Quarant’anni senza Gianni Rodari, la sua grammatica della fantasia resta attuale

Il 14 aprile 1980 si spegneva a Roma uno dei più grandi autori specializzati in scritture per l’infanzia. Unico italiano a vincere il premio Hans Christian Andersen (nel 1970), rimane fra i maggiori interpreti del tema “fantastico”.

“La creatività è insita nella natura umana ed è quindi alla portata di tutti. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo”.

MyZona

Così scriveva lo scrittore piemontese nel suo libro “La grammatica della fantasia”. Le sue favole giocose, ma nello stesso tempo contemporanee, sono lo spunto per cercare l’adulto nel bambino, stimolando allo stesso tempo il bambino nell’adulto. Di recente, abbiamo intervistato Max Paiella che porta le sue parole in giro per l’Italia.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli