Postventenni, nuovo arrangiamento senza tempo targato Lara

Dopo il singolo Alle Tre Di Notte, uscito in anteprima su Billboard Italia, con Postventenni, il duo marchigiano Lara prosegue il viaggio tra melodie e arrangiamenti senza tempo, cominciato nel 2019 con Panna Spray, trasmesso anche su Radio Deejay da Fiorello, e Baggio, presentato in anteprima dalla Gazzetta dello Sport. Dopo la scorsa estate, che li ha visti condividere il palco con artisti come Ex-Otago, Dardust, Dutch Nazari, Clavdio, Rovere, Frankie Hi-Nrg, Lvca, i Lara sono entrati in studio per lavorare al loro debutto discografico Postventenni, in arrivo nell’autunno 2020 per Nufabric Records/Artist First.

Il singolo Postventenni è un vero manifesto generazionale, per tutti quelli che cercano il proprio futuro lontano da stereotipi e aspettative (“i postventenni dopo l’università, i postventenni con il cuore in chimica, i postventenni con i soldi di papà […] chi si adatterà, chi si brucerà e chi ce la farà, chi si stancherà d’inseguire la normalità”). Il brano, come il disco in arrivo, è caratterizzato da una cura millimetrica per la melodia, da ritmiche trascinanti ed esplosive, da un testo nudo e sincero, da un’impronta artistica generale che riflette la voglia di reagire in tanti modi diversi ad una vita che spesso ci prende a sberle.

MyZona

Un suono compatto e deciso (strumenti suonati in faccia e sognanti insieme, tra il pop anni ’80 e i Beatles, tra gli U2 e i Lunapop, tra Alan Sorrenti e i Coldplay). Sonorità e arrangiamenti senza tempo per raccontare storie rivolte a tutti quelli che non hanno certezze, ma solo visioni in itinere.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli