Franceschini: “Dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute”

Il ministro delle attività culturali, Dario Franceschini, nell'aula del Senato durante il question time, Roma 30 luglio 2020. ANSA/FABIO FRUSTACI

 “Un dolore la chiusura di teatri e cinema. Ma oggi la priorità assoluta è tutelare la vita e la salute di tutti, con ogni misura possibile. Lavoreremo perché la chiusura sia più breve possibile e come e più dei mesi passati sosterremo le imprese e i lavoratori della cultura”. Così su Twitter il ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.

Agis: cinema e teatri sicuri, stop scelta devastante 

“Esprimiamo la nostra contrarietà, insieme a larghissima parte dell’opinione pubblica, rispetto alla ipotesi prevista nel Dpcm in merito alla sospensione delle attività dei teatri, dei cinema e dei luoghi di spettacolo“.

Lo sottolinea il presidente dell’Agis, Carlo Fontana, in una lettera al premier Giuseppe Conte e al ministro Dario Franceschini. Fontana precisa che “i luoghi di spettacolo si sono rivelati tra i più sicuri spazi di aggregazione sociale”.

“Una nuova chiusura delle attività del settore – aggiunge -comporterebbe un colpo difficilmente superabile ed una drammatica ricaduta sulle decine di migliaia di lavoratori ed artisti, già al limite del sostentamento a causa del crollo del reddito. Si tratterebbe di una scelta devastante per l’intero Paese”.

Articolo precedenteTeatri e cinema, un grido nel silenzio: l’appello disperato degli addetti ai lavori
Articolo successivoConte firma il nuovo Dpcm: chiusi teatri e cinema. È un lockdown mascherato
Giornalista e docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e la testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale, il Centro. In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz”, l’anno successivo "Lithium 48", entrambi per "Aurora edizioni".