“Nessuno deve annullarsi, tutti hanno diritto ad una nuova possibilità”, l’intervista ai WhiteShark

WhiteShark, band milanese composta da Daniele Scavetta, in arte Scave, e Simone Filipazzi, in arte Simoroy. Dopo il singolo “Stavolta no“, in cui i due artisti hanno affrontato il tema della rivalsa personale, dallo scorso 5 novembre è disponibile il loro nuovo brano “Non risponderò“.

Leggi anche: “Flares on Film: il nuovo disco non gira su Spotify”

Quest’ultimo va a parlare al pubblico di quei rapporti malati e velenosi, molto spesso difficili e dolorosi da chiudere. In occasione della recente uscita di “Non risponderò“, abbiamo avuto il piacere di intervistare i WhiteShark, facendoci raccontare cosa si cela dietro alle forti parole che compongono quest’ultimo lavoro.

MyZona
L’INTERVISTA

Parliamo del nuovo singolo Non risponderò, un forte messaggio sul riprendere possesso di una dignità a volte messa da parte per tentare di salvare una storia d’amore malsana. Da dove nasce questa idea? Quanto c’è di personale?

C’è tantissimo di personale in Non Risponderò. La canzone è frutto delle nostre esperienze personali, di ciò che abbiamo vissuto e più che un’idea è stata proprio un’esigenza, dovevamo esternare le nostre sensazioni, tirare fuori quello che avevamo vissuto per poi andare avanti con lucidità nel nostro percorso artistico e nella nostra vita.

Qual è il messaggio che vorreste arrivasse al pubblico che ascolta le vostre parole?

Che con un po’ di coraggio si può sempre dire basta! Anche a costo di soffrire, perché ovviamente bisogna metterlo in conto. Nessuno deve annullarsi e tutti hanno diritto di darsi una nuova possibilità, c’è un mondo da scoprire là fuori.

Si percepisce un forte senso di rivalsa nei vostri testi. Ce ne potete parlare?

Diciamo che è il motivo per cui facciamo musica. Abbiamo alle spalle delle situazioni un po’ particolari, difficili. Entrambi abbiamo vissuto da vicino esperienze veramente ingiuste, ma tutto ciò ci spinge ogni giorno a cercare di fare sempre meglio. Più qualcuno non crede in noi e più noi siamo testardi… e i risultati pian piano stanno arrivando e ci stanno dando ragione.

Quali sono i prossimi progetti? State già lavorando a qualcosa di nuovo?

Abbiamo almeno altre 3 tracce fino a marzo, con molto altro in cantiere e l’idea di un album all’orizzonte. Ma prima vediamo cosa succede nell’ arco di questo periodo.

Da leggere anche

Malaika Sanguanini
Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aura onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli