Connect with us

Interviste

Management: “In Sumo raccontiamo cosa siamo diventati. Sanremo? Speriamo di non averne mai bisogno”

A tu per tu con il Management, band hard – pop italiana in tour per presentare il quinto album “Sumo”

Antonella Valente

Published

on

Sono arrivati a Napoli, la culla della musica italiana, per realizzare il loro ultimo album Sumo. All’interno dell’Auditorium Novecento – ex Phonotype – studio storico del centro di Napoli, che negli anni ’60 respirava la stessa ambizione dell’Abbey Road di Londra, il Management – band composta da Luca Romagnoli e Marco Di Nardo ( in passato conosciuti come il Management del Dolore Post – Operatorio) – ha dato alla luce il quinto album frutto di una maturità e di una presa di coscienza che può essere raggiunta solo dopo anni di live e di esperienza.

Il 7 febbraio scorso ha preso il via il tour di presentazione del disco (qui tutte le date) ma prima della partenza la band ha rilasciato la versione cover di Un giorno dopo l’altro di Luigi Tenco, un omaggio sincero a un brano speciale realizzato insieme a Nicola Ceroli, ex batterista della band che sarà ospite fisso del tour.

MyZona

Sumo è il vostro ultimo album, da dove nasce questo titolo?
In verità Sumo è anche la title track dell’album. Nel ritornello c’è la figura del lottatore di sumo che rappresenta il tempo, quello pesante che ci viene incontro e contro cui dobbiamo combattere tutti i giorni. Questo è un disco intimo e malinconico, pieno di passato, di ricordi e di assenze. Dato che è il tempo a creare i ricordi abbiamo pensato che fosse la figura che potesse rappresentare al meglio tutto l’album e tutti gli altri brani, perchè contiene un concetto che racchiude anche tutto il resto del disco.

Come viene alla luce questo nuovo album?
Ci siamo fermati con l’ultimo concerto due anni fa e da lì abbiamo deciso di ragionare bene prima di scrivere un altro album. Dal 2012, nostro debutto, abbiamo sfornato dischi e tour in continuazione, senza arrestarci mai. Questa volta volevamo fermarci a ragionare e riflettere, guardarci dentro. Così abbiamo anche capito che siamo cambiati e ci siamo ritrovati a scrivere canzoni diverse, più intime, malinconiche e nostalgiche. Ci siamo resi conto che avevamo nelle mani un disco particolare. Da lì anche la scelta di accorciare il nome. Dopo vari passaggi, quella parte di nome che rappresentava tutte quelle schizzonfrenie, il nostro lato pazzo, quello che i fan si aspettavano a tutti costi e che davano per scontato accadesse nei concerti, è pian piano scemata. Volevamo parlare attraverso le canzoni e non attraverso gesti eclatanti che, come abbiamo avuto modo di vedere nell’ultimo Sanremo, vanno fin troppo di moda soprattutto per far parlare i social. Noi siamo anti moda, a volte l’abbiamo preceduta, a volte inventata, ma, diventata di pubblico dominio, ci siamo sempre tirati fuori, non ci piacciono le chiacchiere, bisogna parlare di arte.

Siete riusciti a far raccontare voi stessi?
Crediamo di sì! La sicurezza ce l’abbiamo perchè tutti i fan, anche quelli vecchi, hanno apprezzato molto. Di solito dischi simili, che contengono al loro interno dei cambiamenti così radicali, sono difficilmente approvati al primo impatto. Nell’album ci sono pensieri sinceri, c’è un vissuto autobiografico, che fa talmente male a noi che lo cantiamo che sarebbe impossibile non crederci o pensare che sia frutto delle convenzioni o dell’idea di dover scrivere per forza canzoni tristi o malinconiche perchè “va di moda”. E’ un disco anche pericoloso, dove ci spogliamo molto a livello emotivo, forse troppo. Quando ricordi ed emozioni vengono raccontati in maniera sincera e viscerale, come facciamo, nessuno può avere il coraggio di non credere o di pensare che sia tutta un’invenzione.

Un vostro singolo, all’interno di Sumo, si chiama Sessossesso, una canzone collettiva che avete scritto insieme ai fan sui social. Come l’avete realizzata?
Stavamo lavorando con delle ragazze che ci spingevano ad usare maggiormente i social, soprattutto per lavoro, perchè non abbiamo un bel rapporto con i social e tutto quello che li riguarda. Dato però che ci piace fare musica e scrivere canzoni, ci siamo detti “perchè non scriverne una insieme ai fan?” E così abbiamo iniziato, tramite sondaggi, a carpire le diverse potenziali tematiche. Si è votato democraticamente e vi erano temi anche abbastanza seri che abbiamo preferito scartare, essendo anche la nostra prima volta. Alla fine abbiamo scelto come argomento “il sesso”, che è stato affrontato scherzosamente, finchè ognuno ha iniziato a mandarci delle proprie idee, delle frasi, si è creata quasi una supermega analisi collettiva tanto che molti ci hanno raccontato storie private grazie alle quali abbiamo avuto anche un assaggio della sessualità contemporanea dei giovani di oggi.

Come avete vissuto l’esperienza della registrazione di Sumo all’Auditorium Novecento di Napoli?
E’ stato bello. Ci hanno raccontato di tutta la gente che è passata di lì solo dopo una settimana (ridono ndr). Presa confidenza, abbiamo scoperto le storie di quello studio, dove era passato Totò, Murolo, De Filippo. Ci siamo emozionati molto e abbiamo riniziato da capo. Sapere che in quel momento stai registrando e lavorando in un posto dove ci sono stati dei mostri dell’arte e della musica ha cambiato il nostro modo di lavorare. Con tutta un’altra emotività abbiamo ricominciato dall’inizio ed è stato veramente bello perchè è come se ti fosse arrivato il testimone da un’altra era che dovevamo custodire. E tutto questo ha influito molto anche sulle scelte del disco.

Dal vostro esordio, in che modo siete cresciuti in questi anni?
Luca: A parte essere più vecchi, io e Marco usiamo sempre lo stesso metodo per scrivere canzoni e comporre musica. Marco è concentrato sulla musica, sulle produzioni, sui suoni e sugli arrangiamenti. Sul testo e sul cantato lavoro io. Alla fine ci scambiamo consigli, opinioni e idee. Di base, però, nel processo creativo iniziale, ognuno fa la sua parte per conto proprio e questa è una modalità inconsueta ma abbiamo fatto sempre così. Siamo però cresciuti nel modo di affrontare le tematiche delle canzoni, abbiamo maggiori consapevolezze personali.

Cosa vi aspettate da questo tour che ha preso il via lo scorso 7 febbraio?
Più che aspettative abbiamo delle speranze. Speriamo che il concerto piaccia e ci auguriamo di suonare bene. Sulle canzoni abbiamo più certezze. Sappiamo che sono piaciute. Nel live porteremo anche tutti i dischi vecchi che abbiamo provato ad amalgamare a quelli nuovi. Suoneremo alcune canzoni in maniera diversa, portiamo sul palco la nostra storia, un concerto dovrebbe essere un racconto di una vita. Viviamo in un’epoca in cui conta quello che fai al di fuori della musica. Noi da sempre facciamo il contrario. Sul palco si suona, si canta, si chiacchiera un pò, ma puntiamo sulla bellezza e l’importanza delle canzoni e basta.

Come si fa ad emergere nel mondo della musica se si proviene dalla provincia o da regioni che sono in grado di offrire poco e nulla agli artisti esordienti?
Tante cose ancora non le abbiamo capite, saremmo ricchi se ne avessimo comprese almento la metà (ridono ndr). Il mondo è pieno di imitazioni, e le imitazioni annoiano, fanno venire sonno. Il pubblico non è stupido. Tutti i progetti che hanno avuto un discreto successo, hanno tutti la loro particolarità. Le copie durano poco, quindi crediamo che se un’artista trova il modo di raccontare se stesso in maniera sincera, autentica e unica, ha la possibilità di suscitare interesse in qualcuno. Molti iniziano il loro percorso copiando altri artisti, ma è il meccanismo più sbagliato.

