Connect with us

News

L’11 settembre dei complottisti: tutte le teorie più improbabili

Published

on

Da grande amante del parossismo in ogni sua forma, questo speciale sull’11 settembre ho scelto di dedicarlo alle teorie cospirazioniste. Quanto più queste teorie diventano eccessive e sospettose, tanto più mi piacciono. È chiaro che il mio gradimento non nasca da una vera forma di rispetto per il complotto, ma dalla capacità esagerata della mente umana di partorire una situazione fuori dallo schema del reale per il puro gusto del sospetto. Un complotto nasce per diverse ragioni, ma è bene precisare da subito che, prima di ogni altra cosa, il complotto nasce, esiste, è un fatto reale della storia dell’uomo e importanti esempi potrebbero essere portati a sostegno di quella che, dopo tutto, non è una tesi ma una constatazione: l’assassinio di Giulio Cesare nasce da una cospirazione, come la Congiura delle Polveri nasceva da un preciso programma dei gesuiti. Che poi quei gesuiti, tre secoli dopo, non abbiano davvero fatto affondare il Titanic per poter creare la Federal Bank con il beneplacito dei Cavalieri di Malta, è un altro discorso. E arriviamo al cuore della questione: ben prima della diffusione su larga scala di internet, le teorie cospirazioniste sull’11 settembre hanno avuto larga fortuna tra i circoli dei buontemponi, soprattutto nella sinistra anti-americana e nei circoli antisemiti, e infatti esiste una precisa gradazione di gravità di queste teorie, da una dimensione realistica nei termini narrativi ma improbabile per mancanza di fonti a una vera incursione del fantastico. Tutti però accomunati dal seme del terrore che un fatto anche eclatante possa essere spiegato in minimi termini, da qualcuno che vuole farci le scarpe. Da questo terrore, una serie di spiegazioni alternative per chi non vuole farsi fregare dalla propaganda americana – e ha voglia di farsi due risate. 

La banconota

Ci sarebbe questa inconfutabile prova della banconota americana, che se piegata in una certa maniera va a formare le due torri, e piegata ancora in un’altra maniera andrebbe a formare la scritta “Osama”. E piegata ancora in un’altra maniera verrebbe fuori una pernacchia. 

MyZona

Il complotto giudaico

Versione molto apprezzata negli ambienti islamici radicali. Nasce da una televisione libanese che sosteneva che quel giorno, migliaia di cittadini di ebraici preallertati dal Mossad, fossero coscientemente rimasti nelle proprie case per evitare una giornata particolare negli uffici del World Trade Center. In realtà quel giorno morirono circa 150 lavoratori ebrei.

Gianni Minà e gli aerei radiocomandati

Il giorno successivo all’attacco contro le torri gemelle, Gianni Minà intervenne con un pezzo che criticava i sistemi di sicurezza americani, farneticava qualcosa su Bush che avrebbe potuto decidere di insabbiare alcuni documenti della CIA in merito a un possibile attacco, della politica acida degli Stati Uniti contro l’America Latina e della serpe intrinseca del Governo americano. Un mappazzone, come direbbero a Bologna. Insomma, una stronzata. Qualche tempo dopo Minà insistette su questa tesi, e durante il tour del suo nuovo libro aggiunse che gli aerei esplosi contro le Torri erano vuoti e radiocomandati. Manca ancora un tassello: che fine hanno fatto i – fittizi, a questo punto – passeggeri? Tutta una grande farsa? Minà è ancora vivo e ci piace immaginare che si sia preso quella ventina d’anni per rispondere.

Raggi fotonici e traguardi della computer grafica

Arriviamo alla fantascienza: c’è chi sostiene che le torri gemelle siano state colpite da dei raggi fotonici, sparati da un punto imprecisato, da qualche malintenzionato. Niente arei, che sarebbero stati inseriti in fase di post-produzione. Kubrick? No, era già morto. Forse.

Gli alieni, Israele e il Presidente

Sì, ci sono anche loro. La teoria aliena alla Marco Berry, che conoscendo i gusti c’avrebbe messo anche due nani, un’ascia e un viaggio nel tempo, esiste ma ha una nascita più recente. Le prime tesi cospirazioniste su un intervento alieno dietro l’11 settembre sono nate con la comparsa di alcuni video – quelli no, non hanno aggiunte in post produzione – che mostrano chiaramente dei dischi volanti monitorare la situazione attorno alla zona delle Torre Gemelle poco prima dell’attacco. Scott C Waring, esperto di UFO – “non mi infastidisca con questo cazzo di spelling” – sostiene che gli alieni avrebbero osservato da vicino l’avvenimento, e che alcuni di noi sarebbero entrati in un contatto visivo diretto con loro: “Spesso gli UFO sono visti durante eventi tragici, perché stanno monitorando gli eventi. Loro vogliono vedere gli umani nel loro peggio e nel loro meglio.” Aggiunge Phil Young: “Soltanto gli israeliani e il governo controllano gli ufo, li conoscono, sanno che sono stati loro”. Alcuni esperti di UFO si sono infastiditi della cosa, sostenendo che questa tesi rovini la loro autorevolezza. I democratici si augurano che questi dischi volanti non inquinino troppo.

Sostiene Babilonia

Una tesi che ci porta leggermente lontani dal fatto specifico delle Torri Gemelle, ma che parla un linguaggio universale abbracciando tutte le grandi catastrofi naturali e non degli ultimi vent’anni. Il Dottor Babilonia Emiliano ha da oltre dieci anni un’associazione no-profit con cui si occupa di “lotta al controllo mentale MKO e sistemi di spionaggio”. Cinque anni fa ha aperto un blog chiamato “Vittime del controllo neurale.blogspot” dove denuncia “agenzie deviate sovraistituzionali, forse servizi segreti non convenzionali”. Se non fosse abbastanza chiaro, l’11 settembre sarebbe avvenuto perché “le famigerate voci che sentiamo nel nostro cervello sono comunicazioni infra-soniche inserite nei condotti uditivi”. Insomma, un attacco indotto. Ma da chi? Il Dottor. Babilonia Emiliano ci parla di “Satelliti Spia radiocomandati” che il Governo francese starebbe tentando di combattere con un satellite a raggi ultravioletti. Un giretto sul suo blog vi darà le giuste delucidazioni, qualora foste scettici.

Pescarese, classe 1998. Unico laureando in lettere a non aver ancora scritto la propria autobiografia. Interessi: le cose frivole, le chiacchiere a vuoto, gli scrittori comodi, il cinema popolare, i videogiochi. In un'altra vita è stato un discreto detective privato.

News

Casa Azzurri: parterre di musicisti e attori ad accompagnare gli Europei

Published

on

La musica dei Negramaro, protagonisti del primo dei cinque concerti live in programma, ha accompagnato l’inagurazione di “Casa Azzurri”, la struttura che dal 1998 accompagna l’Italia in occasione dei grandi tornei internazionali. Da oggi “Casa Azzurri”, apre per la prima volta le sue porte al pubblico con una lunga serie di eventi che ogni giorno fino al 20 giugno, dalle 12 a mezzanotte, terranno compagnia a tutti i tifosi della Nazionale, attesa tra due giorni allo Stadio Olimpico al debutto ad Euro 2020. L’appuntamento quotidiano è al PratiBus District di Roma.

Un Campionato Europeo da vivere attraverso i maxischermi che trasmetteranno tutte le gare dei gironi, compresi i tre match della Nazionale contro Turchia, Svizzera e Galles. Calcio e musica è da sempre un binomio vincente e lo sanno bene anche gli speaker di Radio Italia, che coinvolgeranno il pubblico con divertenti giochi a premi su temi musicali e calcistici. E la musica sarà protagonista a “PratiBus District” grazie ad alcuni interpreti della canzone italiana.

MyZona

Dopo i Negramaro, nei prossimi giorni saliranno infatti sul palco di ‘Casa Azzurri’ anche Alessandra Amoroso (11 giugno), Nek (15 giugno), Virginio (16 giugno) ed Ermal Meta (19 giugno).

Parterre di vip importanti anche per la terrazza del Pub Azzurri, rigorosamente Peroni. Qui dove Furio e Giorgio del Trio Medusa, le voci ufficiali dell’evento nel corso di tutto il format, insieme a Danilo da Fiumicino, in veste di inviato sul campo, saranno i padroni di casa e accoglieranno gli ospiti in uno show di intrattenimento da seguire direttamente sui canali social (Instagram) del brand e dei presentatori stessi.

Getty for FIGC

Per tutte le tre partite della fase a giorni (l’11, il 16 e il 20 giugno), il format sarà ospitato all’interno di “Casa Azzurri”: qui i conduttori realizzeranno il takeover del profilo Instagram di Peroni e, in live streaming, presenteranno i loro ospiti protagonisti della diretta. Non solo tifosi scelti tra gli ospiti di Casa Azzurri, che saranno invitati a superare le loro differenze (sportive e non!) brindando con una Peroni Cruda, ma anche una coppia di ospiti celebri, anch’essi divisi dal tifo ma uniti da Peroni.

Tra i volti noti che si alterneranno e che accompagneranno Peroni in questa avventura ci saranno Elenoire Casalegno, Melissa Satta, Filippo Bisciglia, Salvatore Esposito, Laura Chiatti e Francesco Arca. I personaggi Vip, tutti diversi tra loro nelle esperienze e nel tifo e che sono stati scelti proprio per le loro differenze, verranno ospitati in una Instagram Live Room nei pre e post partita della fase a gironi e racconteranno emozioni e curiosità sul loro tifo e non solo.

Nel corso del match, inoltre, gli host seguiranno la partita via Instagram Stories con un racconto di ‘backstage’ sulle emozioni e reazioni che emergeranno nel corso della partita. Al termine della partita, ovviamente ci sarà il commento a caldo con una Peroni Cruda per festeggiare (o dimenticare): è questo il momento più importante, quello del Peroni Terzo Tempo, dove non conta il risultato ma lo stare insieme, superando le differenze e brindando.

Ed è proprio un brindisi quello che Peroni proporrà alla propria community, lanciando #UnaPeroniCon, ovvero un invito a condividere, attraverso foto, messaggi o audio, con chi si è bevuto durante la partita, quella persona così differente da noi, il nostro opposto ma con cui ci si è sentiti uniti brindando con una Peroni Cruda. I contributi più interessanti saranno poi condivisi da Peroni nelle giornate successive.

L’inaugurazione di Casa Azzurri – foto: Getty for FIGC

Continue Reading

News

Springsteen riapre Broadway, ma non si entra senza vaccino

Published

on

springsteen

Bruce Springsteen riapre Broadway in un “one man show” riservato però solo alle persone che potranno provare di aver fatto il vaccino. Si tratta di una nuova edizione del suo spettacolo autobiografico, in programma dal dal 26 giugno e fino al 4 settembre.

Springsteen on Broadway” aveva debuttato nel 2017 sulla “lunga strada bianca” ed era stato prorogato tre volte fino alla fine del 2018. Il prezzo dei biglietti, come riporta l’Ansa, è compreso tra i 75 e 850 dollari.

MyZona

Leggi anche: Springsteen a Milano nel 2022?

“Springsteen on Broadway”, disponibile anche su Netflix, è al momento il primo spettacolo a riaprire a Broadway dopo i lunghi mesi del lockdown, ma non il solo concerto in persona in programma nelle prossime settimane. I Foo Fighters hanno annunciato che il 20 giugno riapriranno il Madison Square Garden, mentre gli Strokes suoneranno il 12 giugno a Irving Plaza. In entrambi i casi, come per Springsteen, l’accesso sarà consentito solo a persone protette dal vaccino.

Photo by Jose Antonio Gallego Vázquez on Unsplash

Continue Reading

News

Cento anni di Chanel N°5, l’essenza di donna

Published

on

“Lancio la mia collezione il 5 maggio, quinto mese dell’anno, lasciamogli il numero che porta e questo numero 5 gli porterà fortuna“.

A distanza di ben 100 anni possiamo ufficialmente dire che il sesto senso di Mademoiselle Coco aveva proprio fatto centro.  Era il 5 maggio 1921 quando Gabrielle Bonheur Chanel – conosciuta come Coco per la canzone con cui si esibiva nei cabaret durante nel breve tentativo di diventare cantante – rivoluzionava l’industria profumiera con il suo Chanel N°5

MyZona

La fragranza scelta da Coco è quella nella quinta boccetta d’essenza di prova di Ernest Beaux: al chimico che sarà conosciuto come “le nez de Chanel” la giovane stilista francese aveva chiesto “nessun olezzo di rose o mughetto” ma “un profumo elaborato, che resti addosso”.

Così nasce “un profumo da donna che sappia di donna: non più l’essenza di un solo fiore come da tradizione, ma un bouquet di oltre 80 ingredienti diversi, una fragranza decisa, elegante ed intraprendente, che le ricordasse l’odore delle mani di sua madre – lavandaia della Provenza-, che non durasse qualche minuto ma che aderisse alla pelle e permettesse ad una donna di lasciare dietro di sé una scia forte come la sua personalità. Con questo scopo, Beaux è stato uno dei primi cinque della storia a creare un profumo sintetico utilizzando l’aldeide 2-metil-1-decanale, additivo privo di odore ma capace di accentuare gli altri. 

Composizione di Chanel N°5

Testa: aldeidi, bergamotto, limone, neroli

Cuore: gelsomino, rosa, mughetto, iris

Fondo: vetiver, sandalo, vaniglia, ambra

Inizialmente la nuova invenzione della Chanel, in una boccetta di vetro (o raramente di cristallo) in stile minimalista, semplice, geometrico e razionale (adattandosi alle correnti artistiche degli anni ’20), non era acquistabile ma un premio, un oggetto del desiderio: era un omaggio per le migliori clienti della sua boutique in 31, rue Cambon di Parigi. Una volta immesso sul mercato, divenne un bene di lusso ma essendo distribuito esentasse negli spacci militari statunitensi della II guerra mondiale, si diffuse in tutto il mondo divenendo uno dei simboli della rivoluzione messa in atto da Chanel. 

La giovane Coco che diede il suo nome alla famosa boccetta, mentre si preparava ad essere costumista dell’Antigone di Jean Cocteau e per la prima volta tagliava i suoi lunghi capelli bruciati da un fornello ignara di lanciare la moda alla garçonne, non era ancora consapevole di contribuire ad una delle più grandi rivoluzioni culturali del XX secolo: iniziando da un negozio di cappelli semplici e delicati (in paglia e nastri, completamente in contrasto con quelli di moda nella Belle Époque) renderà la donna libera e viva.

Con lo scoppio della guerra, la donna non può più essere un manichino da vestire, una bambolina da spostare, ma è dinamica, attiva, indipendente e lavoratrice: la Chanel le dà la possibilità di muoversi e di sentirsi comoda senza perdere l’eleganza e la sobrietà. Ed è così che crea le giacche e i pantaloni da donna, le gonne sotto al ginocchio, usa il jersey e il tweed scozzese, introduce lo stile alla marinara e il contrasto tra bianco e nero, fino ad inventare l’ineguagliabile petite robe noire.Il profumo che oggi festeggia un secolo è stato consegnato al mito da testimonial come Catherine Deneuve, Nicole Kidman, Audrey Tautou, Carol Bouquet, Lily-Rose Depp, Brad Pitt, Marion Cotillard e soprattutto dalla celebre frase di Marilyn Monroe: “Cosa indosso a letto? Che domande, Chanel N° 5, ovviamente”.

di Sara Paneccasio

Photo by Jonathan J. Castellon on Unsplash

Continue Reading

In evidenza