“La Chioma di Berenice”: premiato Carlo Verdone

La XXII edizione del Premio Internazionale Cinearti “La Chioma di Berenice” si svolgerà questa sera, 31 marzo, dalle 21:30 sul portale www.mymovies.it. Da domani la serata di premiazione sarà visibile sul canale youtube Film&Clips https://www.youtube.com/channel/UCNT5YLfnn2cQGIxGw8iOxJQ

Previsto inizialmente a dicembre 2020, il Premio è stato rimandato a causa della pandemia da Covid-19. L’evento non si svolgerà in una sede fisica al cospetto di un pubblico in presenza, ma per la prima volta sarà all digital.
La conduzione della serata sarà affidata all’attrice, cantante e conduttrice Carolina Rey con collegamenti con i vincitori oltre ad alcune presenze in studio.

MyZona

Premio e anticipazioni

Quest’anno, oltre alle categorie Acconciatura, Trucco, Cinematografia, Costumi, Scenografia, Montaggio, Colonna sonora, Attrice, Attore,  Produttore, Regia, Film sono previsti anche due premi speciali, il Premio Speciale alla carriera, e per la prima volta un Premio Attore e Regista.

Questo ultimo premio sarà assegnato a Carlo Verdone “per aver descritto in modo impeccabile oltre quarant’anni di società italiana, per averci fatto riflettere e soprattutto ridere con i suoi film indimenticabili e sempre attuali. A oltre quarant’anni dal suo debutto sulla scena continua ad essere il miglior antidepressivo naturale!”.

Un’altra anticipazione riguarda Vittorio Storaro al quale andrà il Premio per la Cinematografia “per l’inimitabile capacità di usare la luce come strumento per illuminare anche una commedia sentimentale diretta da un maestro indiscusso del cinema mondiale come Woody Allen. Per il sentimento e la passione con cui ha dato vita alle atmosfere calde, provocanti e ironiche di “Rifkin’s Festival”.

Il 2020 è stato un anno molto difficile per il cinema italiano. La chiusura delle sale cinematografiche e la sospensione di molti degli eventi di promozione cinematografica hanno portato a un drastico cambiamento delle prospettive di fruizione dei prodotti. Il cinema, come tutto il comparto culturale e l’industria dell’intrattenimento, ha subìto enormi perdite economiche sia in termini di incassi mancati che di posti di lavoro.

Quest’anno dunque il Premio Internazionale Cinearti “La Chioma di Berenice“si svolgerà con un’edizione diversa dalle altre. I riconoscimenti saranno assegnati indipendentemente dall’uscita del film (se avvenuta nelle sale cinematografiche prima della loro chiusura, su piattaforme streaming o canali tv, ecc.) o meno. 

A fronte del mutato scenario della fruizione, con prodotti spesso dal linguaggio ibrido e modelli di distribuzione diversi, anche in contemporanea, è stata eliminata la suddivisione dei premi nelle due categorie cinema e fiction.

Le giurie, in questa edizione, saranno sostituite da un comitato tecnico/artistico composto dalla direzione artistica, dai componenti della Presidenza nazionale di CNA Cinema e Audiovisivo – per la premiazione delle categorie relative a miglior produttore, attore, attrice, regia, film, montaggio – e dalla Presidenza CNA Benessere e Sanità per la premiazione delle categorie relative a miglior acconciatura, trucco, costumi, scenografia, colonna sonora, autore della cinematografia.

La XXII edizione, a cura di CNA Nazionale (CNA Benessere e Sanità e CNA Cinema e Audiovisivo) e Fondazione Ecipa, si avvale del contributo della Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura e del supporto di ASC – Associazione Italiana scenografi, costumisti, arredatori – e Accademia Belle Arti.

Graziella Pera, Presidente Premio Internazionale Cinearti “la Chioma Di Berenice” si è detta soddisfatta e orgogliosa dell’importanza acquisita negli anni dal Premio “avendo premiato le più note personalità artistiche e professionali, tra cui spiccano anche importanti premi Oscar come Manlio Rocchetti, Gabriella Pescucci, Dante Ferretti. È un Premio che ha una sua forte identità, poiché è stato tra i primi ad aver assegnato un riconoscimento alle professionalità artistiche ed artigianali che caratterizzano ogni produzione e che sono centrali nella realizzazione di un film.”

Antonio Flamini, Direttore Artistico Premio Cinearti “La Chioma di Berenice” esprime orgoglio per questa “esperienza della direzione artistica di un premio di cinema, storico e così importante come questo. Ho cercato, nel rispetto della tradizione del premio, di seguire gli aspetti dell’evoluzione che ha avuto nelle ultime edizioni, aggiungendo qualche elemento di novità che comunque contribuisse alla sua specificità, con un’anima ed una personalità unica nel panorama italiano dei riconoscimenti dedicati al cinema ed all’audiovisivo in generale. Questa, che sarà una edizione speciale, rappresenta una sfida per tornare, mi auguro presto, a condizioni normali e recuperare gli spazi che di solito caratterizzano gli eventi di questo tipo.”

Da leggere anche

Federico Rapini
Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli