Riccardo Muti non ci sta: “chiusura teatri comporta impoverimento mente e corpo”

Cinema e teatri chiudono e sono sospese le attività inerenti al mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento culturale. Questo emerge nel nuovo DPCM firmato dal presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte. Una decisione che ha scatenato reazioni dure, prese di posizioni forti, poiché giudicata come eccessiva e come un probabile colpo di grazia a un settore che da febbraio vive una crisi fortissima, parzialmente controbilanciata da un’estate che ha rialzato umori e, soprattutto, incassi, tra gli addetti ai lavori

Leggi anche: Conte firma il nuovo Dpcm: chiusi teatri e cinema. È un lockdown mascherato

Chiudere le sale da concerto e i teatri è decisione grave. L’impoverimento della mente e dello spirito è pericoloso e nuoce anche alla salute del corpo”, queste le parole riportate all’interno di una lettera aperta inviata al Corriere della Sera dal noto direttore d’orchestra Riccardo Muti. Un appello accorato, come lui stesso sottolinea nel testo.

MyZona

Leggi anche: Franceschini: “Dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute”

Leggi anche: Ascanio Celestini: “Due paesi vivono uno accanto all’altro. Uno civile e rispettoso, l’altro menefreghista e arrogante”

Di seguito, la lettera inviata al Corriere della Sera dal Maestro Riccardo Muti

Egregio presidente Conte,

pur comprendendo la sua difficile responsabilità in questo lungo e tragico periodo per il nostro Paese, con la necessità improrogabile di salvaguardare la salute, bene supremo, dei nostri concittadini, sento il bisogno di rivolgerLe un appello accorato.

Chiudere le sale da concerto e i teatri è decisione grave. L’impoverimento della mente e dello spirito è pericoloso e nuoce anche alla salute del corpo. Definire, come ho ascoltato da alcuni rappresentanti del governo, come «superflua» l’attività teatrale e musicale è espressione di ignoranza, incultura e mancanza di sensibilità.

Tale decisione non tiene in considerazione i sacrifici, le sofferenze e le responsabilità di fronte alla società civile di migliaia di Artisti e Lavoratori di tutti i vari settori dello spettacolo, che certamente oggi si sentono offesi nella loro dignità professionale e pieni di apprensione per il futuro della loro vita.

Le chiedo, sicuro di interpretare il pensiero non solo degli Artisti ma anche di gran parte del pubblico, di ridare vita alle attività teatrali e musicali per quel bisogno di cibo spirituale senza il quale la società si abbrutisce.

I teatri sono governati da persone consapevoli delle norme anti Covid e le misure di sicurezza indicate e raccomandate sono state sempre rispettate. Spero che lei possa accogliere questo appello, mentre, fiducioso, la saluto con viva cordialità.

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli