base al motto orwelliano “l’ignoranza è forza”.

Nicola F. Pomponio

Continue Reading

Back to the past

Lanzichenecchi, tra dialetto e Rinascimento

Published

on

Lanzichenecchi e il dialetto di Roma

I Lanzichenecchi, soldati mercenari al soldo dell’imperatore Carlo V, sono conosciuti  perlopiù come saccheggiatori. Portatori di sventura, di distruzione, di malattie. 

Questo è dovuto in gran parte al Sacco di Roma del 6 maggio 1527 e al ruolo che ebbero all’interno dei “Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni.

Lo scrittore milanese, nel XXVIII capitolo della sua opera racconta del susseguirsi di francesi, spagnoli e tedeschi sul territorio dell’Italia settentrionale nel 1629. L’imperatore, alleato con gli spagnoli in guerra con i Gonzaga di Mantova, inviò in Italia un esercito composto in gran parte da mercenari, detti Lanzichenecchi, i quali, come novelli Attila, perpetrarono violenti saccheggi. Il loro passaggio lasciò il segno. Nonché la peste.

ALLE ORIGINI DEI LANZICHENECCHI

Nati nella II metà del 1400 quando l’imperatore Massimiliano I, nel 1487, ordinò il primo arruolamento delle formazioni di Lanzichenecchi in Germania, furono utilizzati per far fronte alla potenza dei mercenari svizzeri che da anni spadroneggiavano nei campi di battaglia europei.

Le compagnie di Landsknecht (Lanzichenecchi), “servi della terra”, (da land, terra, e knecht, servo), si chiamavano così perché arruolavano il personale fra gli strati più bassi della popolazione. Contadini, poveri, ladri, malfattori, soldati di professione e nullatenenti in generale.

La maggior parte di questi, infatti, arruolata nel nord Europa, era di fede luterana. Compirono numerosi atti di profanazione di luoghi sacri, complice una certa esaltazione religiosa e convinzione nel dover sovvertire l’ordine religioso. Se il loro modus operandi, il loro abbigliamento, gli eventi storici a cui parteciparono sono ben famosi, meno lo è il loro incidere sulla storia linguistica di Roma.

DIALETTO DI ROMA: DA TRISTILOQUIUM ALLA TOSCANIZZAZIONE

La Roma pre XVI secolo era una città di circa 54mila abitanti (dati del censimento Descriptio Urbis del 1526) parlanti un dialetto simile al napoletano. Una varietà linguistica meridionale. Un vero e proprio “tristiloquium”, come lo definì Dante nel “De Vulgari Eloquentia“. Gli esempi di quale fosse la lingua romanesca di quel periodo la abbiamo nella Cronica di Anonimo Romano. Un’opera giuntaci sicuramente in parte toscanizzata, ma altrettanto in grado di mostrare i tratti tipici della lingua della Roma medievale. Il testo narra le vicende storiche dell’Urbe tra il 1325 e il 1357. Si sofferma, però,  in modo particolare sulla parte riguardante Cola di Rienzo. 

Nella Cronica, punto di riferimento per la conoscenza del romanesco di I fase, sono rintracciabili fenomeni quali il dittongamento metafonetico (tempo-tiempo), il betacismo meridionale (ti voglio baciare-te vojo vasà), l’assimilazione progressiva delle consonanti “nd” a “nn” come il tipo andare-annare. Tanto per citarne alcuni dei più noti.

L’appartenenza ai dialetti meridionali andò man mano scomparendo. La presenza a Roma del Papa, e con esso di tutti quei cortigiani e funzionari provenienti dalla Toscana e in particolare da Firenze, fu fondamentale per questa smeridionalizzazione del romanesco.

Fu un processo lungo, tortuoso, quello che portò la lingua parlata (e in alcuni casi scritta) dell’Urbe ad assumere la fisionomia odierna.

Dalla lingua cortigiana dei primi due decenni del ‘500 di Mario Equicola e Trissino, per passare a quella di Peresio, Berneri, Micheli. Autori di poemi epico-cavallereschi che, però, per Giuseppe Gioacchino Belli non rispecchiavano fedelmente quello che era il parlare romano. Il poeta romanesco per eccellenza andò a scovare, per sua stessa ammissione e volontà, la lingua nei più bassi meandri della società cittadina.

Quel parlare dove invece dell’articolo “il” c’era “er” (per rotacismo della laterale “l” a differenza del toscano “el”), dove per mancanza di anafonesi sulla “e” protonica “ragazzi” si pronuncia “regazzi”. Quella stessa lingua che ha quasi 200 modi, elencati da Belli, per nominare le parti intime maschili e femminili.

Tutto questo cosa c’entra con i Lanzichenecchi?