Salireste mai sul palco dell’Ariston?
Speriamo di non avere bisogno mai di quel palco. La vera essenza di Sanremo ormai si è persa, ruota tutto intorno all’audience. Si parla pochissimo delle canzoni. Non ci piace che la musica sia sormontata da tutto il resto.

Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Interviste

Ominous Scriptures: i brutal death metallers bielorussi si raccontano [ITA/ENG]

“L’approccio è sempre lo stesso: brutal death metal ispirato ai classici della fine degli anni ’90/primi anni 2000”

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

Da circa 10-15 anni a questa parte, nell’Europa dell’est si sta registrando un importante incremento della scena metal. In particolare, le frange più estreme del genere stanno trovando un terreno assai fertile, e non è un caso che molte grandi rivelazioni provengano proprio da questi paesi. Tra le tante band underground che hanno attirato l’attenzione ci sono sicuramente i bielorussi Ominous Scriptures.

Il quintetto di Minsk nasce nel 2013 e subito si fa notare per la sua musica: brutal death metal senza fronzoli e ferocissimo. Il secondo album, The Fall of the Celestial Throne, pubblicato nel 2020, è un esempio di quanto si affermava ad inizio articolo.

MyZona

Il 30 marzo 2021 gli Ominous Scriptures pubblicheranno una versione rimasterizzata del loro debutto del 2015, Incarnation of the Unheavenly. Per l’occasione abbiamo fatto loro qualche domanda, cercando anche di approfondire meglio la band e la situazione della scena metal in Bielorussia e nell’Europa dell’est. Buona lettura!

[English Version Below]

Ciao ragazzi e benvenuti su The Walk Of Fame Magazine. Il 30 marzo pubblicherete la ristampa del vostro album di debutto del 2015, Incarnation of the Unheavenly. Come mai avete deciso di riproporlo?

Ciao! Grazie per l’intervista! Sì, il 30 marzo abbiamo pianificato l’uscita di Incarnation Of the Unheavenly tramite Lethal Scissor Records. C’erano troppe ragioni per ripubblicare il nostro debutto. Innanzitutto, la produzione originale era super sporca, ma dopo il remix suonerà decisamente meglio! In secondo luogo, non sappiamo cosa stia accadendo all’etichetta che ha rilasciato l’originale, ma sembra che stia morendo. Quindi con la nuova versione possiamo riportare il disco negli store di tutto il mondo e rendere felici tutti coloro che lo volevano. Terzo: dopo l’uscita del nostro secondo album nel 2020 su Willowtip Records abbiamo ricevuto più attenzione. Perciò ora non vogliamo che i fan paghino il quintuplo per acquistare i cd tramite Discogs o Ebay.
Siamo davvero grati che i ragazzi della Lethal Scissor Records abbiano trovato interessante dare una seconda vita a questo disco.

Dopo l’ottimo lavoro fatto con The Fall of the Celestial Throne del 2020 avete già in mente un nuovo album?

Ovviamente. Con tutta questa situazione della pandemia non abbiamo potuto esibirci live, e quindi abbiamo deciso di non perdere tempo concentrandoci sulla creazione di materiale nuovo. L’approccio è sempre lo stesso: brutal death metal ispirato ai classici della fine degli anni ’90/primi anni 2000. Ma siamo comunque nel 2021, quindi non sarà un copia/incolla. Almeno lo spero. Ma sai una cosa, queste nuove tracce sono super esplosive!

Volete raccontarci come sono nati gli Ominous Scriptures? E perché la scelta di suonare un death metal così brutale?

