Connect with us

Attualità

Le mani sui bauli e gli striscioni al Globe Theatre: “Siamo fermi da 419 giorni”

Published

on

T-shirt, striscioni, maxischermi a scandire tempi e modi della mobilitazione. Mani sui bauli per chiedere attenzione su un settore, quello dello spettacolo, che in un oltre anno (419 giorni per la precisione) non ha praticamente mai assistito a una parvenza di ripartenza con conseguenze pesantissime. I bauli, oltre un migliaio a riempire progressivamente la parte destra di piazza del Popolo, lasciando nell’emisfero opposto un sistema di trasnenne in grado di far fluire e defluire passanti e curiosi, al fine di evitare incidenti e affollamenti.

Il secondo appuntamento di “Bauli In Piazza – We Make Events Italia” segue quello di Milano, davanti al Duomo. Roma ha accolto organizzatori e addetti ai lavori ritrovando il suo fascino di inizio primavera. Quella luce unica e ogni volta inaspettata che ti spinge a camminare a caso tra i vicoli verso via del corso, Lungotevere Flaminio o su per le scalinate che conducono al Pincio, uno dei punti panoramici per eccellenza.

MyZona

GUARDA: La diretta della mobilitazione dei Bauli

L’aria si fa leggermente più fresca, un po’ per l’esposizione, un po’ per la fitta vegetazione di Villa Borghese. Ma proprio lì, in mezzo al parco, c’è un punto dove l’atmosfera è insolitamente calda. Gli occupanti del Silvano Toti Globe Theatre hanno deciso di aprire al pubblico l’area antistante, attraverso una serie di iniziative di sensibilizzazione che non rinunciano alla goliardia. Tutto in sicurezza, in ogni caso, anche grazie a un sistema di tracciamento iniziale con registrazione e rilevamento temperatura.

“Ci si tessera qui da noi”, fa un gruppo di artisti, operatori culturali, tecnici veneti, tutti con la maglietta griffata col logo Santa Maestranza. Approfondire le ragioni di questo logo ci costringerebbe ad addentrarci nei meandri della spiritualità veneta. Meglio di no, concentriamoci sulla “tessera” che consiste in una fetta di salame insieme a biscotti tipici e vino rosso dei Colli Euganei.

“Questo è un bicchiere di Vo’ Euganeo”, precisa uno di loro, puntando l’accento sulla produzione locale in uno dei comuni tra i più sfortunati: prima il covid, poi le attenzioni dei media mainstream, oltre e quelle di Andrea Crisanti. Il più carismatico tra loro va in giro a cercare tesserati. Caschetto giallo da speleologo su cappellino con visiera e mascherina Ffp2. “Ero cantante lirico fino a 3 marzo 2020, oggi mi occupo di traslochi, sgomberi e sistemo fosse della condenza grassi”. La sua storia la dice lunga sulle difficoltà del momento.

GUARDA: La diretta dal Globe Theatre occupato

“Siamo nella m***”, eslcama, “ma non vogliamo perdere la voglia di sorridere. “Il mondo dello spettacolo, proverbialmente sa prendersi molto sul serio senza essere serioso. E quindi nonostante la rabbia che ci portiamo dietro da sempre, ma abbiamo comunque la voglia di stare tra la gente. Chiediamo una riforma del nostro lavoro e non vogliamo più che la gente ci parli di cultura quando noi parliamo di lavoro”.

Lo spazio teatrale interno è riservato agli occupanti che hanno annunciato la mobilitazione, spiegando di averlo fatto “avendo cura della salute e della sicurezza di tuti”. Di fatto, la struttura teatrale non è completamente coperta e il ricambio d’aria in platea è garantito.

“Abbiamo fatto questa protesta”, viene ribadito,” per ribadire la necessità di una riforma strutturale dello spettacolo dal vivo, di un reddito per tutti, e di una ripartenza in sicurezza che coinvolga ogni più piccolo presidio culturale e non lasci indietro nessuno”.

“Con decine di colleghi ho scelto di partecipare all’occupazione di questo spazio”, spiega Elio Balbo, tecnico luci piemontese, “in vista dell’assemblea nazionale della rete Risp, emergenza continua per sottoscrivere una piattaforma condivisa con Bauli in piazza.

Nell’agora del teatro stiamo costruendo la piattaforma che porteremo in un confronto previsto giovedì 22 con i ministri Dario Franceschini e Andrea Orlando per parlare di una riforma strutturale e questo anche a prescindere dalle riaperture annunciate il 26 aprile: sono sicuramente un passo importante per il nostro comparto, ma si rischia di procedere a un riavvio ‘zoppo’ che favorisce i grandi a discapito di tutte le medie e piccole realtà.

Inoltre, la ripartenza fatta alle stesse condizioni che c’erano prima è una ripartenza falsa. Dobbiamo porre fine al lavoro in nero, ma anche garantire condizioni eque al lavoro regolare”. Tematiche, peraltro, cavallo di battaglia di artisti come Ascanio Celestini.

