Connect with us

Cinema

“Rifkin’s Festival”: il cinema dentro il cinema di Woody Allen

Published

on

Woody Allen è RIfkin's Festival l'ultimo film

Dopo “Vicky Cristina Barcelona” (2008) Woody Allen torna in Spagna a girare il suo ultimo film: “Rifkin’s Festival”. Una commedia leggera che, come “Un giorno di pioggia a New York” (2019), cavalca l’onda del “poco impegnativo” ma non senza tematiche di un certo spessore.

D’altronde quanto Woody Allen sia bravo a trattare tematiche profonde e filosofiche è ben noto. Il senso della vita, la morte e il vuoto cosmico che affligge l’essere umano sono presentati in chiave leggera e divertente, cosicché all’uscita dalla sala non ci senta Baudelaire durante la stesura dello “Spleen”.

MyZona

L’ambientazione è ??? ????????́?, durante il Festival internazionale del cinema. Nella città basca si svolgono le vicende di una coppia alquanto bizzarra. Lui è Mort Rifkin (Wallace Shawn), il più classico degli alter ego di Allen: ipocondriaco, pedante e che trasforma ogni più banale conversazione in una ricerca sul senso della vita. Un acculturato ex insegnante di cinema innamorato della Nouvelle vague e del cinema europeo. Lei è Sue (Gina Gershon), agente pubblicitario incaricata di gestire le conferenze stampa di uno dei protagonisti indiscussi del festival: Philippe (Louis Garrel). L’affascinate regista francese è osannato da tutti per aver girato un film innovativo. Tutti tranne ovviamente Mort, che, semplicemente, lo reputa il solito banale regista che ha girato un film politicamente corretto per dare al pubblico ciò che vuole e si aspetta di vedere.

Da qui in “Rifkin’s Festival” viene ripercorso un po’ lo schema visto in “To Rome with love” (2012). La coppia per tutta la vacanza si separa e fa le proprie esperienze per poi ritrovarsi cambiata e con i propri scheletri nell’armadio.

Ma la caratteristica innovativa e parecchio interessante che percorre l’intera pellicola sono gli strani sogni che perseguitano il protagonista. Sogni in cui Mort si ritrova ad essere protagonista di film europee degli anni Cinquanta e Sessanta che più ama e che analizzava con tanta passione insieme ai suoi ex alunni. Si ritrova nella ricostruzione del capolavoro di Jean-Luc Godard “Fino all’ultimo respiro” (1960). In una cena sofisticata palesemente ispirata a quella de “L’angelo sterminatore” (1962) di Luis Buñuel, compresa l’impossibilità di uscire dalla porta finita la serata. Ci sono anche chiari riferimenti a “Persona” (1966) di Ingmar Bergman. Addirittura si ritroverà faccia a faccia con la morte, che in questo caso ha il volto di Christoph Waltz, durante una partita a scacchi, ad onorare il capolavoro del regista svedese Bergman “Il settimo sigillo” (1957).

RIFKIN’S FESTIVAL COME CRITICA DEL POLITICAMENTE CORRETTO

Il periodo di Allen e delle sue pellicole più impegnative in chiave dostoevskiano, come “Match Point” (2005) o “Sogni e delitti” (2007) è distante anni luce. Non sono più presenti quei personaggi così complessi che cercano di sopravvivere al castigo e ricercano un qualche tipo di redenzione. Ci sono personalità con una propria complessità e ben definiti in cerca di un senso, di un segno e di una qualche forma di sollievo in questa esistenza spesso vuota e ansiogena.

Insomma, le tematiche che da sempre gli sono care.“Rifkin’s Festival” è cinema nel cinema e Woody Allen onora le pellicole che a suo pensiero sono le portatrici della vera essenza della settima arte. L’ultima fatica del regista rappresenta una critica velata, ma sempre e comunque in chiave ironica, nei confronti del cinema contemporaneo, portatore di un esagerato ed esasperato politically correct. Che sia una sofisticata frecciata alle grandi distribuzioni americane che a quanto pare non accetteranno il suo nuovo film a causa dell’onda mediatica che ha travolto nuovamente il regista?

Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aurea onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.

Cinema

Asian Film Festival, il programma della 18° edizione a Roma

Published

on

Asian Film Festival a Roma Giappone e Cina

Giappone, Corea del Sud, Cina, Filippine, Hong Kong, Taiwan, Indonesia, Malesia, Thailandia, Vietnam e Singapore. Saranno gli 11 Paesi coinvolti nella diciottesima edizione dell’Asian Film Festival, la manifestazione organizzata da Cineforum Robert Bresson e diretta da Antonio Termenini in programma dal 17 al 23 giugno al Farnese Arthouse di Roma (piazza Campo de’ Fiori 56).

Il ricco calendario, che prevede quattro proiezioni quotidiane, comprende 28 lungometraggi e 2 cortometraggi con 5 anteprime internazionali, 6 anteprime europee e numerose anteprime italiane. Un’iniziativa che rivolge in particolare il proprio sguardo agli esordi e ai “Newcomers”, i giovani registi più promettenti.

MyZona

Provengono dal Giappone il film di apertura dell’Asian Film Festival. “Wife of a Spy” di Kiyoshi Kurosawa, già vincitore del Leone d’Argento all’ultimo festival di Venezia e altre pellicole stranianti, divertenti e pieni di contaminazioni. Come “Dancing Mary” di Sabu, “Red Post on Escher Street” di Sion Sono e il più autoriale “Under the Stars” di Tatsushi Ohmori.

Leggi anche Lollapalooza 2021 si farà: rivelata la line-up completa del festival

Tra gli eventi speciali, avrà luogo la seconda edizione del Korean Day. Una intera giornata – sabato 19 giugno – dedicata al cinema sudcoreano in cui saranno presentati 4 lungometraggi e un cortometraggio, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Coreano di Roma. Lo sguardo impertinente e autoriale dell’Hong Sang-soo di “The Woman Who Ran” si alternerà alla commedia sentimentale amara “Our Joyful Summer Days”, allo sguardo sulle tradizioni delle pescatrici dell’isola di Jeju in “Everglow”, fino al noir al femminile di “Go Back”, della regista indipendente Seo Eun-young.

Altro evento speciale, in collaborazione con l’Ambasciata del Vietnam in Italia è il Vietnam Day, che vedrà presentare il 22 giugno 4 lungometraggi in anteprima assoluta: si passa dagli straordinari successi, ancora nelle sale in Vietnam, di “Dad I’m Sorry”, commedia generazionale, e “Blood Moon Party”, nuovo inaspettato remake di “Perfetti sconosciuti”, all’affascinante “Rom” e l’horror “Home Sweet Home”. L’iniziativa porta a compimento una fruttuosa collaborazione con il Vietnam, dopo la promozione di cinema italiano a Hanoi e Ho Chi Minh City tenutasi lo scorso anno in collaborazione con l’Ambasciata italiana a Hanoi e il consolato a Ho Chi Minh City.

Dalla Cina, verranno poi presentati una serie di opere significative. Le spiazzanti e abbacinanti “The Waste Land” e “Sons of Happiness”, firmate da registi esordienti ma dallo sguardo maturo, forte e riconoscibile, e “Mosaic Portratit”, inteso ritratto di un’adolescente vittima di un abuso.

Altri temi che percorrono in filigrana il festival sono i difficili e complessi rapporti familiari sviscerati nel cinese “Grey Fish”, in “Leaving Hom e” da Singapore, nel malese “Sometime, Sometime”, in “Malu” di Edmund Yeo e nel filippino “Tangpuan”Il senso di perdita dovuto a problemi economici (“Repossession”). Lo sviluppo sostenibile e i cambiamenti climatici dell’omnibus che attraversa cinque paesi “Mekong 2030”, seguendo il corso del fiume Mekong.

Completano il programma dell’Asian Film Festival, “Genus Pan” del maestro filippino Lav Diaz e l’anteprima europea dell’hongkonghese “Stoma”, film quasi-biografico sul fotografo e regista prematuramente scomparso Julian Lee.

Continue Reading

Cinema

The Gloaming – le ore più buie: dall’Australia il nuovo thriller disponibile su Disney Plus

Published

on

Non sono presenti molti prodotti australiani nel mondo delle serie tv e del cinema. Spesso le riprese vengono effettuate in Australia e Nuova Zelanda, grazie alla bellezza dei paesaggi sconfinati e alle molteplici possibilità che questi offrono, ma le produzioni effettivamente ambientate in quei luoghi sono sempre state più uniche che rare. Basti pensare a successi come Il Signore degli Anelli e True Detective, entrambi girati in Nuova Zelanda ma collocati, nella storia, altrove.

Questo è uno dei motivi che rende The Gloaming un prodotto interessante. Una serie thriller- sovrannaturale ambientata in Tasmania, dalle parti di Hobart, dove una donna viene brutalmente assassinata. A indagare sul caso vengono chiamati due detective dal passato tormentato, che si ritrovano a fare i conti, oltre che con le difficoltà delle indagini, anche con la corruzione locale.

MyZona

Leggi anche: Benny Goodman: ricordando “The King of Swing”

Ad indagare è la poliziotta poco ortodossa e problematica Molly McGee (Emma Booth), insieme all’ex marito e collega Alex O’Connell (Ewan Leslie). I due non si parlano da più di vent’anni, ma ora sono disposti a collaborare per scoprire la verità sull’efferato delitto, che sembra essere collegato ad altri omicidi irrisolti del passato, accomunati dalla corruzione politica e dalla presenza di pratiche occulte.