L’idea per creare la band risale al 2012-2013. Volevamo solo suonare del brutal death metal con dei testi oscuri ed empi. In pratica lo stile che tutti amiamo. Nulla di speciale insomma…

Ho notato che negli ultimi 10-15 anni si è sviluppata un’importante scena metal nell’Europa dell’est. Mi viene da pensare ai vostri vicini di casa Eximperitus e Relics Of Humanity. O ai polacchi Mgła. Secondo voi, qual è la causa di questa incredibile ondata?

È vero! Stanno accadendo così tante cose fantastiche intorno a noi qui. La scena polacca è sempre stata una delle più apprezzate nell’underground mondiale, ma sì, così tante band provenienti da Bielorussia, Russia, Ucraina hanno pubblicato album fantastici negli ultimi anni. Come puoi non essere felice di questa situazione. Siamo sicuri che sia solo l’inizio.

La pandemia è stata decisamente un male per voi band underground. I concerti sono il modo migliore per farsi conoscere nella scena metal, ma il problema è che ora sono stati tutti cancellati e credo che questo vi abbia penalizzato. Cosa ne pensate? Avete una soluzione per ovviare alla questione?

Sì! Avevamo 2 tour in programma ed entrambi sono stati cancellati. Onestamente non vediamo altre soluzioni se non aspettare il giorno in cui l’umanità sarà in grado di controllare la malattia. Speriamo davvero che questa primavera/estate i fan di tutto il mondo possano riavere l’opportunità di tornare ad assistere a degli show. Di una cosa siamo sicuri ora: quella passione che abbiamo tutti, suonare ed andare ai concerti, non scomparirà ma ci renderà più affamati!

English Version

For about 10-15 years now in Eastern Europe there has been an important increase in the metal scene. In particular, the most extreme fringes of the genre are finding a very fertile ground. It is no coincidence that many great revelations come from these countries. Among the many underground bands that have attracted attention are the Belarusian Ominous Scriptures.

The Minsk quintet was born in 2013 and immediately got noticed for its music: brutal death metal without frills and very ferocious. The second album, The Fall of the Celestial Throne, released in 2020, is an example of what was said at the beginning of the article.

On March 30 2021, Ominous Scriptures will release a remastered version of their 2015 debut, Incarnation of the Unheavenly. For the occasion we asked them some questions, also trying to better understand the band and the situation of the metal scene in Belarus and Eastern Europe. Enjoy the reading!

Hi guys and welcome to The Walk Of Fame Magazine. On March 30, you will release the reissue of your 2015 debut album, Incarnation of the Unheavenly. Why did you choose to propose it again?

Hi there! Thanks for interview! Yes, on March 30 we have planned the reincarnation of Incarnation Of the Unheavenly through Lethal Scissor Records. There were too many reasons to rerelease our debut. First, the original production was super filthy, and after remixing/remastering it sounds even more better. Second, we really don’t know what happens with the label that released the original version, but looks like it near or dead already. So with new release we can bring it back to the stores all over the world and make everyone happy, who wanted to have it. Third, after the release of our second album in 2020 on Willowtip Records, we got more attention. Now we don’t want make fans  paying X5 prices to buy the OG cds through discogs/ebay sellers.
So we are really thankful that guys from Lethal Scissor Records found it interesting to bring the second life to this record.

After the great job done with 2020’s The Fall of the Celestial Throne, do you already have a new album in mind?

Of course. With all this pandemic situation we couldn’t make any tours/shows happened, so we decided to not waste the time and were focused on creation of new stuff. The way is still the same: Just brutal death metal inspired by late 90s/early 00s classic works. But we are breathing the air of 2021, so it not gonna be some copy/pasting. Anyway, i hope so. But you know what, these new tracks are super blasting!

Do you want to tell how Ominous Scriptures were born? And why did you decide to play such brutal death metal?

The idea to create the band is from 2012-2013 as I remember. We just wanted to play some Brutal Death Metal with dark/unholy lyrics. The style we all love. So probably nothing special here.

I have noticed that in the last 10-15 years an important metal scene has developed in Eastern Europe. It makes me think of your neighbors Eximperitus and Relics Of Humanity. Or to the Poles Mgła. In your opinion, what is the cause of this incredible surge in the Eastern European metal scene?

Thats true! We are looking for so many great things happens around us here. Polish scene always was one of the most markeble in worldwide UG, but yes, so many bands from Belarus, Russia, Ukraine have released amazing albums in last years. How can you not be happy with this situation. I am sure its just a begining.

The pandemic was definitely bad for you underground bands. Concerts are the best way to get known around the metal scene. The problem is that now they have all been canceled and I guess this has penalized you. What do you think about it? Do you have a solution in mind?

Yes! We had 2 tours in plans and both were canceled. I honestly don’t see any other decision as waiting the day when humanity will be able to control this disease. I really hope that this spring/summer fans all over the world will get back the opportunity to visit the shows/festivals. One thing I am sure now: that passion we all have, i mean play shows/come to shows, will not dissapear, but will make us more hungry!

Continue Reading

Interviste

Beati gli inquieti, il romanzo-reportage scritto da Redaelli nelle stanze della follia

Fabio Iuliano

Published

on

Si può costruire sul deserto? Si può abitare la follia per definirne le geometrie? Quella stessa follia che Stefano Redaelli ha scelto di guardare da vicino. Professore di Letteratura italiana alla facoltà di “Artes Liberales” dell’Università di Varsavia, esce in libreria con Beati gli inquieti. Un libro che arriva dopo un lungo trascorso all’interno di una struttura psichiatrica di Lanciano, in Abruzzo, con il proposito di riuscire a raccontare senza filtri la vita degli ospiti che ha conosciuto, la follia nella sua immediatezza e spontaneità.

Un avvincente romanzo-reportage, dove realtà e finzione si incontrano a restituire un’immagine verosimile delle strutture di cura, che ancora oggi sembrano accogliere qualche “matto” solo per dare alle persone fuori l’impressione di essere sane. Anche i nomi di persone e luoghi sono alterati, ma la trama non si allontana molto da quello che è successo nella realtà: Casa delle Farfalle è il nome della struttura psichiatrica a cui Antonio, ricercatore universitario, si rivolge.

MyZona

Prende accordi con la direttrice, si finge un paziente e, nel libro, racconta in prima persona. Scopre le storie delle persone che vi abitano, le loro ossessioni, le paure, i loro desideri. Conosce Marta, Cecilia, Carlo e Simone; ma è anche costretto a conoscere se stesso, più a fondo di quanto abbia mai fatto prima.

Redaelli sceglie con cura le parole, la sua scrittura è immediata e senza fronzoli, pur senza rinunciare alla poesia. Indaga senza filtri la natura umana portando alla luce i suoi lati più insoliti eppure più delicati, e si avvicina «anche se solo per un attimo» alla verità tutta intera. Il dialogo col lettore è diretto e vivace. È Angelo, tra gli ospiti, a introdurre un test di ingresso posto all’inizio del libro: «Se volete leggere questo libro dovete superare un test. Così saprò se mi posso fidare di voi. È il test dell’Fbi, serve per sapere se siete spie».


Beati gli Inquieti è uscito in tutte le librerie e negli store digitali. Edito dalla Neo Edizioni, il romanzo è candidato alla 75ª edizione del Premio Strega e alla 59ª del Premio Campiello. Il volume è anche secondo classificato al Premio nazionale di letteratura Neri Pozza 2020. «Leggendo questo libro», ha scritto Remo Rapino, premio Campiello lancianese con il “matto” Bonfiglio Liborio «mi è sembrato di fare un viaggio dall’inquieto alla serenità, grazie alla scoperta di mondi, di anime». Addottorato in Fisica e Letteratura, Redaelli ha approfondito a lungo il rapporto tra scienza, follia, spiritualità e letteratura. Vive tra Varsavia e l’Abruzzo e nel prossimo semestre sarà visiting professor all’università D’Annunzio di Chieti-Pescara.

Come è arrivato all’idea di questo libro?
Tredici anni fa, su invito di un’amica, raccolsi dei diari della Comunità di Sant’Egidio, con l’intento di trasformarli in un romanzo. Magari per vincere un premio in denaro a un concorso letterario da devolvere loro in beneficenza. Mi resi conto, però, che quelle parole avevano bisogno di storie in carne e ossa da incontrare. Di qui, iniziai a cercare e frequentare istituti psichiatrici della zona. Col tempo riuscii a fare un’esperienza simile a quella di Beati gli inquieti. Per farlo, ho frequentato una struttura lancianese per anni.

Realtà e finzione sullo stesso piano
Tutto quello che racconto è frutto di un vissuto reale, anche se reinventato in sede di scrittura. Non rinuncio a delle immagini che mi hanno accompagnato nei giorni vissuti nella struttura. Come l’immagine del deserto edificabile, il deserto dove si può costruire.

Genio e disagio, follia e pieghe della razionalità. Difficile trovare un equilibrio nei racconti dei suoi personaggi, alcuni dei quali molto affascinanti. Eppure lei scrive provocatoriamente: “Non andate a trovare i matti”.
I matti non mentono, i matti ci vedono, i matti sono nudi. I matti dicono sempre la verità. La follia potrebbe sicuramente essere definita come un’enigmatica forma di vita, un’esperienza che vada ben oltre la distinzione tra sano e malato, cela un’importante verità della nostra umanità. Una verità che ci riguarda. Una verità che si può cercare dentro la follia, dentro noi stessi. Eppure, noi preferiamo confinarla in schemi, etichette e strutture psichatriche.

L’AUTORE. Redaelli (Chieti 1970) ha conseguito il dottorato in Fisica e il dottorato in Letteratura all’Università di Varsavia, nonché il master “L’Arte di Scrivere” nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena. Docente di Letteratura italiana alla Facoltà di “Artes Liberales” dell’Università di Varsavia, si interessa dei rapporti tra scienza, follia, spiritualità e letteratura, e di traduzione letteraria. È autore delle monografie: Nel varco tra le due culture. Letteratura e scienza in Italia (Bulzoni, Roma 2016), Le due culture. Due approcci oltre la dicotomia (con Klaus Colanero, Arcane, Roma 2016), Circoscrivere la follia: Mario Tobino, Alda Merini, Carmelo Samonà (Sublupa, Varsavia 2013) e di numerosi articoli scientifici. Ha tradotto e curato la poesia di Jan Twardowski, Sullo spillo. Versi scelti – Na szpilce. Wybór wierszy (Ancora, Milano 2012). Tra le sue pubblicazioni anche il romanzo Chilometrotrenta (San Paolo, Milano 2011) e la raccolta di racconti Spirabole (Città Nuova, Roma, 2008).

Leggi anche: Con “Nebbia” Olita ha trovato la sua dimensione artistica

Continue Reading

Interviste

Greta Zuccoli: vivo la musica senza confini, Sanremo grande opportunità

Federico Falcone

Published

on

Greta Zuccoli è tra gli astri nascenti della musica italiana. La sua voce ha conquistato artisti come Damien Rice e Diodato e ora, con il brano “Ogni cosa di te“, mira a fare breccia nel cuore del pubblico e della giuria del Festival di Sanremo, dove parteciperà nella categoria Nuove Proposte. Il brano scritto da Greta stessa, vede la produzione artistica di Diodato e Tommaso Colliva. Una voce che si muove con un certo agio dal brit-folk alla melodia italiana, portando con sé gli echi delle suggestioni musicali che fanno parte del background artistico di Greta Zuccoli: trip hop, cantautorato, brit rock.  

“Mi piace pensare che attraverso la musica io riesca a sciogliere tutti i miei contrasti, mettere insieme le diverse sfumature di quello che sono; tracciare un confine, per poi cancellarlo e spingermi sempre oltre i miei limiti”, dichiara Greta.

MyZona

Arrivi al Festival di Sanremo con sound personale e frutto delle tue influenze. Credi che l’Ariston stia spalancando le sue porte a sonorità più moderne e meno tradizionali?

Sicuramente si. Anche vedendo quella che è la proposta artistica di quest’anno, sia tra big che nuove proposte, c’è sicuramente spazio per sonorità non proprio consuetudinarie. Sarà un’edizione particolare, che prende vita all’interno di un anno difficile e delicato per il mondo dello spettacolo. Ci auguriamo tutti che sia un punto di ripartenza per il nostro settore. Ho scelto di presentarmi per l’artista che sono, con le mie influenze e i mondi che sento più vicini a me. Classifico poco i generi musicali, ma ci tengo molto alla mia identità. Ciò che realmente mi interessa è far arrivare la sincerità della mia musica. Ritengo che con mediante essa si possa sperimentare e guardare avanti, anche verso un rinnovamento.

Leggi anche: Berlino in jazz: i 5 locali storici della città

Il brano con cui gareggi mostra la tua eclettica estrazione musicale. E’ questo il tuo punto di forza?

Amo moltissimo la musica folk, Joni Mitchell, e il cantautorato femminile di artiste come Joan Baez. Mi piace un sound molto essenziale e minimale. Negli anni sono arrivata The National, Bon Iver, e alla scena indie che adesso rappresenta una fetta importante della scena musicale attuale. Adoro le atmosfere di Massive Attack, Bjork, Portished che hanno condizionato il mio modo di intendere l’arte e l’approccio dietro al microfono.

In che modo, l’incontro con Diodato e Tommaso Colliva, ha inciso sul brano? Quanto e quale è stato il loro apporto in sala di produzione?

La produzione è di Diodato e Tommaso Colliva. Insieme abbiamo cercato di far venire fuori le mie influenze e le mie idee creative. Antonio condivide con me le stesse influenze. Durante i tour estivi abbiamo sempre proposto, perché entrambi la amiamo, “Out of time” dei Blur. Apprezziamo gli stessi artisti. Poi ci sono gli archi di Rodrigo D’Erasmo, anch’egli esponente di una scena che adoro. Quando senti dentro qualcosa di forte, poi alla fine si percepisce quando un sound è sincero. E’ il tuo modo di esprimerti. E’ il mio modo di fare arrivare la mia musica.

Leggi anche: Perché si dice “è tutto un altro paio di maniche”?

L’indie è il nuovo pop?

Da questo punto di vista non mi piace fare classificazioni o dare etichette. La musica la vivo come se non ci fossero confini specifici. La qualità prima di tutto. Penso all’epoca dei nostri nonni, dove la musica jazz era considerata pop. Dipende dall’accezione che uno vuol dare al concetto di popolare.

Cosa ti aspetti dall’esperienza al Festival di Sanremo?

E’ senz’altro un’esperienza importante iniziata diversi mesi fa con le selezioni. Per me, già questo passaggio, rappresentava una dimensione nuova. Non mi era mai capitato di esibirmi in un contesto dove ci fosse una selezione. Vivo la musica con molta serenità e condivisione, anche con gli artisti che hanno preso parte a questo viaggio. Soprattutto per il periodo che stiamo vivendo, c’è bisogno di ritrovare una comunione artistica. Non vedo l’ora di andare lì e immergermi nel contesto musicale per eccellenza. E’ la cosa che adoro di più al mondo. Speriamo che l’arte possa ripartire proprio dall’Ariston.

Leggi anche: Statale 107 bis, tornano col il singolo Annibale: “ciò che non uccide fortifica”

Continue Reading

In evidenza