Connect with us

Cinema

Quelle favolose colonne sonore: gli anni ‘10

Published

on

Eccoci all’ultima tappa del lungo viaggio che, attraverso il susseguirsi degli anni, ci ha guidati nell’incredibile mondo delle colonne sonore che hanno fatto la storia del Cinema. Insieme, abbiamo attraversato gloriose decadi che hanno davvero messo in campo dei pezzi memorabili. Colonne sonore e canzoni che rimarranno per sempre nel firmamento del Cinema e che, non di rado, hanno raggiunto vette altissime di perfezione musicale.

Per opinione personale, gli anni che vanno dal 2010 al 2019 sono caratterizzati da una sorta di “impoverimento” rispetto alle decadi precedenti, sia a livello cinematografico che musicale. A ben cercare, però, si riesce ugualmente a trovare qualche pezzo che valga la pena ricordare. Parliamo di album che accompagnano film come Hugo Cabret e Vita di Pi, fino a capolavori del calibro di Whiplash e Birdman, passando per Il grande Gatsby e The social network.

MyZona

Le generazioni più giovani ricorderanno sicuramente A Thousand Years di Christina Perri che ha chiuso la saga evento di Twilight e Ellie Goulding che, con Love Me Like You Do accompagnavano le avventure di Anastasia Steele e Christian Grey nella trasposizione di 50 sfumature di grigio. Son gusti… Ma è innegabile che abbiano avuto una notevole importanza nella decade appena conclusa. Volete un consiglio? Date un ascolto alle colonne sonore de La forma dell’acqua e, soprattutto, a quella di Django Unchained

“OUTRO” by M83 (Cloud Atlas, 2012)

Alcuni l’hanno odiato, altri adorato. Di certo parliamo di uno dei film indipendenti più costosi di sempre e che ha riscosso un incredibile successo di critica. La colonna sonora è composta da Tom Tykwer, uno dei tre registi, mentre il brano più importante dell’album è firmato dagli M83. Ed è anche il più famoso del gruppo.

“FLIGHT” by Hanz Simmer (L’uomo d’acciaio, 2013)

L’impresa era di quelle impossibili: far dimenticare il motivo più supereroistico che esista, cioè quello scritto nel 1978 da John Williams. A difendere Superman dalla Kryptonite arriva Hans Zimmer, in una delle scene più belle del film.

“L’ULTIMA DILIGENZA” by Ennio Morricone (The Hateful Eights, 2015)

La colonna sonora è composta e diretta da Ennio Morricone che, dopo una lunghissima carriera ai massimi livelli, conquista il suo primo Oscar nel 2016, se non consideriamo quello alla carriera ottenuto nel 2007. E Quentin Tarantino gongola…

“BOOGIE WONDERLAND” by Earth, Wind & Fire (Quasi amici, 2011)

Una pellicola di rara delicatezza che sale rapidamente in cima alle classifiche dei film francesi più visti di sempre. La colonna sonora è una miscellanea di artisti famosi tra cui Ludovico Einaudi, Geroge Benson e Nina Simone, ma la scena del ballo ha le travolgenti sonorità degli EWF.

“SKYFALL” by Adele (Skyfall, 2012)

Uno dei migliori film, se non il migliore, dell’intera saga su James Bond, meritava una colonna sonora altrettanto potente. E il singolo di Adele, vincitore del premio Oscar come miglior canzone e di un Golden Globe, è probabilmente uno dei temi che meglio si sposano con le atmosfere dell’agente segreto più famoso di Sua Maestà.

“THE LAST GOODBYE” by Billy Boyd (La battaglia delle cinque armate, 2014)

Dallo scontro con la “trilogia regina”, quella de Lo Hobbit ne esce inevitabilmente sconfitta. La colonna sonora su cui viaggiano i protagonisti, però, rimane di assoluto livello. Il brano di chiusura del terzo film è interpretata da Billy Boyd, il Peregrino Tuc de Il Signore Degli Anelli.

“LET IT GO” by Idina Menzel (Frozen – Il regno di ghiaccio, 2013)

Anche in questo decennio la Disney ci mette lo zampino e realizza uno dei film d’animazione più vincenti di tutti i tempi. La colonna sonora viene tradotta in ben 25 lingue diverse e la versione originale del brano più celebre del disco, vincitore del premio Oscar come miglior canzone, è cantata da Idina Menzel. Quella in lingua italiana, invece, è interpretata da Serena Autieri.

“I WANT YOU BACK” by Jackson 5 (I Guardiani della Galassia, 2014)

Appena uscita, la colonna sonora del film si piazza al primo posto della Billboard 200. L’album è un mix di canzoni anni ’70 e ’80 recuperate dal walkman di Peter Quill ed è la voce di un giovane Michael Jackson a primeggiare sulle altre. C’è solo una cosa da fare: ascoltarla.

“ROCK AND ROLL PART 2” by Gary Glitter (Joker, 2019)

La colonna sonora vince l’Oscar nel 2020 e il brano che scegliamo oggi, compare già in quella di Full Monty, anch’essa vincitrice dell’Oscar nel 1998. Godetevela.

“BLUE MONDAY” by New Order (Atomica Bionda, 2017)

I New Order ci portano indietro negli anni con questa traccia contenuta nella colonna sonora di Atomica Bionda. Tutto l’album è un’ode agli anni ’80, con un mix dei più grandi successi di quel periodo. Il fascino e la bravura di Charlize Teron fanno il resto.

Ha visto cose che voi umani non potreste immaginarvi, francamente se ne infischia e la sera non va a letto presto. Pensa in fretta quindi parla in fretta, dal Daily Planet a The Walk of Fame, per un’offerta che non poteva rifiutare e la vita è una questione di riflessi. Ogni tanto dà la cera e toglie la cera ma nessuno può chiamarlo fifone. È un bravo ragazzo, beve Martini agitato, non mescolato e la vanità è decisamente il suo peccato preferito.

Cinema

Flag Day: il rapporto padre-figlia nella lente di Penn e nella musica di Vedder

Published

on

Flag Day

C’è attesa anche tra i fan dei Pearl Jam per la nuova importante collaborazione tra Eddie Vedder e Sean Penn. Per la seconda volta in carriera (indimenticabili le canzoni di Into the Wild) il frontman della band di Seattle firma da solista la colonna sonora di Flag Day.

L’album con la colonna sonora del film sarà disponibile dal 20 agosto, lo stesso giorno di uscita del film nelle sale. Tra le canzoni anche dei brani che vedono la collaborazione di Glen Hansard, cantautore irlandese spesso in tour insieme a Vedder. Novità è anche il debutto di Olivia Vedder, la figlia dello stesso cantante dei Pearl Jam, in un brano ripreso anche dai trailer ufficiali.

MyZona

Anche il film mette in scena un rapporto tra padre e figlia, ma la situazione è ben particolare: “Il padre di Jennifer Vogel, John, era entusiasta della vita”, si legge nella sinossi ufficaile. “Da bambina, Jennifer si meravigliava della sua magnetica energia e della sua capacità di far sembrare la vita una grande avventura. Le ha insegnato così tanto sull’amore e sulla gioia, ma in realtà è anche stato il più famigerato falsario nella storia degli Stati Uniti”.

Tra gli aottori Josh Brolin, Norbert Leo Butz, Dale Dickey, Eddie Marsan, Bailey Noble, Hopper Jack Penn, Katheryn Winnick oltre a Sean e Dylan Penn che interpretano i ruoli di padre e figlia da protagonisti.

A proposito di Pearl Jam, non è così sicura la loro performance al sessantesimo compleanno di Barack Obama nel weekend. Inizialmente era stato annunciato uno show “privato” della band per 475 fortunati ospiti dell’ex presidente, a Martha’s Vineyard nel Massachusetts. Ragioni di sicurezza, legate ai nuovi protocolli per contrastare la variante Delta, avrebbero spinto gli organizzatori a rinunciare alla performance.

Continue Reading

Cinema

“Matt Damon offende la mia reputazione”, l’accusa di Amanda Knox sul film prossimo all’uscita

Published

on

Amanda Knox matt damon tom mccarthy

Amanda Knox torna a far parlare di sé. Questa volta per una diatriba contro Matt Damon.

L’attore hollywoodiano e il regista Tom McCarthy con il film “La ragazza di Stillwater” avrebbero, secondo la 34enne, sfruttato la sua storia.

MyZona

La pellicola è stata presentata fuori concorso al Festival di Cannes dove ha ricevuto una standing ovation di cinque minuti. Uscirà nelle sale italiane in autunno, il 9 settembre.

«Il mio nome non mi appartiene? La mia faccia? La mia storia? Torno su queste domande perché altri continuano a trarre profitto dal mio nome, viso e storia senza il mio consenso». Questo è quanto Amanda Knox ha scritto su Twitter.

Il regista aveva affermato di aver preso ispirazione dalla vicenda che coinvolse l’ex studentessa americana di stanza a Perugia, accusata insieme a Raffaele Sollecito dell’omicidio di Meredith Kercher. L’assassinio consumatosi nel capoluogo umbro nel novembre del 2007 costò all’allora ventenne di Seattle alcuni anni di carcere in Italia fino ad arrivare all’assoluzione definitiva dalla Corte di Cassazione nel 2015.

Nonostante ciò il film si discosterebbe in molti punti dalla storia reale.

Leggi anche Gus Van Sant: la metafora del male banale e il potere del realismo in “Elephant”

Né McCarthy né Damon avrebbero contattato la Knox nella scrittura del film che rovinerebbe la sua reputazione distorcendo la realtà dei fatti. Il film, a detta della donna, la farebbe apparire sotto una luce negativa. Secondo lei infatti «trasformando in finzione la mia innocenza, la mia totale mancanza di coinvolgimento, cancellando il ruolo delle autorità nella mia condanna ingiusta McCarthy consolida l’immagine di me come persona colpevole e inaffidabile».

Tra il film e la vicenda perugina ci sono molti punti in comune. Molte le incomprensioni linguistiche, culturali, legali. Come Amanda Knox anche la protagonista Allison, interpretata da Abigail Breslin, sconterà alcuni anni di carcere lontano da casa, mentre Matt Damon (Bill Baker), punta di diamante del cast, andrà a Marsiglia per aiutarla.

Le somiglianze sono dunque molte. La storia di quella notte umbra di 14 anni fa ancora continua a far parlare. E l’oblio e anonimato che ricerca la statunitense non è ancora qualcosa semplice da raggiungere.

Continue Reading

Cinema

La Famiglia Addams 2: guarda il trailer del cartone (video)

Published

on

La famiglia più spaventosa di tutti i tempi torna al cinema nel sequel d’animazione, La Famiglia Addams 2. In questo nuovo capitolo, troviamo Morticia e Gomez sconvolti dal fatto che i loro figli stanno crescendo, rinunciando persino alle cene di famiglia per dedicarsi ai loro passatempi mostruosi. Per recuperare il rapporto con i figli, decidono di partire con Mercoledì, Pugsley, Zio Fester e il resto della famiglia con l’orribile camper stregato per avventurarsi in una terrificante vacanza di famiglia. Il loro viaggio attraverso l’America li condurrà fuori dal loro mondo coinvolgendoli in esilaranti avventure, insieme all’iconico cugino IT e a nuovi eccentrici personaggi. Cosa potrebbe mai andare storto?

Leggi anche: Tutte le nuove uscite di agosto sulle principali piattaforme streaming

MyZona

Leggi anche: “Sibyl – Labirinti di donna”: dal 2 settembre al cinema

CAST:

MORTICIA – Virginia Raffaele

GOMEZ – Pino Insegno

MERCOLEDÌ- Eleonora Gaggero

PUGSLEY – Luciano Spinelli

NONNA ADDAMS- Loredana Bertè

DIRETTO DA:

Greg Tiernan e Conrad Vernon

Continue Reading

In evidenza