Pearl Jam, quel flusso costante che dal Pinkpop Festival attraversa l’Europa

Even Flow, quel “flusso costante” che riparte dal Pinkpop Festival nei Paesi Bassi per attraversare un po’ tutta l’Europa. Dopo il segmento di tour americano, chiuso in anticipo a causa delle puntuali (quanto di dubbia utilità) restrizioni anti-covid – che continuano a fermare musicisti asintomatici in giro per il mondo – i Pearl Jam si rimettono in strada per questo nuovo tour continentale che sabato prossimo raggiungerà anche Imola, per un concerto all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari.

Numeri ufficiali sul numero di tagliandi venduti ancora non ce ne sono, ma dalle parti dell’Autodromo si aspettano circa 55mila presenze. I biglietti per il concerto sono ancora in vendita, ma restano disponibili solo i posti più lontani dal palco. Gli ambiti pit gold, quelli appunto più vicini alla maxi-piattaforma in fondo al paddock, risultano esauriti ormai da tempo. A meno di non incappare, magari online, in qualcuno che dopo aver comprato in epoca pre-pandemia uno dei preziosi tagliandi nelle prime file ora per vari motivi (dall’amico che si sposa alla positività al Covid) cerca di rivenderlo a prezzo di costo. Vasco Rossi, lo scorso 28 maggio ha radunato 86mila persone.

Intantoieri, buona la prima con una scaletta che ha lasciato spazio a diversi pezzi i divenuti ormai colonne portanti delle scalette nel corso degli anni. Palriamo di Why Go, Low Light, Wisklist Lukin, Small Town, Corduroy – una delle più suonate dal vivo. Ma anche Given to Fly, Daughter, Jeremy, Porch. Sul finale anche la cover di Confortably Numb, il cui assolo mette alla prova ogni volta Mike McCready e Alive. Spazio anche ai brani dell’ultimo album, Gigaton, tra cui Dance of the Clairvoyants, Superblood Wolfmoon, Quick Escape.

Il parterre del Pinkpop è anche luogo di ricordi di set memorabili per Eddie Vedder e compagni. Chi non ricorda i mitici stage diving di 30 anni fa? Anche allora la prima in scaletta era Even Flow (e la seconda Why Go).

Queste le date del tour europeo

18/06 Landgraaf, Olanda – Pinkpop Festival
21/06 Berlino, Germania – Waldbuhne
23/06/ Zurigo, Svizzera – Hallenstadion
25/06 Imola, Italia – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari
28/06 Francoforte, Germania – Festhalle
30/06 Werchter, Belgio – Rock Werchter Festival
03/07 Stoccolma, Svezia – Lollapalooza
05/07 Copenhagen, Danimarca – Royal Arena
08/07 Londra, UK – Hyde Park, BST Festival
09/07 Londra, UK – Hyde Park, BST Festival
12/07 Budapest, Ungheria – Budapest Arena
14/07 Cracovia, Polonia – Tauron Arena
17/07 Parigi, Francia – Lollapalooza
20/07/2022 Vienna, Austria – Wiener Stadthalle
22/07/2022 Praga, Repubblica Ceca – O2 Arena
24/07 Amsterdam, Olanda – Ziggo Dome
25/07 Amsterdam, Olanda – Ziggo Dome

Articolo precedentePaolo Rossi, in arrivo al cinema il documentario
Articolo successivoPhill Reynolds e il suo viaggio introspettivo on the road. Scopiamo il nuovo album “A Ride”
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.