Ci entra nel momento in cui si prende in considerazione la loro discesa a Roma nel 1527, coincidente proprio il 6 maggio. Durante il loro saccheggio la cittadinanza romana fu decimata, costretta ad andarsene, a rifugiarsi altrove. Cosicché da censimenti posteriori a quella data sappiamo che la città arrivò a contare circa 30 mila abitanti. Di cui almeno la metà sembra fossero forestieri. In pratica i parlanti il vecchio dialetto romano avevano si la maggioranza relativa ma non assoluta.

In ciò si inserisce anche il ruolo del pontefice. La sua figura divenne ancora di più un polo di attrazione per funzionari, banchieri, mercanti, poeti, letterati, filosofi, umanisti. Quasi tutti provenienti da fuori Roma. Costoro cominciarono a ripopolare Roma continuando a parlare le loro lingue. Ci fu così un distacco tra la popolazione dei ceti medio-bassi, parlanti il vecchio vernacolo romanesco, e nuovi cittadini di cultura superiore e sicuramente più abbienti. Questi ultimi molto spesso lavoravano e vivevano a stretto contatto con la corte papale e via via ebbero bisogno di una lingua comune, di comunicare quanto più facilmente possibile.

Sia tra di loro, che per la maggior parte erano toscani (o settentrionali), sia con il “popolino”. Fu così che il dialetto romano cominciò ad abbandonare i tratti tipici meridionali per avvicinarsi al toscano. Ci furono ovviamente lingue intermedie. Non fu un “meccanico disfacimento”, per citare Migliorini, ma è più probabile che ci fu un romanesco medio di raccordo tra il romanesco di prima fase e quello di seconda. 

IL SACCO DI ROMA E IL RINASCIMENTO

Se i Lanzichenecchi e il loro Sacco di Roma possono essere citati come evento fondamentale per il cambiamento della lingua della futura Capitale d’Italia, lo stesso non si può dire riguardo la fine del Rinascimento. 

Nel periodo della loro discesa in Italia, l’Urbe non era più la città maggiormente in voga della penisola. Erano altre le città più appetibili e importanti nel panorama nazionale (sebbene di Nazione ancora non si può parlare). Firenze, Milano, Ravenna, Parma. Roma era già in una fase di sofferenza, devastata da epidemie e dissidi interni tra famiglie nobiliari.

Soprattutto il Rinascimento aveva già vissuto il suo periodo più florido. I Lanzichenecchi non furono la causa della fine di questo momento storico-artistico. Semmai ne certificarono la crisi. Anche il mito di Roma, che nel periodo rinascimentale conobbe una nuova giovinezza, non terminò. Il Barocco diede linfa vitale alla vita dell’Urbe, con tutti i suoi intrighi e diplomazie. Senza dimenticare l’arte architettonica che fece faville tra i vicoli una volta calpestati dagli imperatori.

Anche la Chiesa da dopo il Sacco di Roma ebbe nuove fortune. La Controriforma sistemò le gerarchie ecclesiastiche e la dottrina e lo stesso pontefice acquisì nuovo e maggiore potere sia in città che nello Stato Pontificio.

I Lanzichenecchi, dunque, furono sì portatori di sventure. Ma il loro arrivo a Roma fu tanto importante dal lato politico quanto da quello culturale. In particolare linguistico, con tutto quello che ne conseguì. D’altronde un battito d’ali di una farfalla può scatenare un uragano dall’altra parte del mondo. In questo caso l’arrivo di truppe di distruzione di massa fu una delle cause, nei secoli a venire, di un cambiamento linguistico nella città più importante del mondo.

Continue Reading

Back to the past

Speciale Niccolò Machiavelli, etica e non morale

Published

on

Niccolò Machiavelli etica nel principe

Niccolò Machiavelli, conosciuto dai più come l’autore del “Il Principe“, compie oggi 552 anni. Nacque infatti il 3 maggio del 1469 a Firenze. Erroneamente, e probabilmente a causa di una lettura superficiale delle sue opere, si potrebbe pensare a lui come un uomo cinico, freddo, senza scrupoli.

D’altronde chi non ha letto il suo trattato politico afferma ancora che fu lui a coniare la frase “il fine giustifica i mezzi”. Beh, questa frase non compare mai tra i suoi scritti. Né tantomeno si può dedurre da altre frasi. 

L’enunciato che più vi si avvicina è “e nelle azioni di tutti li uomini, e massime de’ prinicipi, dove non è giudizio a chi reclamare, si guarda al fine. Facci adunque un principe conto di vincere e mantenere lo stato: è mezzi sempre fieno iudicati onorevoli e da ciascuno saranno laudati” (Il Principe, XVIII, 6-7). 

Machiavelli vuole ovviamente intendere altro da ciò che l’ignoranza gli ha attribuito. Non giustifica i mezzi in qualunque caso. Il principe deve agire per il bene dello Stato e del suo mantenimento.

Il ragionamento machiavellico verte intorno all’etica e fu prodotto da una mente lucidamente pessimista. Se si vuole governare a lungo una volta conquistato il potere, il principe ha due possibilità. Appoggiarsi al popolo oppure ai ricchi, ai potenti. Il vero motivo per cui bisognerebbe appoggiarsi al popolo è di natura squisitamente etica: i grandi vogliono opprimere, il popolo non essere oppresso.

MACHIAVELLI E IL SOGNO DELL’ITALIA

Il quadro storico in cui opera Niccolò Machiavelli è quello dell’Italia a cavallo tra ‘400 e ‘500, una penisola divisa dai campanilismi, che la rendevano alla mercé degli stati stranieri. Il regista Ermanno Olmi rappresentò quel momento storico nel film “Il mestiere delle armi”, in cui, raccontando la vicenda del condottiero Giovanni dalle bande nere, inserisce un richiamo al Principe. In una situazione storica mutevole e di grande tensione per la penisola, Niccolò Machiavelli, facendo fruttare le sue esperienze personali insieme allo studio, affida queste al principe. La guida politica in grado di unificare l’Italia. Colui che la condurrà alla libertà governandola con virtù e realismo.

Addirittura Hegel tentò di chiarire le intenzioni del segretario fiorentino: “Il Principe si deve leggere avendo ben presente la storia dei secoli precedenti a Machiavelli, e quella dell’Italia a lui contemporanea: allora non soltanto il Principe sarà giustificato, ma esso comparirà come una grandissima e vera concezione, nata da una mente davvero politica che pensava nel modo più grande e più nobile” (Scritti politici, Einaudi).

Machiavelli s’ispirava dunque agli antichi(in particolare Mosè, Ciro, Romolo e Teseo) e all’insegnamento della storia. Per lui gli uomini tendono a cadere negli stessi errori del passato. Solo lo studio degli eventi e della natura umana possono mettere in guardia dal ricommetterli. Evitando ciò si garantirebbe solidità allo Stato, massima espressione storica del potere sovrano e della comunità solidale.

Sempre il filosofo tedesco sosteneva, riguardo il pensiero machiavellico, che “qui non ha senso discutere sulla scelta dei mezzi, le membra cancrenose non possono essere curate con l’acqua di lavanda. Una condizione nella quale veleno ed assassinio sono diventate armi abituali non ammette interventi correttivi troppo delicati. Una vita prossima alla putrefazione può essere riorganizzata solo con la più dura energia”.

Lo stesso Machiavelli, nel Principe al capitolo 18, affermava che “Bisogna essere volpe per evitare le trappole e leone per spaventare i lupi”.

IL PENSIERO MACHIAVELLICO IN ETÀ CONTEMPORANEA

Appunto una lettura superficiale potrebbe aver fatto fraintendere, in alcuni casi demonizzare, quanto il fiorentino volle comunicare. Come ha sostenuto Viroli, in una tesi alquanto coraggiosa, “Il Principe” non è affatto un’opera di fredda teoria politica, bensì un trattato dall’alto valore attivistico. Machiavelli esorta Lorenzo il Magnifico “a pigliar la difesa di Italia e liberarla dalle mani de’ barbar”. Quello che molti hanno definito un cinico, realista, pragmatico, sognava già nel XV secolo l’Unità d’Italia. Qualcosa ancora molto lontana dalla realtà.

Come ci ricorda lo storico Federico Chabod “la prima formulazione dell’Europa come di una comunità che ha caratteri specifici anche fuori dell’ambito geografico, e caratteri puramente ‘terreni’, ‘laici’, non religiosi” fu proprio di Niccolò Machiavelli.

“Voi sapete come degli uomini eccellenti in guerra ne sono stati nominati assai in Europa, pochi in Affrica e meno in Asia. Questo nasce perché queste due ultime parti del mondo hanno avuto uno principato o due, e poche republiche; ma l’Europa solamente ha avuto qualche regno e infinite republiche. […] Il mondo è stato più virtuoso dove sono stati più Stati che abbiano favorita la virtù o per necessità o per altra umana passione”.

Queste parole espresse dal segretario fiorentino ne “Il Principe” fanno di lui uno dei cardini, uno dei pensatori di cui non si può fare a meno nella ricerca della nascita dell’idea di Europa. Chiunque si appropinqui allo studio della presa di coscienza degli europei in quanto tali non può prescindere dagli scritti machiavellici. Sia il già citato, nonché più famoso, “Il Principe“, sia “Dell’arte della guerra”.

Nonostante abbia subito, nel corso dei secoli, numerose censure e critiche, Machiavelli rimane uno dei più importanti pensatori e filosofi italiani. La sua figura compare in numerose opere moderne. Dalla serie tv “I Borgia”, interpretato da Julian Bleach, passando per “I Medici” (Vincenzo Crea), fino all’ultima produzione Rai “Leonardo” in cui il ruolo del fiorentino è recitato da Davide Iacopini.

Continue Reading

In evidenza