The Gloaming si sviluppa su una struttura crime piuttosto convenzionale, dove troviamo una coppia di detective che inizialmente si detestano ma pian piano legano sempre di più, c’è un delitto iniziale che scuote una piccola cittadina e rivela segreti inconfessabili e c’è un vecchio trauma, legato ai casi irrisolti del passato, che fa da collante per tutti i protagonisti. Uno schema classico che viene però reso unico dalle atmosfere cupe, che generano una forte suspance, e dalla componente sovrannaturale creata da delle presenze mute, che vivono nell’ombra e possono essere percepite solo da alcuni abitanti del luogo.

Leggi anche: Il Signore degli Anelli: annunciato il ritorno al cinema

La serie, creata da Victoria Madden e prodotta da Sweet Potato Film per Stan, che ne ha rilasciato tutti gli episodi il 1° gennaio 2020, è stata trasmessa da Starz negli Stati Unti ed è distribuita a livello internazionale da Disney plus, dove appare nella sezione dedicata agli adulti del catalogo Star.

Nel cast della serie troviamo, oltre ai già citati Emma Booth, vista in C’era una volta e Alex O’Connell (Top of the Lake), Martin Henderson, il Dottor Rigs di Grey’s Anatomy e Jack di Virgin River, nel ruolo di Gareth McAvaney. Al suo fianco Aaron Pedersen (Mistery road) nei panni dell’ispettore Lewis Grimsham, Rena Owen (The Orville) nella parte di Grace Cochrane, Josephine Blazer (True History of Kelley Gang) che interpreta Lily Broomhall e Matt Testro (Nowhere Boys) nel ruolo di Freddy Hopkins.

Al momento sembra si stia discutendo della possibilità di una seconda stagione, fortemente voluta dal governo della Tasmania, che si è reso disponibile a finanziare lo sviluppo della sceneggiatura di un potenziale seguito. Per ora non risulta nulla di ufficiale, ma gli autori sono al lavoro su nuove storie, sempre in collaborazione con l’emittente Stan.

Leggi anche: Lupin, la seconda stagione della serie Netflix delude le attese

La prima stagione di The Gloaming è composta da 8 episodi, disponibili a partire dall’11 giugno nel catalogo Star di Disney Plus, che saranno rilasciati con cadenza settimanale tutti i venerdì.

Continue Reading

Cinema

Lavoro, vessazioni e traumi: con “The Morning Show” torna il duo Aniston – Witherspoon

Published

on

Apple TV+ ha rilasciato le prime immagini dell’attesissima seconda stagione della serie vincitrice di Emmy, SAG e Critics Choice, The Morning Show, con Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, che sono anche produttrici esecutive dello show. La serie, che svela le dinamiche di potere sul posto di lavoro del network televisivo UBA, farà il suo ritorno venerdì 17 settembre su Apple TV+.


Nella seconda stagione di 10 episodi – che sarà presentata con il primo episodio, seguito da un nuovo episodio settimanale, ogni venerdì – il team del Morning Show riemerge dalle macerie delle azioni di Alex (Jennifer Aniston) e Bradley (Reese Witherspoon), con una UBA rinnovata e un mondo in mutamento, dove l’identità è tutto e dove entra in gioco la differenza tra come ci presentiamo e chi siamo veramente. Insieme a Jennifer Aniston e Reese Witherspoon, nel cast troviamo Steve Carell, Billy Crudup, Mark Duplass, Nestor Carbonell, Karen Pittman, Bel Powley, Desean Terry, Janina Gavankar, Tom Irwin e Marcia Gay Harden.

MyZona

Ad unirsi a loro nella seconda stagione ci sono anche Greta Lee nei panni di “Stella Bak”, un prodigio del mondo tecnologico che si è unito al team di UBA. Ruairi O’Connor nei panni di “Ty Fitzgerald”, una star di YouTube intelligente e carismatica. Hasan Minhaj che interpreta ‘Eric Nomani’, un nuovo membro del team del Morning Show. il vincitore dell’Emmy Award Holland Taylor nei panni di “Cybil Richards”, l’esperta presidente del consiglio di amministrazione dell’UBA. Tara Karsian come ‘Gayle Berman’, una produttrice. Valeria Golino nel ruolo di ‘Paola Lambruschini’, regista di documentari. e la vincitrice dell’Emmy e del SAG Award Julianna Margulies nei panni di “Laura Peterson”, una nuova presentatrice di UBA.

Da un’idea di Kerry Ehrin, che è anche showrunner e produttore esecutivo, “The Morning Show” è prodotto da Michael Ellenberg con Media Res, insieme a Jennifer Aniston e Kristin Hahn, per conto di Echo Films, Reese Witherspoon e Lauren Neustadter, con Hello Sunshine, e Mimi Leder, che dirige anche diversi episodi.

Leggi anche: ““La trattoria del cardinale”: brevi storie sul rapporto tra corpo e spirito a tavola

Continue Reading

In evidenza