LEGGI ANCHE: Franceschini annuncia riaperture dal 26 aprile

Della stessa opinione alcuni professionisti dello spettacolo intervistati in piazza del Popolo. Tra questi, Damiano Galli di Tocco da Casauria, nel Pescarese. 

Esibisce il cartello “In televisione si parla solo dei ristoranti, noi siamo figli di nessuno”. Appare molto disincantato nei confronti della situazione. “Tanti eventi sono rimandati direttamente al 2022”, spiega. “Non mi aspetto più di tanto dall’estate prossima, dal momento che al momento sto lavorando con il mio service solo alla logistica dei vaccini”.

La protesta, animata soprattutto da chi lavora dietro le quinte, ha visto la solidarietà di tanti artisti da Paola Turci ad Andrea Delogu passando per Fiorella Mannoia, Max Gazzé, Daniele Silvestri, Renato Zero e i Negrita.

“Abbiamo bisogno di lavorare, ma soprattutto abbiamo bisogno di farlo in sicurezza e senza ulteriori interruzioni”, aggiunge Carlo Volpe, titolare del Fox Sound, studio nell’Aquilano e presidente dell’Ars Abruzzo, associazione regionale di service. “Le riaperture annunciate dal ministro rappresentano senza dubbio un passo in avanti”, sottolinea il presidente, “ma si inserisce in un quadro molto difficile. Non riusciremo, purtroppo, a fare più di tanto quest’estate. In ogni caso, è giusto dare un segnale di apertura, anche pensando a tante persone che quest’anno hanno vissuto una situazione drammatica”.

Ars nasce nel più ampio quadro di riferimento della Fedas, la Federazione aziende spettacolo Italia, associazione costituita per tutelare gli interessi sociali ed economici dei datori di lavoro del comparto spettacolo su tutto il territorio nazionale.

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Attualità

Tokyo 2020: su il sipario con “Moving Forward”, l’arte di guardare attraverso le ferite

Published

on

Tokyo

Moving forward, non poteva esserci altro titolo alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici Tokyo 2020. Una cerimonia in una città che non ha avuto paura di mostrare le ferite di un tempo difficile come quello che stiamo vivendo, con condizioni che avevano messo in forse, per il secondo anno di fila, anche la possibilità di effettuare i giochi stessi. Ferite da far rimarginare, crepe, frammenti da rimettere insieme. Non sono i giapponesi a insegnarci l’arte del kintsugi?

Un minuto di silenzio con tutti i presenti (pochi per la verità) in piedi, comprese l’imperatore Naruhito e il presidente del Cio, Thomas Bach, è stato osservato allo stadio Olimpico in conclusione della parte iniziale della cerimonia di apertura, quando è stata ricordata la pandemia – con personaggi vestiti di bianco, medici, infermieri, pazienti – e i suoi momenti più drammatici.

MyZona

Una sequenza di immagini di cui le mascherine hanno fatto tristemente parte integrante e non solo come dispositivi di protezione. Sempre nelle battute iniziali, è stata la volta dei tapis roulant, delle cyclette e delle spin-bike in dotazione di alcuni figuranti comparsi nel buio. Strumenti di allenamento individuale, a sottolineare i tanti mesi di isolamento, con delle luci a segnare delle connessioni: come a scandire attraverso immagini un altro slogan di questo tempo: “Distanti ma uniti”.

Lo speaker ha dunque invitato tutti ad alzarsi per onorare la memoria delle vittime. In precedenza, erano state mostrate alcune immagini del lockdown in tutto il mondo, tra le quali quelle di una piazza Duomo di Milano completamente vuota.

Leggi anche: Le prime Olimpiadi della storia

Come da tradizione, la delegazione della Grecia è stata la prima a sfilare nella cerimonia di apertura di Tokyo 2020, con i portabandiera e gli altri con la mascherina. Subito dopo gli atleti del Team dei Rifugiati. L’Italia Team è poi entrata dopo nello stadio Olimpico di Tokyo  sfilando nella cerimonia di apertura dei Giochi della 32/a Olimpiade moderna. In testa i portabandiera Jessica Rossi ed Elia Viviani. Gli azzurri hanno vestito la tuta bianca con un sol levante tricolore davanti, e quasi tutti hanno sventolato una piccola bandiera biancorossoverde. Le divise, firmate Armani, non sono state esenti da ironia sui social: “Sembrano dei Teletubbies bianchi” ha scritto qualcuno: “Rebus olimpico: perché c’è una pizza tricolore sulla pancia?”. In realtà, almeno nelle intenzioni dello stilista, i toni della divisa avrebbero dovuto richiamare alla purezza dello sport. E bisogna contare che le giacche sono tutte realizzate facendo ricorso a materiali ecosostenibili (poliestere tricot shiny riciclato) e personalizzate pure con la stampa delle prime parole dell’inno nazionale.

Leggi anche: La storia dei Giochi moderni

I primi Giochi in ‘bolla’ ostentano comunque numeri in grande stile: oltre 200 paesi, 306 gare in programma per 42 discipline, con alcune new entry: surf, arrampicata, karate e skate, novità volute dal Cio per fidelizzare il pubblico più giovane. Emozione poi al passaggio di Paola Egonu scelta tra le persone che hanno accompagnato la bandiera olimpica: “Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato”, ha commentato alla vigilia.

Continue Reading

Attualità

Green Pass per cinema e teatri dal 5 agosto e ancora stop alle discoteche: il nuovo decreto

Published

on

Il consiglio dei Ministri ha dato il via libera al nuovo decreto legge Covid. Un documento che, come anticipato, contiene una serie di misure che riguardano i settori dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Arriva l’obbligo di Green Pass per cinema e teatri, ma aumenta il numero di spettatori ammessi ad assistervi, sia al chiuso che all’aperto. In zona gialla si entrerà a cinema e teatro con Green Pass, mascherina e distanziamento, ma gli spettatori potranno salire all’aperto dagli attuali 1000 fino a un massimo di 2500 e al chiuso da 500 a 1000. Mentre in zona bianca, dove ora sono fissati limiti di capienza, viene fissato un tetto all’aperto di 5mila persone e al chiuso di 2500 persone. Le discoteche resteranno chiuse così come è precluso qualsiasi spettacolo in cui non si può garantire adeguato distanziamento del pubblico, con posti definiti.

MyZona

Dunque, gli spettacoli aperti al pubblico, anche all’aperto, saranno accessibili solo con posti a sedere pre-assegnati e a condizione che sia assicurato il distanziamento (oltre che muniti di Green Pass). Una situazione ben diversa rispetto alla Francia, dove molte più attività all’aperto sono consentite col pass sanitario anche senza distanziamento.

Leggi anche: Clapton potrebbe rinunciare agli show con Green Pass

Questi gli altri parametri introdotti: lo stato d’emergenza per il Covid dovrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Il Green Pass dal 5 agosto servirà anche per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti. Il certificato verde – spiegano fonti governative – non sarà invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso.

Leggi anche: Green Pass, la situazione in Francia

Terapie intensive al 20% e al 30% per le aree mediche per diventare arancioni e rispettivamente al 30 e al 40% per entrare in zona rossa. Mentre per entrare in zona gialla sarà sufficiente il 10% di occupazione delle terapie intensive e il 15% di ricoveri. Proteste nella notte a Torino.

Continue Reading

Attualità

Green Pass: concerti, discoteche e grandi eventi – i possibili scenari

Published

on

Foto: Nicolas LB on Unsplash

Mentre sono in fase di discussione le nuove regole per la ridefinizione delle aree di rischio nel nostro Paese, si fanno strada una serie di proposte volte a utilizzare il Green Pass per scongiurare chiusure al di fuori della zona bianca. Questo, di fatto il criterio proposto dalle Regioni, nella bozza inviata al governo.

Il decreto Covid, in fase di stesura, potrebbe – analogamente a quanto successo in Francia – permettere il via libera a discoteche e grandi eventi (pensiamo a concerti con un numero importante di spettatori), limitando però l’accesso ai possessori di pass sanitario in grado di provare la doppia dose di vaccino.

MyZona

Al momento, i casi in cui il Green Pass è obbligatorio sono piuttosto limitati. Nell’arco di qualche settimana, però, potrebbe essere richiesto per ristoranti e locali al chiuso al di fuori della zona bianca.

Leggi anche: A ballare col Green Pass, tutte le proposte

Sempre su richiesta delle Regioni, c’è la possibilità di ridurre il numero delle zone, da 4 a 3, per all’assegnazione dei profili di rischio (i cosiddetti colori). Si parla anche della flessibilità nella valutazione dei parametri nelle piccole Regioni, così come l’idea di considerare il numero dei vaccinati nelle Regioni.

Si propone quota 150 tamponi ogni 100mila abitanti come numero minimo di test ogni giorno e, soprattutto, di non scendere al di sotto della soglia del 15% e 20% di occupazione massima dei posti letto in terapia intensiva e reparti ordinari (il 5% inizialmente proposto di posti occupati in terapia intensiva rasenterebbe il ridicolo).

Il Green Pass potrebbe essere richiesto per consentire spostamenti in entrata o uscita dai territori ricadenti in zona arancione o rossa. Così come per l’accesso ad alcune prestazioni sanitarie, anche in affiancamento ai pazienti. Fiere, convegni, congressi e concorsi pubblici rientrano in questo tipo di elenco.

Quello che riguarda concerti, spettacoli e proiezioni risiede in questo elenco, dove a fare le differenze saranno le linee guida.

Foto: Nicolas LB on Unsplash

Continue Reading

In evidenza